eBook di filosofia: E. Basso, “Une science de fous et de génies” : la phénoménologie psychiatrique à la lumière de la correspondance échangée entre Gaston Bachelard, Roland Kuhn et Ludwig Binswanger

Ludwig Binswanger

Elisabetta Basso, “Une science de fous et de génies” : la phénoménologie psychiatrique à la lumière de la correspondance échangée entre Gaston Bachelard, Roland Kuhn et Ludwig Binswanger

The paper aims to analyze the relationships between Gaston Bachelard’s thought and the psychiatric phenomenology worked out in the German-speaking countries from the 1920s. In particular, we question the link that is established between existential analysis and Rorschach Psychodiagnostic test in the field of Franco-German-speaking psychiatry after WWII. The intellectual and scientific exchanges that take place at the turn of the 1950s between French- and German-speaking psychiatrists and philosophers will guide our analysis to explain the specificity of the epistolary relations between Gaston Bachelard, Ludwig Binswanger and Roland Kuhn. Our study of the relations between psychopathology and phenomenology, centered on the Rorschach, will have both a historical and an epistemological character, insofar as we will show how the French- and German-speaking network that is historically constituted around the collaboration between psychiatrists and philosophers produces significant philosophical effects in the thought of the authors who serve us here as guides.

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, eBook di Filosofia, Lettere, Psichiatria

eBook di filosofia: Materiale di preparazione al Giorno della Memoria. Suggerimenti per insegnanti

RETICOLATO ROSA

OSCE ODIHR (a cura di), Materiale di preparazione al Giorno della Memoria. Suggerimenti per insegnanti

“Queste linee guida sulla preparazione dei giorni commemorativi dell’Olocausto sono state sviluppate per gli educatori che insegnano agli studenti delle scuole superiori negli Stati partecipanti dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), evidenziando suggerimenti su come pianificare le attività di commemorazione legate alla memoria annuale dell’Olocausto giorni.”

Lascia un commento

Archiviato in Didattica della filosofia

eBook di filosofia: Correspondance Gaston Bachelard- Ludwig Binswanger (1948-1955)

Bachelard   Ludwig Binswanger
Elisabetta Basso e Emmanuel Delille (a cura di), Correspondance Gaston Bachelard- Ludwig Binswanger (1948-1955)

 

Vi segnaliamo anche

 

“La correspondance échangée par Gaston Bachelard et Ludwig Binswanger entre 1948 et 1955 est conservée aux archives de l’Université de Tübingen (Bade-Wurtemberg), sous la cote 443-51 (Binswanger-Archiv). Les mots ou les lettres dont la transcription n’est pas certaine sont indiqués entre crochets. Par convention, les titres d’ouvrages cités sont en italiques, la ponctuation a été corrigée (avare en virgules, Bachelard néglige aussi souvent le point final de ses phrases) et un nombre limité de notes de bas de page donnent des informations bio-bibliographiques. Nous avons tenté de conserver autant que possible la mise en page des lettres. Celles de Gaston Bachelard, rédigées en français, sont le plus souvent écrites à la main sur du papier à en-tête du Centre d’Histoire des Sciences et des Techniques de la rue du Four, tandis que celles de Ludwig Binswanger, toujours en allemand, sont dactylographiées sur papier libre.

La correspondance commence à l’occasion de l’envoi du premier volume des Ausgewählte Vorträge und Aufsätze (1947) du psychiatre suisse au philosophe français, ainsi que des cas cliniques Ellen West (1944) et Jürg Zünd (1947), deux cas de schizophrénie qui deviendront rapidement, avec trois autres histoires de patients schizophréniques (Ilse, Lola Voss et Suzanne Urban), ses analyses psychopathologiques les plus connues, emblématiques de l’analyse existentielle.

Nous remercions vivement les archives de l’Université de Tübingen de nous avoir transmis ces documents, ainsi que les ayants droits de Gaston Bachelard et Ludwig Binswanger de nous avoir donné leur accord pour les publier.”

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Lettere

eBook di filosofia: The Correspondence of Jeremy Bentham

Bentham

Timothy  L. S. Sprigge ( a cura di), The Correspondence of Jeremy Bentham (5 volumi)

“The first five volumes of the Correspondence of Jeremy Bentham contain over 1,300 letters written both to and from Bentham over a 50-year period, beginning in 1752 (aged three) with his earliest surviving letter to his grandmother, and ending in 1797 with correspondence concerning his attempts to set up a national scheme for the provision of poor relief. Against the background of the debates on the American Revolution of 1776 and the French Revolution of 1789, to which he made significant contributions, Bentham worked first on producing a complete penal code, which involved him in detailed explorations of fundamental legal ideas, and then on his panopticon prison scheme. Despite developing a host of original and ground-breaking ideas, contained in a mass of manuscripts, he published little during these years, and remained, at the close of this period, a relatively obscure individual. Nevertheless, these volumes reveal how the foundations were laid for the remarkable rise of Benthamite utilitarianism in the early nineteenth century. “

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Lettere

eBook di filosofia: M. Quaranta, Peano e Vailati di fronte alla filosofia

220px-Giovanni_Vailati

Mario Quaranta, Peano e Vailati di fronte alla filosofia

“Vailati, nativo di Crema, si era laureato a Torino in Ingegneria nel 1884 e in Matematica nel 1888. E’ poi assistente di Peano nel corso di Analisi infinitesimale. Soprattutto, collabora con Peano alla sua “Rivista di Matematica” con alcune Note e brevi recensioni. E’ in questo periodo che i suoi interessi, inizialmente rivolti allo studio delle strutture algebriche, progressivamente si orientano verso i problemi fondazionali della Geometria.

A metà degli anni ’90, a Torino arriva Volterra e così Vailati lascia Peano per passare con il nuovo professore ordinario di cui sarà assistente nel corso di Meccanica razionale. Vailati terrà per tre anni un corso libero di storia della Meccanica e le sue prolusioni a questi tre corsi risulteranno tra le pagine più impegnate della sua riflessione.

Con il cambio di secolo Vailati decide di abbandonare l’Università, anche per la difficoltà a trovare una sistemazione definitiva, e passa all’insegnamento secondario. Cambierà parecchie sedi, fermandosi anche in Sicilia e a Palermo lascerà tracce non trascurabili della sua presenza nei circoli intellettuali della città. Dal 1904 al 1907, collabora alla rivista “Leonardo” di Papini e Prezzolini.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Logica

eBook di filosofia: M. A. Keeler, Discovering the Future in the Past. How C.S. Peirce’s 19th Century Ideas Challenge 21st Century Technology

Peirce1

Mary A. Keeler, Discovering the Future in the Past. How C.S. Peirce’s 19th Century Ideas Challenge 21st Century Technology

Versione preprint caricata dall’autrice in Research Gate

Here is an account of C.S. Peirce’s manuscript archive, how much is still unpublished, and how his ideas encourage us to improve access. We intend this volume to be a “handbook” for those who might join us in continuing to improve access to Peirce’s archive of manuscripts. In the first half (chapters 1-7), we attempt to collect and preserve essential historical records of what has been done to provide access to C.S. Peirce’s manuscripts, followed by examination of how current technology can be used to improve access to help us continue discovering and developing his ideas. The last half of the volume (chapters 8-14) offers incentive for continuing to improve access to Peirce’s unpublished late work, which challenges us to invent new technology to represent his ideas. As a whole, we intend this volume to serve as a handbook for comprehending and navigating Peirce’s archive, an effort that will continue to be essentially collaborative. For more detail on the history and condition of the Peirce papers, see André De Tienne’s “The Peirce Papers: How to Pick up Manuscripts That Fell to the Floor.” Also see Nathan Houser’s “The Fortunes and Misfortunes of the Peirce Papers.”

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Manoscritti

eBook di filosofia: G. Campoccia, Su Nietzsche e Bloch: nichilismo e autocotradditorietà della secolarizzazione

nietzsche  bloch_ernst

Giuseppe Campoccia, Su Nietzsche e Bloch: nichilismo e autocotradditorietà della secolarizzazione

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Milano, a.a. 2011; tutor: R. Fabbrichesi, P. D’Alessandro ; coordinatore: R. Pettoello

“L’ipotesi di questa ricerca è che l’autocontraddittorietà costituisca l’anello (o il circolo) che congiunge nichilismo e secolarizzazione, e che essa sia altresì il filo conduttore con il quale interpretare, in primo luogo, la questione del nichilismo in Nietzsche e, in secondo luogo, il fenomeno della secolarizzazione della religione occidentale, intorno al quale si sviluppa una parte importante della riflessione di Nietzsche e Bloch. A partire dalla riflessione di Bloch sulla secolarizzazione tenterò inoltre di trattare la questione del nichilismo nell’opera di quest’ultimo.
Cercherò di mostrare come per la sua struttura autocontraddittoria la
secolarizzazione della religione occidentale (e il discorso stesso che la pronuncia) sia congiunta con la tesi principale del nichilismo e possa essere intesa come suo svolgimento. Una parte importante della riflessione di Bloch viene così riletta a partire dalla ripresa della tesi nietzschiana dell’autodissoluzione del cristianesimo in Ateismo nel cristianesimo (1968), vale a dire come coerente svolgimento filosofico della tesi dell’autocontraddizione della religione occidentale intesa come principio della secolarizzazione. Questo legame dovrebbe giustificare una ricerca sulle conseguenze teoriche di una ripresa da parte di Bloch della tesi dell’autocontraddittorietà del cristianesimo nel mezzo del nichilismo e offrire l’occasione per trattare la questione del nichilismo e della sua logica su questa base.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Tesi

eBook di filosofia: T. Bascelli, I fondamenti della nuova scienza del moto: la cinematica di Galileo e la geometria di Torricelli

(c) Wellcome Library; Supplied by The Public Catalogue Foundation

Tiziana Bascelli, I fondamenti della nuova scienza del moto: la cinematica di Galileo e la geometria di Torricelli

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Padova (2018)

“Questo lavoro di ricerca intende dare una diversa lettura alla Nuova scienza del moto elaborata da Galileo Galilei nei Discorsi (1638) e da Evangelista Torricelli nell’Opera geometrica (1644). L’attenzione è rivolta al processo di matematizzazione che subisce il moto locale nel momento in cui nasce la meccanica moderna, per analizzarne le condizioni di realizzazione e le caratteristiche principali. Il moto locale, una questione dibattuta all’interno della filosofia naturale, diventa cinematica, cioè scienza. Si mostrerà che la strutturazione di un nuovo concetto di velocità è l’evento decisivo che porta l’accezione ingenua e intuitiva della tradizione, ad assumere l’accezione tecnico-operativa di grandezza continua. La natura della continuità è inscindibile dalla nozione di infinito e l’analisi di questo legame è la chiave di lettura proposta.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Storia e Filosofia della Scienza, Tesi

eBook di filosofia: D. Gamez, Human and Machine Consciouness

Human and Machine Counsciouness
“Consciousness is widely perceived as one of the most fundamental, interesting and difficult problems of our time. However, we still know next to nothing about the relationship between consciousness and the brain and we can only speculate about the consciousness of animals and machines.

Human and Machine Consciousness presents a new foundation for the scientific study of consciousness. It sets out a bold interpretation of consciousness that neutralizes the philosophical problems and explains how we can make scientific predictions about the consciousness of animals, brain-damaged patients and machines.

Gamez interprets the scientific study of consciousness as a search for mathematical theories that map between measurements of consciousness and measurements of the physical world. We can use artificial intelligence to discover these theories and they could make accurate predictions about the consciousness of humans, animals and artificial systems. Human and Machine Consciousness also provides original insights into unusual conscious experiences, such as hallucinations, religious experiences and out-of-body states, and demonstrates how ‘designer’ states of consciousness could be created in the future.

Gamez explains difficult concepts in a clear way that closely engages with scientific research. His punchy, concise prose is packed with vivid examples, making it suitable for the educated general reader as well as philosophers and scientists. Problems are brought to life in colourful illustrations and a helpful summary is given at the end of each chapter. The endnotes provide detailed discussions of individual points and full references to the scientific and philosophical literature.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia della scienza

eBook di filosofia: D. Brugnaro, Judging. Origini e articolazioni dell’indagine sul giudizio di Hannah Arendt

Arendt_2ritagl-c331e

Davide Brugnaro, Judging. Origini e articolazioni dell’indagine sul giudizio di Hannah Arendt

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Padova (2018)

“La ricerca riguarda la questione del giudizio in Hannah Arendt, la parte incompiuta e uno degli aspetti più controversi della sua opera. L’intento è quindi duplice, ricostruttivo e interpretativo. Il lavoro si compone di tre sezioni. La prima si rivolge soprattutto agli anni Cinquanta della produzione arendtiana. In quel periodo, infatti, Arendt appronta la cornice concettuale del suo successivo itinerario intellettuale, al punto che la riflessione sul giudizio può essere considerata come l’ultima espressione del tentativo di pensare la relazione fra l’uomo posto al singolare e l’uomo posto al plurale. All’interpretazione fortemente critica di Platone, Arendt contrappone la positività della figura di Socrate, al fine delineare un diverso modo di concepire e praticare la filosofia rispetto a quello divenuto egemone nella tradizione della filosofia occidentale e, di conseguenza, una possibile conciliazione fra modo di vita filosofico e politico. Il secondo capitolo si propone di mostrare la legittimità della distinzione fra giudizio politico, storico e morale, al fine di comprendere la complessità di significati e funzioni che Arendt andava attribuendo alla facoltà del giudizio. Il capitolo prende in esame la dimensione prettamente politica del giudicare. La chiave utilizzata per approcciare la multiforme facoltà giudicativa è quella della figura dello spettatore, la quale rappresenta l’uomo colto nell’esercizio della sua facoltà di giudicare. Se si danno diverse modalità di giudizio, a seconda degli ambiti dell’umana esperienza coinvolti, vi saranno anche diverse tipologie di spettatorialità. Questa parte del lavoro si confronta con l’interpretazione politica che Arendt offre della terza Critica kantiana. Uno degli intenti perseguiti è quello di mostrare l’insostenibilità della lettura che ha visto in Arendt la presenza di due diverse teorie del giudizio (una che lo considera facoltà relativa alla vita politica e un’altra come componente della vita mentale). Pur riconoscendo differenze e oscillazioni, si è cercato di evidenziare la fondamentale e simbiotica relazione esistente fra l’attore e lo spettatore, nonché una certa unità di fondo nel percorso arendtiano, che non si è mai tradotto in una depoliticizzazione della facoltà di giudicare. L’ultima parte del lavoro prende in considerazione l’aspetto morale del pensiero arendtiano, cercando di evidenziare che cosa significhi giudicare moralmente. Si sono esaminate le questioni relative al male, alla dualità insita nel pensiero e ai suoi effetti etico-politici, all’insegnamento morale socratico e allo spettatore interiore, nonché ai complessi e problematici rapporti che Arendt tratteggia fra il dominio dell’etica e quello della politica. Considerato l’accento che Arendt pone, nella sua interpretazione del giudizio morale, sul giudicare a partire da sé, ossia sull’autonomia in esso implicata, ci si chiede, in sede di conclusione, in che termini sia legittimo parlare di un momento singolare, oltre che plurale, nell’attività giudicativa, avanzando infine la proposta di riconsiderare, nella questione del giudizio, accanto alla categoria della pluralità, anche la dimensione della singolarità.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia morale, Filosofia politica, Tesi