eBook di filosofia: S. Pagliano, Debitus Ordo. Tradizione ed originalità del metodo in Spinoza

spinoza3

Sara Pagliano, Debitus Ordo. Tradizione ed originalità del metodo in Spinoza

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Milano, a.a. 2009/2010

Spinoza perviene alla propria concezione di ordo geometricus ripensando alcuni motivi del composito retaggio speculativo cresciuto, sin dall’antichità, attorno alla riflessione sul metodo, specie in ambito logico-matematico. Per comprendere il senso complessivo e i caratteri salienti della elaborazione spinoziana, per coglierne appieno l’originalità, è pertanto necessario porla a confronto con i suoi antecedenti, dai più immediati, che possono avere costituito veri e propri modelli di riferimento, ai più remoti, quelli che sin dall’origine hanno impostato la discussione metodologica nei termini in cui si sarebbe svolta nei secoli a venire”.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Tesi

eBook di filosofia: G. Licata, Leggere Spinoza alla luce della tradizione averroista ebraica. Un resoconto delle recenti acquisizioni storiografiche

cover_issue_47_pt_BR

Giovanni Licata, Leggere Spinoza alla luce della tradizione averroista ebraica. Un resoconto delle recenti acquisizioni storiografiche

“Questo articolo fornisce un resoconto della letteratura recente sul rapporto tra Spinoza e l’averroismo di matrice ebraica. Secondo questo nuovo sviluppo della ricerca storiografica, riconoscere in Spinoza l’influenza di alcune dottrine averroiste può essere d’aiuto ad una migliore comprensione della genesi e dell’evoluzione del suo pensiero.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna

Cinéma & Cie. Film and Media Studies Journal: una rivista accademica online sul cinema e sui “media studies”

pageHeaderLogoImage_en_US

Cinéma & Cie. Film and Media Studies Journal è la rivista online internazionale accademica che pubblica articoli e saggi sul cinema e sulla storia e teoria dei media.

“The research areas of the journal include media history and theory and their relationship; the various intersections between technological, industrial and representational aspects; audiovisual heritage; reception and consumption; the links between different forms of audiovisual narrative, art and communication.”

La rivista comprende 4 sezioni:

Thematic issue, una sezione dedicata a un tema specifico;
Beyond Cinema: una sezione sulle tematiche dei film studies;
Projects & Abstracts: segnalazioni di ricerche, dottorati in corso;
Reviews: recensioni di libri ed eventi in generale.

Lascia un commento

Archiviato in Cinema & filosofia, Periodici

eBook di filosofia: L. Hunt, Measuring Time, Making History

810-225x270

Lynn Hunt, Measuring Time, Making History

“Time is the crucial ingredient in history, and yet historians rarely talk about time as such. These essays offer new insight into the development of modern conceptions of time, from the Christian dating system (BC/AD or BCE/CE) to the idea of “modernity” as a new epoch in human history.

Are the Gregorian calendar, world standard time, and modernity itself simply impositions of Western superiority? How did the idea of stages of history culminating in the modern period arise? Is time really accelerating? Can we—should we—try to move to a new chronological framework, one that reaches back to the origins of humans and forward away or beyond modernity? These questions go to the heart of what history means for us today. Time is now on the agenda.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia del tempo, Filosofia della storia

eBook di filosofia: S. Azzan, “Atomi delle scritture”: il ruolo dell’interpretazione biblica nel Leviathan di Thomas Hobbes

642px-Leviathan_by_Thomas_Hobbes

Simona Azzan, “Atomi delle scritture”: il ruolo dell’interpretazione biblica nel Leviathan di Thomas Hobbes

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Milano, a.a. 2017/2018

“Nel corso degli ultimi anni la critica ha fatto giustizia su quel cliché interpretativo che, partendo dall’immagine di un Hobbes ateo e materialista, riconduceva l’interesse mostrato dal filosofo per le tematiche religiose, bibliche e teologiche, esclusivamente a motivi di strumentalizzazione teorica o di opportunismo strategico, richiamando invece l’attenzione sulla rilevanza che tali tematiche assumono all’interno della filosofia hobbesiana. Senza fare di Hobbes una sorta di difensor fidei e senza negare i valori innovativi del suo razionalismo, gran parte della letteratura ha, infatti, potuto constatare come l’atteggiamento del filosofo nei confronti del Cristianesimo sia molto più articolato di quanto non si fosse concesso per secoli. In questo processo di rivalutazione, alcune prospettive, di natura più “teoretica”, si sono soffermate sul ruolo filosofico e politico svolto da specifici concetti biblici o teologici e sullo sviluppo delle questioni religiose, ecclesiastiche e teologicopolitiche dagli Elements of Law al Leviathan; altre prospettive di natura più “contestualizzante” hanno, invece, indagato i molteplici rapporti che la trattazione biblica e teologica hobbesiana instaura con il pensiero cattolico, anglicano e puritano, così come con gli eventi storicopolitici della Rivoluzione civile inglese. Tenendo conto di queste prospettive, entrambe fondamentali per formulare un quadro esaustivo delle modalità e dei motivi per cui Hobbes si confronta con le tematiche religiose, il presente lavoro seguirà un percorso interpretativo volto a considerare quale sia il ruolo, o per meglio dire i ruoli, che la trattazione biblica svolge nel corso del Leviathan, andando oltre la questione, irrisolvibile e al contempo irrilevante, della sincerità e della profondità religiosa di Hobbes.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Tesi

eBook di filosofia: S. Rezzonico, La vita degli oggetti. Walter Benjamin pioniere dei Material Studies

220px-Walter_Benjamin_vers_1928

Sonia Rezzonico, La vita degli oggetti. Walter Benjamin pioniere dei Material Studies

Tesi di dottorato discussa presso l’Universitat Pompeu Fabra di Barcellona, a.a. 2017/2018

Questo lavoro di ricerca ha come obiettivo dimostrare in che modo l’approccio critico di Walter Benjamin possa essere considerato pioneristico rispetto ai Material Studies, ampia categoria di indagini contemporanee che hanno il comune obbiettivo di costruire il proprio oggetto epistemico a partire dalla datità, tenendo da conto tanto l’aspetto espressivo quanto quello culturale della materia. Senza distinguere tra i corpi della natura e i corpi della cultura, queste ricerche applicano la “delicata empiria” di memoria goetheana. Per questa ragione, la lettura antesignana di Benjamin può essere compresa alla luce della morfologia, intesa come paradigma epistemico che pone in analogia gli organismi viventi e gli artefatti alla luce della valenza euristica che il dato assume nelle ricerche materialistiche di oggi.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Tesi

Elephant&Castle: una rivista online di estetica

head

Elephant&Castle è la rivista del Gruppo di ricerca Letteratura e Arti visive afferente al Dipartimento di Lettere, Filosofia, Comunicazione dell’Università degli Studi di Bergamo, in collaborazione con gli allievi del corso di dottorato in Studi umanistici transculturali.

La rivista è semestrale con l’aggiunta di eventuali speciali. I contributi presenti nella rivista sono valutati, in forma anonima, da studiosi competenti negli specifici argomenti.

“La rivista adotta un approccio culturale che mette in relazione gli studi in campo letterario con le discipline visive, proponendosi di esplorare la natura dinamica del pensiero creativo. La letteratura, la storia dell’arte, la storia, il cinema, la fotografia, le scienze sociali e i nuovi media sono tutte aree di interesse della rivista, che, proprio come la stazione della metropolitana di Londra da cui prende il nome, vuol essere un crocevia di metodologie critiche e pratiche culturali rivolgendosi, in particolar modo, ai giovani studiosi che intendono “connettere” il loro sapere e scambiarlo all’interno di una comunità scientifica curiosa e aperta.”

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici

AN-ICON. Studies in Enviromental Images: una rivista accademica online dedicata alle immagini

cover_issue_1536_en_US

AN-ICON. Studies in Environmental Images è la rivista online accademica, open access, diretta dal prof. Andrea Pinotti (Dipartimento di Filosofia dell’Università di Milano), emanazione dell’ERC Advanced project “AN-ICON. An-Iconology: History, Theory, and Practices of Environmental Images”.

La rivista pubblica articoli e saggi interdisciplinari sulle seguenti tematiche:

  • “The an-iconic tendency across the years and centuries.
  • The features and uses of devices that have expressed an an-iconic tendency before immersive environment, especially in the perspective of media archaeology.
  • The specificity of the an-icons compared to previous kinds of pictures, possibly from an inter-media perspective.
  • Analysis of an-iconic concepts:

    • Immersivity and presence

    • Interactivity and participation

    • Illusion and hyper-realism

    • Embodiment and avatar

    • Transparency and immediacy.

  • Counter-tendencies: aesthetic strategies and interfaces that go against the grain of the dominant an-icon tendency, revealing alternative sensory regimes.
  • Specific case studies, able to bring into light an-iconic concepts and unprecedented aspects of environmental images.

  • The an-iconic concepts and their modifications across virtual reality and other media (visual, audiovisual, but possibly textual as well), or in the transition from one medium to another.

  • Explorations of domains or additional concepts connected to the an-iconic concepts (e.g. game and play, meditation, flow, coupling of bodies and technologies, and so on).

  • Current uses of virtual reality or related media in specific professional fields (such as medicine, architecture, psychology, marketing, job training, education): concrete applications, advantages, ethical issues, juridical issues, and so on.

  • Proposals and arguments for future uses of virtual reality or related media in specific professional fields.

Ogni numero è dedicato a una tematica e comprende sempre queste call permanenti:

Archaeologies of Immersion ( prospettiva storica)

Operational An-Icons (prospettiva più pratica).

Una sezione è invece dedicata stabilmente alla VR, ai film e alle produzioni virtuali.

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici

eBook di filosofia: A. Fairbanks, The first philosophers of Greece. An edition and translation of the remaining fragments of the pre-Sokratic philosophers …

index

Arthur Fairbanks, The first philosophers of Greece. An edition and translation of the remaining fragments of the pre-Sokratic philosophers, together with a translation of the more important accounts of their opinions contained in the early epitomes of their works.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia antica

eBook di filosofia: J. Hopkins, Theological language and the nature of man in Jean-Paul Sartre’s philosophy

photograph-Jean-Paul-Sartre-Gisele-Freund-1968

Jasper Hopkins, Theological language and the nature of man in Jean-Paul Sartre’s philosophy

The present chapter will explore the theological idiom of Sartre’s philosophy of man and pose the question whether—once the “embarrassing atheistic pronouncement” is removed—Sartre’s
philosophical anthropology has any systematic value for the theologian. The chapter proceeds along six lines: (1) to investigate Sartre’s conception of human nature; (2-4) to illustrate his employment of theological language in describing man as desiring to be God, guilty of original sin, and incarnate in love; (5) to appraise his arguments for atheism; and (6) to assess particular aspects of his description of human reality”.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea