Comprendre. Archive International pour l’Anthropologie et la Psychopathologie Phénoménologiques: la rivista online di pscicopatologia fenomenologica

comprendre

La rivista Comprendre. Archive International pour l’Anthropologie et la Psychopathologie Phénoménologiques  nasce nel 1988 per iniziativa del Prof. Lorenzo Calvi, libero docente in clinica delle malattie nervose e mentali e in psichiatria e primario neurologo ospedaliero, con l’intento di collegare tra loro i vari esponenti dell’antropologia e della psicopatologia fenomenologia e di allargare la conoscenza del loro lavoro ad un uditorio più vasto. Il titolo della Rivista richiama un articolo del filosofo francese Henri Maldiney, Comprendre, comparso in Revue de Métaphysique et de Morale ( 1-2, 1961).

Dal 2008 (numero 16-17-18) la rivista esce anche on-line.

Più che un corpus dottrinario statico e di senso compiuto, Comprendre, in questi anni, ha evidenziato il carattere frastagliato della Psicopatologia fenomenologica, che è divenuta, durante un secolo di contributi, una sorta di mosaico fluido, un eterogeneo amalgama, dentro il quale hanno trovato posto e incrocio diverse prospettive, diverse posizioni. L’opzione di fondo jaspersiana sul comprendere più che sul compreso, e sul pensare in termini psicopatologici, piuttosto che sul pensato, la peculiare natura dell’ atteggiamento fenomenologico e l’ appartenenza al mondo della vita dei fenomeni da cogliere hanno creato la straordinaria geometria variabile dell’orizzonte fenomenologico, anche con il rischio di impostazioni tra di loro apparentemente inconciliabili e comunque irriducibili all’unità.
Ad ogni modo l’etereogenità, la contaminazione, la coesistenza di diversi paradigmi in seno all’orizzonte fenomenologico rappresentano proprio la vivacità di questo orientamento, costellazione, movimento. Ma Comprendre è stata, anche, e forse al di là delle sue intenzioni, la prima nucleazione “cartacea” delle voci di quella che oggi, a pieno diritto, Georges Charbonneau ha definito, in uno degli ultimi numeri della rivista l’ Art du Comprendre (fondata nel 1994 con Philippe Forget) come l’ Ecole Italienne de Psychopathologie Phénoménologique.

In una prima fase la Scuola italiana ha lavorato, dunque, alla traduzione, introduzione e divulgazione del pensiero fenomenologico applicato alla psichiatria. Poi essa ha iniziato a caratterizzarsi per alcune sue peculiarità. Se guardiamo alla letteratura, gli anni di produzione delle scuole nord europee (tedesca, francese, olandese) sono stati quelli a cavallo del Secondo dopoguerra. Gli anni di maggiore produzione della Scuola italiana sono andati, invece, dai Settanta alla fine del Secolo scorso, e hanno trovato, proprio in Comprendre, il loro giusto filo di sutura“. Tratto da La rivista Comprendre

Lascia un commento

Archiviato in Periodici, Psicologia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...