eBook di filosofia: H. Davis, The Persian Mystics. Jalaludin Rumi

rumi

H. Davis, The Persian Mystics. Jalaludin Rumi

“L’origine della parola sufismo viene spesso riferita al sostantivo ṣūf («lana»), che alluderebbe al materiale del saio indossato dai primi asceti; ma il termine è stato anche fatto derivare da ṣafā’(«purezza») o da ṣuffa («portico»), con riferimento forse al portico adiacente alla casa di Maometto a Medina, sotto cui il profeta aveva ospitato alcuni pii personaggi. Sul finire dell’8° sec. si ha la prima attestazione conosciuta del termine ṣūfī, per indicare un devoto di al-Kūfa, e attorno alla metà del 9° sec. s’indicavano con questa espressione coloro che si dedicavano con particolare intensità alle discipline spirituali; di poco successiva è la diffusione del termine taṣawwuf («professare di essere ṣūfī») per indicare la tendenza nel suo complesso. Il s. si presenta come un insieme di metodi e dottrine piuttosto articolato, e ciò ha indotto a discutere sulle sue origini storiche. Alla convinzione che esso fosse la risultante del contatto con l’ascetismo cristiano d’Oriente, o con il neoplatonismo, o con la religiosità iranica, o ancora con la spiritualità indù, si è oggi sostituita la certezza che si tratti di un prodotto genuino dell’islam, al quale hanno potuto contribuire indubbiamente pratiche e credenze estranee, ma che resta fondamentalmente legato alla tradizione musulmana, al Corano e all’insegnamento del Profeta. Sin dalle origini il s. ha assunto diversi indirizzi e si è articolato in varie scuole. Fra le maggiori, la scuola irachena, quella del Khorāsān, quella dell’Asia centrale, alle quali si sono via via aggiunti, con l’espansione dell’islam, nuovi insediamenti con fisionomie e caratteristiche peculiari. Il fondo comune a queste scuole è stato quello dell’approfondimento interiore dei dati religiosi, sia che si trattasse degli atti di culto sia della professione di credenze. Tutti i ṣūfī hanno voluto preservare la comunità dei credenti dal rischio di una sclerotizzazione della fede e da un letteralismo arido e legalistico. Ciò ha portato spesso al conflitto con l’autorità religiosa dei dottori della legge, sfociato anche in clamorose condanne, come quella che sentenziò la messa al patibolo di al-Ḥallāǵ (m. 922). Successivamente il s. tenderà sempre più alla prudenza, differenziando nettamente l’ambito dei profani (῾awāmm) da quello degli iniziati (khawāṣṣ), onde evitare interferenze con il dominio dell’esteriorità religiosa. La definitiva consacrazione del s. e la sua accettazione nel quadro dell’ortodossia sunnita si possono far risalire all’opera di al-Ghazzālī, che considerò essenziali per la complessa visione ortodossa i principi di un s. epurato da abusi e da eccessi dottrinali. Trattandosi di una disciplina di perfezionamento spirituale, nel s. ha assunto particolare rilevanza il rapporto tra maestro (shaikh o murshid) e discepolo (murīd). Tale rapporto, inizialmente informale, si è andato col tempo strutturando, fino ad arrivare fra il 12° e il 13° sec. alla costituzione di veri e propri ordini e confraternite, ciascuna delle quali trae il nome dal santo fondatore e dispone di una regola che stabilisce norme rituali e di comportamento per i propri aderenti, organizzati in un sistema gerarchico di struttura piramidale. Il s. delle confraternite ha inoltre contribuito alla generale affermazione del culto dei santi (awliyā’) vivi e defunti, riuscendo a superare l’ostilità delle componenti rigoriste dell’islam nei confronti di tale genere di devozione”.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Teologia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...