eBook di filosofia: B. Casalini, I rischi del “materno”. Pensiero politico femminista e critica del patriarcalismo tra Sette e Ottocento

bambina

B. Casalini, I rischi del “materno”. Pensiero politico femminista e critica del patriarcalismo tra Sette e Ottocento

“Il pensiero femminista ha avuto difficoltà nell’immaginare la realizzazione individuale delle donne al di fuori della funzione sociale materna, funzione che si è delineata storicamente in concomitanza con la nascita dell’intimità familiare. Nella modernità, infatti, la genesi dello spazio privato, pensato non più come momento di privazione, ma al contrario come luogo di soddisfazione emotiva, di “un’interiorità libera e appagata”, si è intrecciata con la storia della creazione di una femminilità identificata con la maternità.

Autrici come Mary Wollstonecraft, Catharine Beecher e Charlotte Perkins Gilman non sono riuscite a svincolare da una presunta natura o vocazione femminile il sentimento di dedizione e di apertura all’altro insito nel materno – con il suo indubbio potenziale critico verso forme di individualismo atomistico e possessivo. Ciò ha contribuito a far rimanere le donne prigioniere della trappola di un ideale di maternità che esaltava il femminile, ma nello stesso tempo assoggettava il desiderio di autorealizzazione individuale della donna alla priorità sociale dei suoi compiti riproduttivi, alla necessità di non tradire le aspettative sociali riposte nella “maternità repubblicana”, in un ideale che assegnava alla donna il compito di “men maker“.

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...