Archivi categoria: Biblioteche digitali

Epistolari di René Descartes: bancadati online di diverse edizioni delle lettere di Cartesio

220px-Descartes3

Epistolari di René Descartes è la banca dati online che rende disponibile on line l’edizione dell’epistolario di René Descartes pubblicato nel Seicento da Claude Clerselier (1614-1684), ossia 362 lettere comprendenti 39 lettere latine delle quali viene data anche la versione francese e 19 lettere che non sono di Descartes, insieme a una nuova edizione che comprende le lettere ultimamente ritrovate (in totale 736).

Si tratta, complessivamente, di quattro prodotti (due dei quali sono editati in linguaggio XML e due in formato immagine):

  1. Clerselier I
  2. Clerselier II
  3. Clerselier III
  4. EDeX

“– in XML sono i voll. I, II, III delle Lettres de Monsieur Descartes (Clerselier-XML) che Claude Clerselier aveva dato alle stampe a Parigi tra il 1657 e il 1667 presso l’editore Charles Angot e l’edizione completa delle lettere (Epistolario-EDeX);

– in formato immagine sono gli originali a stampa dell’esemplare (collocazione: n° 14185-14186-14187) custodito presso la Bibliothèque Mazarine (Clerselier I, II, III) e dell’esemplare (Clerselier-Institut I, II, III) custodito presso la Bibliothèque de l’Institut de France (MS 4469-4470-4471). Quest’ultimo corredato di postille manoscritte a margine e di becquets collazionati da Jean-Baptiste Legrand († 1704) e Adrien Baillet (1649-1706) su autografi oggi in gran parte perduti [vedi: Dalle edizioni secentesche alle moderne edizioni].

Clerselier-XML, Clerselier e Clerselier-Institut sono visibili l’uno di fianco all’altro, così da consentire un confronto immediato tra le minute trascritte in Clerselier-XML e stampate in Clerselier da una parte e tra questi due prodotti e gli autografi ricostruiti in Clerselier-Institut dall’altra.

Clerselier-XML riporta in testa a ciascuna lettera l’indicazione delle pp. in cui essa è presente in Clerselier, AT, BLet [vedi: Edizioni di riferimento], Epistolario-EDeX. Di queste stesse edizioni, nel corpo del testo di ciascuna lettera, sono indicati i cambi pagina.

Clerselier-XML è corredato da simboli che consentono la visualizzazione (e l’ingrandimento), mediante una finestra di pop-up, di figure e formule di Clerselier e dei becquets di Clerselier-Institut [vedi: Cosa si può fare].

Clerselier-XML è corredato da due ordini di note: di rinvi infratestuali a Clerselier I, II, III, a Clerselier-Institut e a Epistolario-EdeX; e bio-bibliografiche di informazioni essenziali sui personaggi citati.

L’edizione Clerselier-XML è stata curata da Siegrid Agostini (vol. I e vol. III: pp. 1-21 n.n. e pp. 1-332) e da Francesca Manno (vol. II e vol. III: pp. 332-646). All’edizione hanno collaborato, a vario titolo, Francesca Giuliano, Tania Lovascio, Emanuela Orlando, Alice Ragni, dottorande del dottorato italo-franco-tedesco in Forme e storia dei saperi filosofici. La revisione dei testi francesi è di Véronique Thiebot e Hélène Leblanc.”

In particolare l’Epistolario-EDeX, curato da Chiara Catalano, è una edizione normalizzata secondo la grafia moderna e il cui corpus è stato aggiornato alle più recenti acquisizioni: contiene gli autografi ritrovati da Erik-Jan Bos delle lettere di Descartes a Mersenne (27 maggio 1641) e a Matthias Pasor (26 maggio 1645); sostituisce (lettera n. DCCXXIV) il resoconto della lettera di Descartes a Clerselier del 6 novembre 1649 (Baillet II 387-388) con il testo della lettera (Baillet II 383) non pubblicato né da AT né da BLet. Valentina Pastorelli aveva segnalato nella sua tesi di dottorato (Adrien Baillet: La vie de Monsieur Descartes. L’epistolario cartesiano come trama del testo, Lecce, 5 maggio 2009) la presenza della lettera in Baillet senza precisare che essa non fosse stata mai pubblicata, cosa che, invece, ha fatto Erik-Jan Bos nel corso di una conferenza tenuta ad Uberlandia nel settembre 2013.

Molto utile è Dalle edizioni secentesche alle moderne edizioni, l’introduzione che chiarisce la storia delle edizioni della corrispondenza di Cartesio

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Biblioteche digitali, Filosofia moderna, Lettere

Corpus Descartes: online opere e corrispondenza di Cartesio

CorpsuDescartes

Corpus Descartes. Édition en ligne des œuvres et de la correspondance de Descartes è il sito del progetto coordinato da Vincent Carraud dell’Université de Caen Normandie che rende disponibile in rete le opere e la corrispondenza di Cartesio.

Collaborano al progetto il “Centro interdipartimentale di Studi su Descartes e il Seicento” dell’Università del Salento, il “Centre d’Études Cartésiennes” di Paris-Sorbonne con l’équipe “COnstraints, Data mining and Graphs” (CoDaG) del “Groupe de recherche en informatique, image, automatique et instrumentation” (GREYC) dell’Université de Caen e la società Noopsis.

Il corpus online è organizzato in quattro parti:

1. opere pubblicate da Descartes nella lingua originale di edizione:

  • Discours de la methode pour bien conduire sa raison, et chercher la verité dans les sciences. Plus La Dioptrique. Les Meteores. Et La Geometrie. Qui sont des essais de cete methode (1637) ;
  • Renati Des-Cartes, Meditationes de Prima Philosophia, in quibus Dei existentia, et animae humanae à corpore distinctio, demonstrantur. His adjunctæ sunt variæ objectiones doctorum virorum in istas de Deo et anima demonstrationes ; Cum Responsionibus Authoris. Secunda editio septimis objectionibus antehac non visis aucta (1642) ;
  • Epistola Renati Des-Cartes ad celeberrimum Virum D. Gisbertum Voetium. In qua examinantur duo libri, nuper pro Voetio Ultrajecti simul editi, unus de Confraternitate Marianâ, alter de Philosophiâ Cartesianâ (1643) ;
  • Renati Des-Cartes, Principia philosophiae (1644) ;
  • Notae in programma quoddam sub finem Anni 1647 in Belgio editum, cum hoc Titulo : Explicatio Mentis humanae, sive Animae rationalis, ubi explicatur (1648) ; [in preparazione]
  • Les Passions de l’âme (1649).

2. traduzioni delle opere apparse mentre il filosofo era in vita:

  • Renati Des-Cartes, Specimina philosophiae : seu Dissertatio de methodo recte regendae rationis, et veritatis in scientiis investigandae : Dioptrice, et Meteora. Ex Gallico translata, et ab Auctore perlecta, variisque in locis emendata (1644) ; [in preparazione]
  • Les Meditations metaphysiques de René Des-Cartes touchant la Première philosophie, dans lesquelles l’existence de Dieu, et la distinction réelle entre l’ame et le corps de l’homme sont demonstrées. Traduites du Latin de l’Auteur par M. le D. D. L. N. S., et les objections faites contre ces méditations par diverses personnes très doctes, avec les réponses de l’auteur, traduites par M. C. L. R. (1647) ;
  • Les Principes de la philosophie, escrits en Latin, par René Descartes. Et traduits en François par un de ses Amis (1647) ;
  • Geometria, à Renato Des Cartes anno 1637 Gallicè edita ; nunc autem cum notis Florimondi de Beaune, in curia Blaesensi Consiliarii Regii, in linguam Latinam versa, et commentariis illustrata, operâ atque studio Francisci à Schooten, Leydensis, in Academiâ Lugduno-Batavâ, Matheseos Professoris, Belgicè docentis (1649). [in preparazione]

3. opere e lettere pubblicate dopo la morte di Cartesio:

  • Groupement des œuvres dites de jeunesse : Olympica, Experimentata, Cogitationes privatae, Studium bonae mentis, fragment Cartesius et La Recherche de la vérité  ; [in preparazione]
  • Ballet De la naissance de la paix (1649) ;[in preparazione]
  • Compendium Musicae (1650) ; [in preparazione]
  • Passiones animae per Renatum Descartes : Gallicè ab ipso conscriptae, nunc autem in exterorum gratia Latina civitate donatae, ab H. D. M. I. V. L (1650) ;
  • Renatus Descartes, de Homine, figuris et latinitate donatus a Florentio Schuyl […] (1662) ;
  • L’Homme de René Descartes et un Traitté de la formation du foetus du mesme autheur, avec les remarques de Louys de La Forge […] (1664) ; [in preparazione]
  • Le Monde de M. Descartes, ou le Traité de la lumière […] (1664) ; [in preparazione]
  • Regulae ad directionem ingenii (1701).

4. trascrizione dell’edizione Clerselier delle Lettres di Cartesio:

  • Lettres de Mr Descartes où sont traittées plusieurs belles questions touchant la morale, physiqve, medecine et les mathematiqves. Novvelle édition, revev et avgmente. Tome Premier (1663) ;
  • Lettres de Mr Descartes où sont expliquées plusieurs belles difficultez touchant ses autres Ouvrages. Novvelle édition, revev et corrige. Tome Second (1666) ;
  • Lettres de Mr Descartes où il répond a plusieurs difficultez qui luy ont esté proposées sur la Dioptrique, la Geometrie, et sur plusieurs autres sujets.Tome troisiesme, et dernier (1667).

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia moderna, Lettere

Discepoli di Galileo: la biblioteca digitale delle opere della Scuola Galileiana

Discepoli di Galileo

Discepoli di Galileo è la biblioteca digitale che rende disponibili in rete le opere della Scuola Galileiana (288).

Gran parte dei documenti che compongono la raccolta sono conservati presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

C’è la possibilità di fare ricerche libere e di accedere direttamente alla versione digitalizzata dei testi.

1 Commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Scienza

Lace: Greek OCR: classici in lingua greca in versione OCR

books-155163_640

Lace: Greek OCR è la biblioteca digitale che offre la versione OCR di più di 1100 classici in lingua greca  (con edizione critica). La versione OCR permette di ricercare o modificare il documento in un programma di elaborazione testi.

Nel sito trovate la lista generale dei testi presenti e degli ultimi inseriti.

1 Commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Filosofia antica

PHAROS: fotografie del patrimonio artistico e architettonico

pharos_logo

PHAROS. The international Consortium of Photo Archives è il nome del progetto e del portale che rende disponibili in rete 31 milioni (numero stimato) di fotografie ricercabili del patrimonio artistico e architettonico mondiale, documentando anche la storia della fotografia.

“PHAROS is an international consortium of fourteen European and North American art historical photo archives committed to creating a digital research platform allowing for comprehensive consolidated access to photo archive images and their associated scholarly documentation.  The PHAROS collections collectively contain an estimated 31 million images documenting works of art and architecture and the history of photography itself”

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Estetica

e-Sorbonne: tesi della Sorbona online

e-sorbonne

All’interno di e-Sorbonne, il portale dell’omonima università parigina, potete trovare le tesi digitalizzate, discusse presso l’Ateneo.

Potete fare una ricerca per parole chiave o scorrere le liste per “disciplina”.

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Tesi

Library of Ancient Texts Online: classici greci in traduzione

LATO

Library of Ancient Texts Online (LATO) è il catalogo online che riporta i link dei classici scritti in greco e delle loro traduzioni “pescando” in altri portali (Perseus Projec, Project Gutenberg…).

“The Library of Ancient Texts Online aims to be the internet’s most thorough catalogue of online copies of ancient Greek texts, both in Greek and in translation. This is a site for all with an interest in the Classics. Very many texts from Ancient Greece are available on the world-wide web, at a variety of sites, in a variety of formats, and in a variety of languages. Some of the richest sites are massive endeavours such as The Perseus Project at Tufts University, or Project Gutenberg. Some visitors will already be familiar with these sites and others. (For links to some other sites, see the Abbreviations page.)

However, even these sites lack many texts: some sites contain some comparatively obscure texts, others contain others. LATO helps to repair this situation by gathering a comprehensive set of links to those texts that are available free of charge. No texts are actually hosted on this site.”

 

1 Commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Filosofia antica

NuBis: la biblioteca digitale della Biblioteca della Sorbona

logo Nubis

NuBis è la biblioteca digitale che pubblica in rete il ricco patrimonio bibliografico della Bibliothèque interuniversitaire de la Sorbonne. Al momento sono online 40.000 immagini.

Quattro sono i grandi ambiti tematici della raccolta:

  • documentazione dell’attività didattica e della storia dell’Università di Parigi
  • manoscritti medievali provenienti da diversi collegi parigini
  • saggi accademici
  • “varia”

“Un axe majeur a guidé ce travail, la numérisation des sources manuscrites et imprimées de l’histoire de l’Université de Paris qui intègrent :

– de nombreux manuscrits (archives de la Faculté des arts pour les périodes médiévale et moderne, manuscrits illustrant l’histoire de l’université et des collèges qui lui étaient rattachés, cours professés au 18e, 19e et début du 20e siècle…),

– des imprimés (ouvrages historiques et sources primaires : statuts, délibérations, éditions scolaires annotées, pièces de théâtre jouées dans les collèges, poésies composées par les professeurs…)

– un riche corpus iconographique (estampes, photographies, cartes postales), relatif aux bâtiments de l’institution et à ses acteurs (scènes de cours, portraits de professeurs…).

Deux autres axes concernent les manuscrits médiévaux (dont beaucoup contiennent les grands textes de l’enseignement universitaire médiéval) ainsi que les papiers d’universitaires et d’érudits, tel le fonds Chestov (1866-1936).”

1 Commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Filosofia medievale

“Émilie du Châtelet, une femme de sciences et des lettres à Créteil”: il sito della mostra dedicata a Émilie du Châtelet

mostra Châtelet

Se siete interessati a Émilie du Châtelet, colta pensatrice, traduttrice dei Principes di Newton e compagna di Voltaire, vi segnaliamo il sito dell’esposizione a lei dedicata nel 2006 per il trecentenario della nascita: Émilie du Châtelet, une femme de sciences et des lettres à Créteil.

Il sito è ricco di risorse interessanti:

1 Commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Biografie, Cataloghi, eBook di Filosofia, Filosofia della scienza, Filosofia moderna, Lettere, Mostre on-line, Uncategorized

Ptolemaeus Arabus et Latinus (PAL): il sito web con le versioni in lingua araba e latina delle opere di Tolomeo

tolomeo

Ptolemaeus Arabus et Latinus (PAL) è il progetto  della Bayerische Akademie der Wissenschaften, al momento in versione beta, che si propone l’edizione e lo studio delle versioni in lingua araba e latina, pubblicate fino al 1700, del Corpus Ptolemaicum .

“Corpus Ptolemaicum includes three categories of texts:

  1. Ptolemy’s authentic works, comprising the Almagest, the Tetrabiblos and the minor works Analemma, Phases of the Fixed Stars, Planetary Hypotheses and Planisphaerium.
  2. Pseudepigrapha (works falsely attributed to Ptolemy), i.e. mainly the Centiloquium, but also other astronomical and astrological works, about 30 of which are known in Arabic and Latin.
  3. Commentaries on the texts under A and B above.”

 Al momento il sito contiente:

  • Works: 120 voci dedicate alle traduzioni latine di Tolomeo
  • Manuscripts: più di 250 voci descrittive sui manoscritti latini che riportano le opere di Tolomeo
  • Glossary: quasi 2000 termini tecnici in lingua greca e araba tratti da testi selezionati (Almagest I-II, Planetary Hypotheses, Planispherium, Tetrabiblos).

Sono presenti due trascrizioni:

  • Almagest, nella versione latina di Gerardi da Cremona
  • Almagestum parvum

Le riproduzioni digitali saranno progressivamente implementate fino alla fine dell’anno.

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Dizionari, Filosofia della scienza, Manoscritti, Scienza