Archivi categoria: eBook di Filosofia

eBook di filosofia: J.-C. Goddard e M. Maesschalck (a cura di), Fichte : la philosophie de la maturité

Johann_Gottlieb_Fichte_2

Jean-Christophe Goddard e Marc Maesschalck (a cura di), Fichte : la philosophie de la maturité (in 3 tomi)

Tome I: Les derniers exposés de la Doctrine de la science

Tome II: Philosophie appliquée

Tomo III: Confrontations et interprétations

“Les trois tomes de « Fichte : la philosophie de la maturité » regroupent les contributions faites en 2002 par les membres du Groupe d’Études Fichtéennes de Langue Française (GEFLF) lors des colloques de Louvain-la-Neuve et d’Aix-en-Provence.Dans le troisième tome ont été rassemblés des textes qui articulent et confrontent la démarche spéculative et phénoménologique du dernier Fichte aux traditions philosophiques contemporaines – l’hégélianisme, le perspectivisme nietzschéen, la phénoménologie husserlienne, le cognitivisme.”

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna

eBook di filosofia: M. Bella, William James: psychology and ontology of continuity

James1

Michela Bella, William James: psychology and ontology of continuity

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di RomaTre (2015)

“The thesis William James: Psychology and Ontology of Continuity addresses the issue of the continuity of consciousness in William James, considering also its possible actualization. In particular, this work aims at outlining critically the various theoretical perspectives that influenced James’s philosophical discourse. On the wave of the Darwinian theory of evolution, James’s reflections originate in the field of late 19th century physiological psychology where he develops more and more intensely the exigency of a renewed epistemology and a new metaphysical framework for gathering the most interesting scientific theories and discoveries about the human mind. The analysis of the theme of continuity allows us to capture, from the historical and the theoretical point of view, the importance of James’s gradual translation of psychological experimental observations of the continuity of thought into an ontological perspective according to which continuity constitutes a feature of reality. Indeed, such an analysis clarifies James’s position within his own historical context, as well as highlighting the most original outcomes of his work. Whilst many of James’s phenomenological and psychological insights had an important and far-reaching influence, the aspect of continuity, although mentioned by some scholars, has not been properly analysed to date. This is firstly due to the great attention that interpreters have commonly paid to James’s individualist attitude, hence to the tychistic or variant features of reality. Secondly, it is important to consider that the main interpretative stream of pragmatism narrowed the comparison between James and Charles S. Peirce into a paradigmatic polarization, so that James was mainly considered as the philosopher of nominalism and individuality, while Peirce was labeled as the realist in search of a mathematical continuum that would match with his theory of infinite semiosis. It is important to acknowledge that James was immediately intrigued by the contradictory synthetic unity of mental states that he could draw from his description of the continuity of the states of consciousness, in so far as they preserved both real continuity and real divisibility. The vague aspect of experience was not fully reproducible in conceptual terms, and in logical terms it resulted in a contradiction. James’s elaboration of this problematic issue should be considered within the shift of paradigms that was taking place in the first half of the 20th century. Such an epochal change affected James’s elaboration, particularly through the theoretical and methodological advancements that were made in the fields of physiology and biological sciences throughout the 19th century. The formulation of a continuum capable of retaining both the synthetic and the power of individuation also became a critical issue for James. By developing his philosophical arguments, he persuaded himself that the dualistic approach was unsatisfactory when defining a descriptive ontology. A new scientific paradigm, that he himself would have helped later to criticize and change from within, was necessary to establish a gradual amelioration of his research work. The work of James is for the most part a work of epistemological critique, since he relentlessly claimed that temperamental and metaphysical assumptions affected even the supposed neutral direction of science, as it did every other field of human knowledge. Sellars’s challenge to the “myth of the given” is the ripest fruit of the critical work internal to the empiricist-naturalist-positivistic mentality, but such criticism of the supposed neutrality of sense data began long before and in different fields of knowledge with the contribution of thinkers such as Peirce, Ernst Mach (1838 – 1916) and, in a particular mode, Henri Bergson (1859-1941). Many critics, including James himself, recognized that Peirce’s and, especially, Bergson’s theories were the most significant philosophical sources for James’s elaboration of the continuity of reality. In fact, whilst there are specific differences between their philosophies, James gleaned important philosophical legitimacy from Bergson’s sharp criticism of intellectualism (or absolute rationalism) and his assertion that the “philosophy of mechanicism” implies “psychological determinism” was, most probably, particularly appreciated by James. However, considering the results of James’s and Bergson’s inquiries, it seems clear that there are significant differences between their theoretical outcomes. Such differences are connected with their own differing philosophical training and, more generally, different cultural frameworks : James remains profoundly committed to Anglo-American empiricism, whereas Bergson shows distinctive traits of the Cartesian tradition. Nevertheless, their philosophical engagement with freedom, that is to say, with the deconstruction of all idealisms that might obstruct the honest search for truth, is the most significant and, indeed, resistant undertone of both their philosophies. James’s and Bergson’s temporalization of scientific paradigms accords with the rehabilitation of theories of direct perception within a more extended and enriched conception of experience. In this sense, it seems that the effort to preserve a real space for the freedom of research in the scientific and latu sensu cultural fields of society was a common trend at the time, involving also Peirce and Mach. That is to say that the liberty was to be practically pursued in the methodology of research which tirelessly attempted to recognize and take into account the powers involved in epistemological play. The social and natural observable features of human beings suggested that these powers consist in the conceptual meanings transmitted by historical tradition, and the physiological and biological interests that affect human beings. More specifically, James claimed that these psychological tendencies worked exactly in the direction of dogmatic assumptions. The tangle of conceptual and physiological cognitive dimensions is thus the crucial point that emerges in these years, and it reveals particularly interesting interdisciplinary and insightful aspects in the pragmatism reception. The introductory section of this work will present the main lines of research and indicate a possible new outcome in the attempt to denote in a vitalistic sense the epistemological realism of James. Moreover, the theoretical and methodological criteria will focus upon identifying and clarifying the key terms of his analysis, in particular with regard to philosophical terms. Considering the naturalist and continuum ontology embraced by James, and taking into account the pluralistic definition of his metaphysics, it seems important to dwell upon the distinction between ontology and metaphysics. The cultural atmosphere of the beginning of the 20th century can be revived through the clarification of the current interpretations of these terms, at least in the Anglo-American context. To such an aim, framing the objectives of James’s polemical discourse and acknowledging the characteristic mixture of some unjustified assumptions that silently influenced the progress of scientific research, is very promising. The thesis is divided into three main chapters. The first chapter is a direct reading of some key chapters of the Principles of Psychology (1890), and of James’s articles that can be considered as previous drafts. The analysis will focus particularly upon PP IX The Stream of Thought, X The Consciousness of Self, XV The Perception of Time; PP II XIX The Perception of Reality, and XX The Perception of Space. Through this overview, I will also try to reconstruct the indirect state of psychological research, particularly that of experimental psychology. James mounted lucid criticisms of the atomism of sensation and associationist psychology, focusing upon critical interconnections between psychology and philosophy, methodology and theory. This chapter is an important support for my epistemological reading of James’s theories. The second chapter is a recollection of the most interesting contributions to the issue of continuity produced by three major interlocutors of James, to whom extensive correspondence and interesting analogies have traditionally drawn scholars’ attention. At the time, Peirce, Bergson, and Mach were three resonant voices on the cultural horizon and nowadays their influence is regarded as undeniable, especially with regard to the critical-methodological and epistemological aspects of their reflections in different areas of research. Such an indirect reconnaissance of the main influences on and criticisms of James’s elaboration of the issue of continuity will be outlined in proportion to the intensity of the relationship between James and these authors, and some of the most interesting topics at that time will be focused upon. This work of clarification, which is pursued through the acquisition of contemporary external points of view, is important to show both the historical and theoretical context of certain assumptions made by James (e.g. synechistic pluralism) and to emphasize the peculiarities of his philosophical reflection. An accurate contextualization enables us to notice James’s adherence and contribution to that group of thinkers that witnessed the collapse of mechanical models in physics due to the irruption of the issue of temporality. Such a situation opened the way to theories of relativity and new epistemic models based upon the idea of uncertainty rather than on absolute truths or solid certainties . The third chapter finally focuses upon the philosophical texts of James. The intention of this analysis is to highlight the psychological assumptions and the epistemological principles that James firstly developed within his psycho-physiological training. More specifically, the aim of such analysis is to show that these principles remain important acknowledgments because they shape significant traits of James’s view. In this regard, the cognitively active and selective description of mind suggested to James a necessary enrichment of the notion of rationality to the extent that it included “personal reasons”. His paradigmatic distinction between rationalists and empiricists already appears in 1897 as the physiological and temperamental distinction between ‘tender- minded’ and ‘tough- minded’, and was already expression of James’s tendency towards a new radically empiricist epistemology. The general enrichment of the scientific approach to human beings and their faculties found in pragmatism a natural and valuable new methodology. According to pragmatist methodology, in fact, the meaning of concepts could be enhanced by considering all their possibly conceivable (theoretical and practical) consequences. From the beginning, James’s radicalization of empiricism was connected to a pluralistic metaphysics which was supposed to leave room for every human reason and to consign to human beings’ potentialities the actualization of novelty. In SPP he still thought of the alternative between monism and pluralism as the possibility of real novelty. Like change, novelty was really possible in a world still in-the-making, but it was difficult to show how it could happen and he finally formulated the hypothesis of small drops in which reality comes to be all at once. This solution was assumed to be possible and probable by James, even if it raised some difficulties as to what his general view concerns. Some tensions still remain between his monistic or pluralistic connotation of pluralism, which can be relevant even for his more general connection of epistemology and ontology, and the classification of his hypothesis of pure experience. However, his urgency to stress the sensualist side of knowledge and reality was mainly due to James’s effort to avoid falling into surreptitious intellectualist lines of thought. Some of the essays included in MT and ERE are particularly interesting for the analysis of feelings and relations. They treated some core arguments for James’s recovery of the theory of direct perception within his doctrine of radical empiricism and his metaphysical theory of pure experience. The Conclusion focused upon the relevance of some of James’s most precious studies and insights have for our times. Recollecting the key points and the theoretical issues upon which James seemed to devote long and deep reflection, and given the general reconstruction of his philosophical view, interesting lines of influence can be drawn, connecting him to contemporary branches of psychology and philosophy. For instance, there are interesting continuities with contemporary revivals of Dewey’s psychology and other significant affinities can be found with certain contemporary phenomenological approaches to neuroscience.”

 

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Epistemologia, Psicologia, Tesi

eBook di filosofia: E. G. Carlotti, Esperienza e coscienza. Approcci alle arti performative

CERVELLO7-Copia

Edoardo Giovanni Carlotti, Esperienza e coscienza. Approcci alle arti performative

“Esperienza e coscienza sono concetti in grado di collegare approcci all’emozione estetica distanti per impostazione e cultura come quelli del pensiero indiano medioevale, della teoria psicologica vygotskijana e delle moderne neuroscienze cognitive. Le arti performative costituiscono un campo di studio ideale per cercare di individuare gli elementi che identificano l’esperienza estetica come fenomeno peculiare del comportamento umano, ove i dati della percezione sono elaborati nel contesto di uno stato della coscienza distinto da quello quotidiano. Ogni indagine di questo fenomeno, che oltrepassa il mero interesse artistico, deve necessariamente articolarsi secondo un approccio interdisciplinare, armonizzando dati empirici e fenomenologici all’interno di definite coordinate storico-culturali.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia della mente, Neuroscienza

eBook di filosofia: R. Sarti, Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni

Schiavi

Raffaella Sarti,  Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni I. Teorie e dibattiti

In: Quaderni di Scienza & Politica (2). A cura di: Schiera, Pierangelo

“Muovendosi tra filosofia politica, storia politica, storia culturale, storia di genere, storia sociale, demografia storica e sociologia, questo libro, composto di due volumi, anzitutto ripercorre sul lungo periodo, a partire da Aristotele e con un focus sull’età moderna, i modi di concepire il rapporto servo-padrone, cercando di valutarne l’influenza sulla costruzione della categoria di cittadinanza (vol. I, cap. I). L’attenzione si sposta poi sulla Prima Rivoluzione inglese e la Rivoluzione francese, due momenti fondamentali nell’elaborazione delle moderne categorie di cittadinanza, ricostruendo il tortuoso percorso che trasformò i domestici da esclusi in cittadini (vol. I, cap. II): un percorso mai del tutto concluso, come mostra l’analisi della persistente influenza delle asimmetrie costruite dentro la sfera domestica. Balza qui in primo piano il ruolo del genere nella costruzione della dipendenza, così come quello della “razza”, dell’etnicità, della condizione migrante (vol. I, cap. III). Il primo volume dell’opera mostra il rapporto servo-padrone dal punto di vista della vischiosità dei modi di concepire la dipendenza nell’ambito della sfera domestica in un’ottica di lungo periodo, pur documentando, al contempo, le profonde trasformazioni dei soggetti coinvolti in tale rapporto. Questa è solo una parte della storia: accontentarsi di questa prospettiva implicherebbe una lettura parziale e fuorviante (vol. I, Conclusione). Il secondo volume presenterà le categorie di servo e padrone come terreno di una microfisica del potere fatta di incessanti contrattazioni e lotte quotidiane, individuali e collettive, nelle quali anche le elaborazioni teoriche, le leggi e la letteratura normativa costituiscono armi utilizzate in un duro scontro, in cui l’oggetto del contendere è (banalmente?) il potere.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia antica, Filosofia contemporanea, Filosofia medievale, Filosofia moderna, Filosofia politica

eBook di filosofia: L. Ercoli, Il paradigma nostalgico da Rousseau alla società di massa

nostalgia

Lucrezia Ercoli, Il paradigma nostalgico da Rousseau alla società di massa

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di RomaTre (2016)

“In Retro We Trust, recita uno slogan pubblicitario. Il fenomeno della nostalgia è in espansione. Il passato non è mai stato così presente. La nostalgia è una malattia che contagia tutto: la filosofia, la società, la politica, ma anche il cinema, la letteratura, la fotografia, la televisione, la tecnologia, il cibo, l’arte, la moda, i viaggi, gli stili di vita. Il paradigma nostalgico è diventato il tratto distintivo della cultura contemporanea, indissolubilmente legato alla diffusione della popular culture, filtrato dalle memorie individuali di spettatori-consumatori. La nostalgia non è solo un modo tra gli altri per rapportarsi con il passato, ma la possibilità privilegiata – forse unica – di contatto con il tempo e con la storia.

La tesi – ripercorrendo le tappe dello sviluppo del paradigma nostalgico che coinvolge tutta la tradizione occidentale da Esiodo a Rousseau – evidenzia i nodi tematici e le domande che le interpretazioni della nostalgia contemporanea lasciano aperte. Se la nostalgia contemporanea è un mero tentativo di abuso e di sfruttamento della memoria individuale e collettiva, che cosa rimane del sentimento struggente della nostalgia romantica? Se la nostalgia contemporanea è un prodotto artificiale di un sistema socio-economico che assume le sembianze di un passato inventato, che cosa rimane dell’originario desiderium di ovidiana memoria? Se la nostalgia contemporanea è un bisogno indotto votato ad alimentare il consumismo globale, che cosa rimane del dolore della rimembranza poetica? In altri termini il presente lavoro si domanda: la rammemorazione [Eingedenken], cara al pensiero filosofico del Novecento, è diventata stile à la page, superficiale tendenza? La nostalgia, il sentimento caro al romanticismo, ha perso la sua “aura” diventando riproducibile su youtube?

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia contemporanea, Filosofia moderna, Tesi

eBook di filosofia: F. Gambetti, Parmenide filosofo della natura

parmenide1

Francesca Gambetti, Parmenide filosofo della natura

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di RomaTre (2011)

“Il presente lavoro si propone di considerare alcuni nodi esegetici relativi alla figura e alla riflessione di Parmenide, alla luce delle recenti acquisizioni della ricerca sul pensiero presocratico in generale. Nonostante l’impossibilità di accedere integralmente al testo parmenideo, a causa della frammentarietà con cui è stato tramandato, tuttavia importanti mutamenti nel paradigma filosofico e storiografico, consentono di superare alcune “rigidità” ermeneutiche, che in passato hanno portato a vedere nel filosofo di Elea, in maniera alternativa, ora un mistico, ora il padre della metafisica occidentale, ora uno scienziato geniale in grado di precorrere alcune importanti intuizioni della fisica contemporanea.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia antica, Tesi

eBook di filosofia: F. Brezzi, Il bene, l’individuo, la virtù : la filosofia morale di Iris Murdoch

iris-murdoch-1963-photo-steve-brodie-20-10-13

Francesca Brezzi, Il bene, l’individuo, la virtù : la filosofia morale di Iris Murdoch

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di RomaTre (2011)

“L’itinerario che ho tracciato nella mia tesi di filosofia morale è quello della riscoperta della virtù nella Oxford degli anni Trenta, dove ho colto la proposta filosofico morale di Iris Murdoch, imperniata su tre nodi teoretici essenziali: il Bene, l’individuo e la virtù.

Nella prima parte della tesi ho considerato come Iris Murdoch fa parte di un cenacolo di donne filosofe come Elizabeth Anscombe, Philippa Foot, Rosalind Hursthouse, Mary Midgley e Mary Warnock, unite dal desiderio di riscoprire la vita interiore e la virtù. Riscoprendo l’etica della virtù di Aristotele e Platone, la sola capace di sviluppare una stretta unione tra filosofia ed etica, queste filosofe partecipano ad una fase di gestazione della rinascita della filosofia pratica. In via preliminare da un lato ho analizzato la nozione di virtù, soffermandomi su: Elizabeth Anscombe e sul suo scritto Moral Modern Philosophy, 1958; Philippa Foot con il saggio Virtù e vizi, 1978; Rosalind Hursthouse con On virtue ethics, 1998. Dall’altro ho approfondito il concetto di vizio nel pensiero di Mary Midgley in Wickedness, 1984, e l’analisi dell’immaginazione compiuta da Mary Warnock in Imagination, 1976.

Nella seconda e nella terza parte della tesi ho analizzato il pensiero morale di Iris Murdoch la quale a differenza delle sue colleghe dialoga con Platone. Ho delineato tre periodi che scandiscono lo sviluppo cronologico e contenutistico delle sue riflessioni: 1) l’incontro/scontro con Sartre nei saggi 1950-1957, 2) un periodo polemico nei confronti della filosofia inglese, il positivismo logico, in cui la filosofa giustifica l’esistenza della vita interiore, nei saggi 1951-1956, 3) un grande periodo neoplatonico negli scritti dal 1962 al 1992  La sovranità del Bene, 1970, Un dialogo sugli dei e la religione, in Acasto, 1986, e Metaphysics as a guide to morals, 1992. Nella seconda parte della tesi, ho approfondito i primi due periodi che scandiscono lo sviluppo del pensiero murdochiano. Il primo periodo è caratterizzato dall’incontro/scontro con Sartre: anche se la Murdoch condivide il suo interesse per la coscienza, tuttavia lo critica per aver fornito una raffigurazione solipsistica dell’individuo, che non ha alcuna relazione con la realtà trascendente. Nei saggi di carattere polemico, nel secondo periodo, la filosofa dimostra l’esistenza della vita interiore criticando la posizione assunta da positivismo logico e non-cognitivismo poiché hanno rigettato la metafisica ed hanno ridotto l’etica ad un’analisi neutrale di azioni osservabili.

Nella terza parte della tesi ho approfondito il terzo periodo, quello neoplatonico, negli scritti dal 1962 al 1992 dove la filosofa, criticando la tesi della filosofia della linguaggio secondo cui dentro «è tutto buio e silenzio», sottolinea come la colpa di questi filosofi è stata quella di delegare alla scienza la conoscenza della natura dell’uomo: in realtà i concetti morali che riguardano l’individuo non si muovono all’interno di un mondo concreto di fatti analizzabili attraverso la scienza, ma abitano in mondo differente, oggetto esclusivo della morale. Dato che esiste una stretta correlazione tra conoscenza e bontà, la filosofa delinea un processo di apprendimento e progresso dove la conoscenza dell’altro e della realtà sono il frutto di continui atti di attenzione  termine che la filosofa riprende da Simone Weil che vanno «coltivati» con sforzo e pazienza. Iris Murdoch delinea inoltre il pellegrinaggio morale come suggestiva rilettura del mito della caverna che implica il progresso morale. Attraverso l’esercizio sia della virtù nella vita quotidiana che dell’unselfing («uscire da noi stessi»), l’agente morale riesce a cogliere il bene ad un grado inferiore: così in seguito può ascendere al Bene, e discendere nel mondo vedendo i concetti attraverso i quali è asceso nella loro vera essenza e cogliendo l’unità delle virtù. L’amore è il sentimento che spinge l’agente a muoversi istintivamente verso il Bene: è la tensione fra l’anima imperfetta e la perfezione magnetica. Ho poi analizzato tre importanti nodi teoretici presenti nell’ultima opera della filosofa, Metaphysics as a guide to morals, 1992: la prova ontologica, la relazione tra moralità e religione e la teoria dell’obbligazione imperniata sui concetti di dovere, volontà e assioma. In primo luogo, Iris Murdoch utilizza la prova ontologica di Anselmo per dimostrare l’esistenza del Bene: attraverso l’argomento logico dimostra l’esistenza necessaria dell’idea del Bene correlata della coscienza pensante. In secondo luogo, Murdoch considera che il Bene è il «ponte» che unisce la morale e la religione. La religione, nel pensiero murdochiano, è un lavoro perpetuo composto da continui atti di attenzione nei confronti delle cose e degli altri. Terzo, anche se nel suo pensiero morale l’idea del bene «rimane il magnete», esso mostra un’ulteriore articolazione dato che prevede anche una teoria dell’obbligazione, composta da volontà, dovere e assioma.

Infine ho considerato alcune interpretazioni del pensiero morale di Iris Murdoch: Martha Nussbaum delinea la concezione murdochiana dell’amore; Maria Antonaccio mette in evidenza come la tensione presente nei suoi romanzi tra il santo e l’artista, in realtà è presente, anche se in modo diverso, nel suo pensiero morale.

La ricezione critica di Murdoch in area italiana è composta da alcuni saggi composti da importanti filosofi: Luisa Muraro, che ha colto la relazione esistente tra scritti filosofici e letterari; Piergiorgio Donatelli ha poi considerato come Iris Murdoch concepisca “l’etica come lavoro concettuale”; infine Carla Bagnoli considera l’importanza che la “mente morale” ha nel pensiero murdochiano. In un’epoca caratterizzata dalla crisi delle ideologie, anche l’universo dei valori appare in continua trasformazione in cerca di fondamenti altri. In tale contesto ho trovato nella proposta morale di Iris Murdoch, coerenza di pensiero e ricchezza nel provvedere degli schemi concettuali e delle figure esplicative in relazione con il Bene.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia morale, Tesi

eBook di filosofia: A. M. Nunziante, Il normativo e il naturale. Saggi su Leibniz

nunziante

Antonio M. Nunziante, Il normativo e il naturale. Saggi su Leibniz

“Il naturalismo di Leibniz, prima del nostro, ha fatto i conti col problema della normatività. C’è un conflitto di paradigmi che prende forma nel suo pensiero: da una parte, c’è il lessico dell’ontologia aristotelica, fatto di sostanze individuali dotate di «nature», dall’altra c’è il lessico degli eventi e delle leggi descritte dalle scienze naturali. Al centro si pone una strategia radicalmente nominalista, perché quello che davvero esiste sono soltanto gli individui, con i loro stati percettivi e le loro dinamiche appetitive. Nel mondo degli eventi naturali descritto dalle leggi della fisica chi è allora propriamente soggetto di azione? Ovvero: come si giustifica l’azione individuale in un mondo dominato da processi e che cosa significa essere persona in un universo di eventi che non è stato creato da noi? Ecco il cuore del placement problem leibniziano.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna

eBook di filosofia: A. Bragantini Valeria Moro (a cura di), polis, eros, parrhesia. Tragedia greca, questioni contemporanee: letture etico-politiche

polis eros
“La tragedia greca rappresenta una drammaturgia di condotte, dilemmi morali, problemi politici che segnano l’esistenza individuale e la convivenza sociale. Il combinarsi di storie, che investono la parola e i corpi dei personaggi, con la riflessione sulla vita umana, offre concetti e indica piste di pensiero.
Questo spiega l’intensa rilettura di Eschilo, Sofocle e Euripide da parte di pensatrici e pensatori nel secondo Novecento e nei primi anni Duemila, anche al di là di un interesse prettamente storico-letterario e storico-filosofico. Che siano recuperate le sue figure, le vicende in essa agite, il carattere stesso di performance pubblica che la connota, la tragedia greca ha fornito molteplici strumenti per una riflessione di carattere etico-politico su diverse questioni urgenti del presente.
Questa raccolta (che trae origine dall’esperienza della giornata di studi tenutasi il 9 novembre 2016 presso il Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata dell’Università degli Studi di Padova) propone alcune delle diverse vie per le quali oggi la ricerca si lascia volentieri stimolare dagli interrogativi della tragedia.
Ne risulta una lettura critica, ma anche appassionata: consapevole della distanza dal testo e dal suo autore, ma anche della possibilità, che la tragedia greca reca con sé, di mettere il presente in discussione.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia morale, Filosofia politica

eBook di filosofia: M. Semi, Musica come Scienza dell’uomo. I caratteri del sapere musicale nel Settecento britannico

Musica

Maria Semi, Musica come Scienza dell’uomo. I caratteri del sapere musicale nel Settecento britannico

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Bologna (2009)

“The departure point of the present work is the idea that in order to understand what music meant to British society in the Eighteenth-Century an interdisciplinary approach is necessary. Natural philosophy, moral philosophy, musical treatises and histories of music: all these sources concur both to the creation of a new idea about what music and its ‘science’ are, and to question the place which music ought to have in the realm of the Science of Man. The dissertation is divided into two sections. In the first one we will take into account philosophical sources (from John Locke, Joseph Addison and Lord Shaftesbury, to Lord Kames and Adam Smith), and we will examine their thoughts on music. In the second one we will deal with musical sources (from the Treatise of Musick of Alexander Malcom, to the Histories of Music of Charles Burney and John Hawkins) in order to show their connection with the philosophical literature before mentioned. The main aim of the work it to show that the development of specific philosophies of the human mind, such as the ones of John Locke and David Hume, did influence the way in which music was thought. Particularly we will point out the case of Adam Smith’s interpretation of instrumental music, which is heavily indebted to the humeian model of the human mind. “

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia della musica, Tesi