Archivi categoria: Estetica

eBook di filosofia: C. Pieralli, Il pensiero estetico di Nikolaj Evreinov dalla teatralità alla ‘poetica della rivelazione’

FUPress1

Claudia Pieralli, Il pensiero estetico di Nikolaj Evreinov dalla teatralità alla ‘poetica della rivelazione’

“Questa ricerca propone un’analisi integrale del pensiero estetico del regista, drammaturgo e teorico dell’arte Nikolaj Nikolaevič Evreinov. Il lavoro si incentra sull’analisi del trattato La rivelazione dell’arte, scritto a Parigi negli anni Trenta, che rappresenta la maggiore testimonianza delle ricerche in campo estetico dell’autore. Si offre così un collegamento tra aspetti noti del pensiero teatrale di Evreinov, relativi al periodo delle avanguardie in Russia, e altri, di carattere più ampio, rimasti a lungo preclusi alla conoscenza. Attraverso spaccati di storia del teatro russo del primo Novecento e riflessioni che toccano la critica testuale, la storia del pensiero estetico e della critica russa, emerge, sullo sfondo della cultura espressa dall’emigrazione russa post-rivoluzionaria, la complessa figura di un artista che, da intellettuale, entra in dialogo con la tradizione culturale europea occidentale. Questo libro intende così restituire visibilità, oltre che una completezza esegetica e storiografica, alla ricca eredità di Evreinov scrittore, filosofo e critico.”

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica

Figura. Studi sulla tradizione classica

logo_figura

Figura. Studi sulla tradizione classica è una rivista internazionale online che si propone di divulgare ricerche attuali e di testi di riferimento sulla tradizione classica. La rivista pubblica studi sulla cultura visiva e testuale dell’Antichità, ma anche sulle appropriazioni e sulle trasfigurazioni di questa tradizione operate dal mondo antico e post-antico (comprendendo anche la contemporaneità).

Conviene avvicinarsi alla nozione di “classico” tramite un approccio inizialmente negativo. Classico non rimanda qui a uno “stile”, codificato nei diversi “classicismi” storici, i cui tratti comuni sarebbero, per così dire, la predilezione per il repertorio elevato, il senso della centralità, dell’unità, della trasparenza strutturale, l’ideale di semplicità e il gusto per il gioco disciplinato tra regola e varietà. In secondo luogo, “classico” non possiede qui alcun vincolo con una psicologia della percezione che vedrebbe in questo concetto una “costante” dello spirito. “Classico” non va infine associato a qualsiasi giudizio di valore, nell’ambito di un’antitesi Classico / Anticlassico, nel quale al secondo termine sarebbero riservate pulsioni creatrici, innovative, sperimentali, soggettive, ecc. Una volta liberata da queste tre accezioni di “classico” legate a prospettive troppo specifiche, la nozione di Tradizione Classica si può definire più oggettivamente. Si riferisce al processo storico attraverso il quale le culture generate dal Mediterraneo strutturano le loro coordinate mentali, la loro topica e i loro procedimenti argomentativi, costituendo un repertorio di forme (visive, letterarie, retoriche, mitologiche, filosofiche, religiose, scientifiche, musicali, ecc.) in un incessante movimento di cristallizzazione, trasmissione e trasformazione dei significati dei modelli antichi.”

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici

Sensate. A Journal for Experiments in Critical Media Pratice

Sensate

Sensate. A Journal for Experiments in Critical Media Pratice è la rivista open-access che si propone di creare, presentare e discutere di progetti innovativi nelle arti, nelle scienze e in generale, nelle discipline umanistiche.

“Our mission is to provide a scholarly and artistic forum  for experiments in critical media practices that expand academic discourse by taking us beyond the margins of the printed page. Fundamental to this expansion is a re-imagining of what constitutes a work of scholarship or art. To that end, Sensate accepts and encourages non-traditional submissions such as audiovisual ethnographic research, multimedia mash-ups, experiments in media archaeology, time-based media, participatory media projects, or digitized collections of archival media, artifacts, or maps. Sensate accepts submissions of finished projects, proposals, and reviews of works (monographs, films, exhibitions, etc).”

La rivista non presenta articoli convenzionali ma “documenti multimediali” per una partecipazione a vari livelli dei lettori. Il sito della rivista permette al lettore di navigare attraverso le icone multimediali della home page, selezionando le “Special Collections” o facendo ricerche testuali. Molti dei materiali in linea provengono dall’Harvard Sensory Ethnography Lab.

 

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici

eBook di filosofia: E. De Caro, Note sulla fenomenologia dell’estetico

Husserl4

Eugenio De Caro, Note sulla fenomenologia dell’estetico

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia contemporanea

PHAROS: fotografie del patrimonio artistico e architettonico

pharos_logo

PHAROS. The international Consortium of Photo Archives è il nome del progetto e del portale che rende disponibili in rete 31 milioni (numero stimato) di fotografie ricercabili del patrimonio artistico e architettonico mondiale, documentando anche la storia della fotografia.

“PHAROS is an international consortium of fourteen European and North American art historical photo archives committed to creating a digital research platform allowing for comprehensive consolidated access to photo archive images and their associated scholarly documentation.  The PHAROS collections collectively contain an estimated 31 million images documenting works of art and architecture and the history of photography itself”

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Estetica

eBook di filosofia: E. Crescimanno, La fotogenia. Verità e potenza dell’immagine fotografica

SONY DSC

Emanuele Crescimanno, La fotogenia. Verità e potenza dell’immagine fotografica, Aesthetica Preprint, 88, aprile 2010

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica

eBook di filosofia: G. Didi-Huberman, “Le immagini e i mali”. Usi e disagi della sublimazione

didi-huberman1

Georges Didi-Huberman, “Le immagini e i mali”. Usi e disagi della sublimazione

“Questo scritto, pubblicato come postfazione alla nuova edizione di Invention de l’hystérie. Charcot et l’iconographie photographique de l’hystérie (Macula, Paris, 2012 e sgg., pp. 364-405) con il titolo Des images et des maux, è la versione completa del testo di una conferenza organizzata dall’Association psychanalytique de France, e tenutasi il 24 settembre 2011, dal titolo L’Usage de la sublimation. Partendo da alcune considerazioni sul suo primo libro, l’Autore esamina limiti e potenzialità della sublimazione in riferimento agli argomenti dell’arte e della creazione artistica, e suggerisce una diversa via di approccio.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica

Aesthetic Investigations: la rivista online dedicata all’estetica

Aesthetic Investigations

Aesthetic Investigations è la rivista online della Dutch Association of Aesthetics che si propone di animare e di suscitare il dibattito filosofico in campo estetico.

Aesthetic Investigations encourages philosophical discussion amongst philosophers, humanities researchers and critics, of all the arts; and those interested in the aesthetics of the everyday—about art and aesthetics and their roles in society. Aesthetic Investigations also encourages debates about philosophical issues regarding one or the other of the art forms; the impact of works of art on their public, political, ethical, cultural context, and of these contexts on the works; the ontology of art, and their definition, and so on.

Aesthetic Investigations encourages reports of artistic research activities. The Arts & Artists-section is devoted to the contribution of artistic scrutiny and artistic research and includes art-critical discussion, texts written by artists, interviews with artists as well as with philosophers of art.

The Fresh-section is not peer-reviewed, and is devoted to shorter pieces introducing fresh new thrilling considerations, that may not immediately fit within the academic debates. This section also allows criticism of articles from the Articles-section. Criticism of articles from other journals shall count as articles.

1 Commento

Archiviato in Estetica, Periodici

Questions de communication: la rivista online sulla comunicazione

question de communication

Questions de communication è la rivista online interdisciplinare organizzata in un numeri tematici sulla comunicazione.

“Questions de communication favorise l’approfondissement ou le renouvellement des approches sur un thème – objet du dossier – grâce au croisement de contributions faisant référence à différentes traditions scientifiques. Fondée sur le pluralisme, elle suscite des débats sur des concepts ou des méthodes utilisés dans les travaux traitant de l’information et de la communication (Échanges, Notes de recherche).”

 

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici

Journal of Somaesthetics: una rivista online di somaestetica

logo-the-journal-of-somaesthetics

Journal of Somaesthetics è la giovane rivista online accademica dedicata alla somaestetica.

The Journal of Somaesthetics is a peer-reviewed, online, academic research journal devoted to research that advances the interdisciplinary field of somaesthetics, understood as the critical study and meliorative cultivation of the experience and performance of the living body (or soma) as a site of sensory appreciation (aesthesis) and creative self-stylization.

Somaesthetics is an interdisciplinary research product devoted to the critical study and meliorative cultivation of the experience and use of the living body (or soma) as a site of sensory appreciation (aesthesis) and creative self-stylization. An ameliorative discipline of both theory and practice, somaesthetics seeks to enrich not only our discursive knowledge of the body but also our lived somatic experience and performance; it aims to improve the meaning, understanding, efficacy, and beauty of our movements and of the environments to which our actions contribute and from which they also derive their energies and significance. To pursue these aims, somaesthetics is concerned with a wide diversity of knowledge forms, discourses, social practices and institutions, cultural traditions and values, and bodily disciplines that structure (or could improve) such somatic understanding and cultivation, and it is therefore an interdisciplinary project, in which theory and practice are closely connected and reciprocally nourish each other. It is not limited to one theoretical field, academic or professional vocabulary, cultural ideology, or particular set of bodily disciplines. Rather it aims to provide an overarching theoretical structure and a set of basic and versatile conceptual tools to enable a more fruitful interaction and integration of the very diverse forms of somatic knowledge currently being practiced and pursued. There is an impressive, even overwhelming abundance of discourse about the body in many disciplines of contemporary theory and commercial enterprise. But such somatic discourse typically lacks two important features. First, a structuring overview or architectonic that could integrate their very different discourses into a more productively coherent or interrelated field. It would be useful to have a broad framework (which does not mean a unified, highly consistent system) that could connect, for example, the discourse of biopolitics to the therapies of bioenergetics, the neuroscience of hand gestures to their aesthetic meaning in Nõ theater. The second feature lacking in most academic discourse on embodiment is a clear pragmatic orientation — something that the individual can clearly employ or apply to his or her life in terms of disciplines of improved somatic practice. Somaesthetics offers a way to address both these deficiencies.”

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici