Archivi categoria: Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: Nicholas Allott, Chris Knight, and Neil Smith (a cura di), The Responsibility of Intellectuals. Reflections by Noam Chomsky and Others after 50 years

copertina Chomsky

Nicholas Allott, Chris Knight, and Neil Smith (a cura di), The Responsibility of Intellectuals. Reflections by Noam Chomsky and Others after 50 years

“With the publication of ‘The Responsibility of Intellectuals’ half a century ago, Noam Chomsky burst onto the US political scene as a leading critic of the war in Vietnam. Privilege, he argues, brings with it the responsibility to tell the truth and expose lies, but our intellectual culture only pays lip-service to this ideal. The essay has been described as ‘the single most influential piece of anti-war literature’ of the Vietnam War period.

Since then, Chomsky has continued to equip a growing international audience with the facts and arguments needed to understand – and change – our world. According to The New York Times, Chomsky ‘may be the most widely read American voice on foreign policy on the planet today’.

This book revisits ‘The Responsibility of Intellectuals’ half a century on. It includes six new essays written to celebrate Chomsky’s famous intervention and explore its relevance in today’s world. Nicholas Allott, Chris Knight, Milan Rai and Neil Smith have studied and written about Chomsky’s thought for many years, while Craig Murray and Jackie Walker describe the personal price they have paid for speaking out. The book finishes with Chomsky’s recollections of the background to the original publication of his essay, followed by extensive commentary from him on its 50th anniversary.”

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia politica

Go Philosophy: il blog del “Geography Philosophy Project”

Robert_Delaunay_1913_Premier_Disque_134_cm_52.7_inches_Private_collection

Go Philosophy è il blog ufficiale del “Geography of Philosophy Project. An Interdisciplinary Cross-Cultural Exploration of Universality and Diversity in Fundamental Philosophical Concepts”.

Il progetto interidisciplinare si propone di indagare su tre concetti filosofici chiave nella cultura occidentale e orientale, in particolare sulla loro universalità e diversità: comprensione, conoscenza e speranza.

“The question that motivates our project is whether fundamental philosophical concepts – concepts that play a central role in the world-view of contemporary Americans and Western Europeans – are religious and cross-cultural universals that are used by people around the world, or if there is diversity in these concepts. Our focus is on the following concepts: understanding, knowledge, and wisdom.

Queste le due finalità del progetto:

“Our project has two overarching goals. The first is to dramatically advance what is known about the extent to which three fundamental philosophical concepts – knowledge, understanding and wisdom – are shared across religions and cultures. These concepts, which loom large in contemporary philosophical and religious discourse, play a major role in organizing our thinking about what to believe, how to conduct inquiry, and how to structure our lives. In order to achieve this goal, we have assembled religiously and culturally diverse interdisciplinary teams of researchers in many regions around the world. Our second goal is to build on the foundation of these Research Teams to create a new, multi-cultural research community focused on studying important philosophical concepts using the tools and insights of a wide variety of disciplines including philosophy, anthropology, linguistics, psychology, neuroscience, and cultural studies. To achieve these ends, the project seeks to improve upon extant cross-cultural research by:

  • expanding the methodologies, the range of cultures considered, and the cultural and disciplinary diversity of the investigators engaged in inquiry;
  • motivating and enabling researchers around the world to become involved in cross-cultural, interdisciplinary research on philosophical concepts by sponsoring workshops in Africa, Asia and South America where our research teams can interact with scientists and scholars in the region;
  • presenting our findings both in scholarly publications and in an integrated format accessible to non-specialists;
  • fostering discussion about the implications of the findings for venerable philosophical debates and for practical contemporary issues.”

 

Lascia un commento

Archiviato in Antropologia filosofica, Filosofia comparata, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: L. Veinstein, Violence et langage. Une lecture de la «Critique de la violence» de Walter Benjamin

Bernjamin

Léa Veinstein, Violence et langage. Une lecture de la « Critique de la violence » de Walter Benjamin

“Quels liens unissent le droit et la violence ? Peut-il y avoir une violence pure de cette relation au pouvoir ? C’est en 1921 que Walter Benjamin se pose ces questions, et publie « Pour une critique de la violence ». Partant des situations les plus concrètes que lui donne à penser la politique, il emmène son analyse dans le champ du mythe, de la théologie, inaugurant une articulation nouvelle entre le concept de violence et la philosophie du langage. Ce travail se propose d’analyser ce texte ligne à ligne afin d’en rendre la vivacité philosophique, la force politique, et le mystère poétique.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

Alius Bulletin: interviste online sul tema della coscienza

alius3_orig

ALIUS Bulletin. Exploring the diversity of Consciouness è il bollettino annuale che pubblica interviste con ricercatori e docenti universitari che si occupano di coscienza e degli stati alterati di coscienza (ASCs)

The goal of the Bulletin is to present a clear outline of current research on ASCs across a variety of disciplines, with an emphasis on empirical work. It also aims at dispelling the widespread stigma that still plagues the notion of ASC, while allowing a wider audience to discover rigorous scientific work on the topic presented by authors in their own words.

Il bollettino è un’iniziativa dell’ALIUS Research Group che si propone la ricerca scientifica e sistematica sulla coscienza. Il Gruppo è multidisciplinare e si avvale del contributo di informatici, biologi, neuroscienziati, psicologi, filosofi, psichiatri e antropologi.

ALIUS Research Group aims at investigating consciousness in a scientific and systematic manner, claiming that the study of consciousness should not be solely confined to a specific subset of conscious states and human subjects. Understanding consciousness requires taking into account the great diversity of states humans can experience – accounting for multiple factors and variables such as age, culture, practices, mental health and pathologies. The study of consciousness thus requires charting the cartography of the multifarious types of conscious states experienced by humans across the globe and across the full spectrum of biological and cultural differences.

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia contemporanea, Filosofia della mente, Neuroscienza, Periodici

eBook di filosofia: R. T. Devitt, Foucault and Literature: Finitude, Feigning, Fabulation

foucaulta16

Ryan Thomas Devitt, Foucault and Literature: Finitude, Feigning, Fabulation

Tesi di laurea discussa presso l’Università di Waterloo

“The dissertation is composed of two related parts, each applying aspects of Michel Foucault’s thought to contemporary American avant-garde writing. Part One brings together Foucault’s neglected early essays on literature, reading them against the backdrop of the major works published during this period (1961-1966) and deducing from them a method and framework of interpretation, which I call feigning. Feigning, in turn, reveals the themes common to Foucault’s early work: finitude as a strict limit, the sovereignty of language as proof of this limit, and repetition as 1) the proof of sovereignty, but also 2) the form of an incredible experience that disrupts the origin, calls being into question, and requires a complete openness to the “irreducible enigma the world conceals” (Legros 111). Feigning as such is applied to contemporary works of American “fabulation” by Robert Coover, John Barth, and Donald Barthelme. My reading of these authors demonstrates the reach and relevance of feigning as a rich, complex method of interpretation that is not limited to the French avant-garde of the mid-twentieth century. Part Two of the dissertation reevaluates the method of feigning according to Foucault’s return to art and writing in his final work. Here, literature functions not simply as an “experience of the outside” that casts everything in doubt, but serves instead as equipment and aid in the critical, careful assessment of the formation of self. Renewing the themes of Part One and drawing on the pure research of Foucault’s final lectures, I argue for the potential of feigning as an “art of life” that bears upon the cultivation of attitude and ēthos.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia della letteratura

eBook di filosofia: P. Chevallier, Michel Foucault et le christianisme

44523-17

Philippe Chevallier, Michel Foucault et le christianisme

“Des premiers rites baptismaux à la confession moderne, les références au christianisme sont constantes dans l’œuvre de Michel Foucault. Cette constance s’inscrit dans un questionnement philosophique plus large sur notre actualité : comprendre le rapport que nous avons aujourd’hui à nous-mêmes demande de s’interroger sur les actes de vérité que l’Occident a instaurés depuis les premiers siècles chrétiens. Que faut-il dire et manifester de soi pour être transformé dans son être, pardonné, sauvé, jugé ou guéri ? Ce livre propose une étude critique de l’ensemble des lectures chrétiennes de Foucault, avec une attention particulière portée au cours Du gouvernement des vivants (1979-1980). Ni chronologique ni thématique, le parcours suivi espère retrouver la logique d’un travail à la fois philosophique et historique : quand et comment le christianisme a-t-il été constitué par Foucault en objet de recherche, avec quelles pratiques de lecture et quelles conséquences sur l’interprétation ? Attentif aux mots plus qu’aux choses, le philosophe repère les glissements sémantiques successifs qui annoncent, entre le IIe et le IVsiècle de notre ère, le passage du monde antique à un univers inédit : celui de la perfection impossible et des fidélités difficiles. Loin de l’image facile d’un christianisme ascétique et intransigeant, Foucault définit l’originalité chrétienne comme la reconnaissance et l’institution paradoxale d’un rapport précaire à la vérité.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: R. Sarti, Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni

Schiavi

Raffaella Sarti,  Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni I. Teorie e dibattiti

In: Quaderni di Scienza & Politica (2). A cura di: Schiera, Pierangelo

“Muovendosi tra filosofia politica, storia politica, storia culturale, storia di genere, storia sociale, demografia storica e sociologia, questo libro, composto di due volumi, anzitutto ripercorre sul lungo periodo, a partire da Aristotele e con un focus sull’età moderna, i modi di concepire il rapporto servo-padrone, cercando di valutarne l’influenza sulla costruzione della categoria di cittadinanza (vol. I, cap. I). L’attenzione si sposta poi sulla Prima Rivoluzione inglese e la Rivoluzione francese, due momenti fondamentali nell’elaborazione delle moderne categorie di cittadinanza, ricostruendo il tortuoso percorso che trasformò i domestici da esclusi in cittadini (vol. I, cap. II): un percorso mai del tutto concluso, come mostra l’analisi della persistente influenza delle asimmetrie costruite dentro la sfera domestica. Balza qui in primo piano il ruolo del genere nella costruzione della dipendenza, così come quello della “razza”, dell’etnicità, della condizione migrante (vol. I, cap. III). Il primo volume dell’opera mostra il rapporto servo-padrone dal punto di vista della vischiosità dei modi di concepire la dipendenza nell’ambito della sfera domestica in un’ottica di lungo periodo, pur documentando, al contempo, le profonde trasformazioni dei soggetti coinvolti in tale rapporto. Questa è solo una parte della storia: accontentarsi di questa prospettiva implicherebbe una lettura parziale e fuorviante (vol. I, Conclusione). Il secondo volume presenterà le categorie di servo e padrone come terreno di una microfisica del potere fatta di incessanti contrattazioni e lotte quotidiane, individuali e collettive, nelle quali anche le elaborazioni teoriche, le leggi e la letteratura normativa costituiscono armi utilizzate in un duro scontro, in cui l’oggetto del contendere è (banalmente?) il potere.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia antica, Filosofia contemporanea, Filosofia medievale, Filosofia moderna, Filosofia politica

eBook di filosofia: L. Ercoli, Il paradigma nostalgico da Rousseau alla società di massa

nostalgia

Lucrezia Ercoli, Il paradigma nostalgico da Rousseau alla società di massa

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di RomaTre (2016)

“In Retro We Trust, recita uno slogan pubblicitario. Il fenomeno della nostalgia è in espansione. Il passato non è mai stato così presente. La nostalgia è una malattia che contagia tutto: la filosofia, la società, la politica, ma anche il cinema, la letteratura, la fotografia, la televisione, la tecnologia, il cibo, l’arte, la moda, i viaggi, gli stili di vita. Il paradigma nostalgico è diventato il tratto distintivo della cultura contemporanea, indissolubilmente legato alla diffusione della popular culture, filtrato dalle memorie individuali di spettatori-consumatori. La nostalgia non è solo un modo tra gli altri per rapportarsi con il passato, ma la possibilità privilegiata – forse unica – di contatto con il tempo e con la storia.

La tesi – ripercorrendo le tappe dello sviluppo del paradigma nostalgico che coinvolge tutta la tradizione occidentale da Esiodo a Rousseau – evidenzia i nodi tematici e le domande che le interpretazioni della nostalgia contemporanea lasciano aperte. Se la nostalgia contemporanea è un mero tentativo di abuso e di sfruttamento della memoria individuale e collettiva, che cosa rimane del sentimento struggente della nostalgia romantica? Se la nostalgia contemporanea è un prodotto artificiale di un sistema socio-economico che assume le sembianze di un passato inventato, che cosa rimane dell’originario desiderium di ovidiana memoria? Se la nostalgia contemporanea è un bisogno indotto votato ad alimentare il consumismo globale, che cosa rimane del dolore della rimembranza poetica? In altri termini il presente lavoro si domanda: la rammemorazione [Eingedenken], cara al pensiero filosofico del Novecento, è diventata stile à la page, superficiale tendenza? La nostalgia, il sentimento caro al romanticismo, ha perso la sua “aura” diventando riproducibile su youtube?

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia contemporanea, Filosofia moderna, Tesi

eBook di filosofia: F. Brezzi, Il bene, l’individuo, la virtù : la filosofia morale di Iris Murdoch

iris-murdoch-1963-photo-steve-brodie-20-10-13

Francesca Brezzi, Il bene, l’individuo, la virtù : la filosofia morale di Iris Murdoch

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di RomaTre (2011)

“L’itinerario che ho tracciato nella mia tesi di filosofia morale è quello della riscoperta della virtù nella Oxford degli anni Trenta, dove ho colto la proposta filosofico morale di Iris Murdoch, imperniata su tre nodi teoretici essenziali: il Bene, l’individuo e la virtù.

Nella prima parte della tesi ho considerato come Iris Murdoch fa parte di un cenacolo di donne filosofe come Elizabeth Anscombe, Philippa Foot, Rosalind Hursthouse, Mary Midgley e Mary Warnock, unite dal desiderio di riscoprire la vita interiore e la virtù. Riscoprendo l’etica della virtù di Aristotele e Platone, la sola capace di sviluppare una stretta unione tra filosofia ed etica, queste filosofe partecipano ad una fase di gestazione della rinascita della filosofia pratica. In via preliminare da un lato ho analizzato la nozione di virtù, soffermandomi su: Elizabeth Anscombe e sul suo scritto Moral Modern Philosophy, 1958; Philippa Foot con il saggio Virtù e vizi, 1978; Rosalind Hursthouse con On virtue ethics, 1998. Dall’altro ho approfondito il concetto di vizio nel pensiero di Mary Midgley in Wickedness, 1984, e l’analisi dell’immaginazione compiuta da Mary Warnock in Imagination, 1976.

Nella seconda e nella terza parte della tesi ho analizzato il pensiero morale di Iris Murdoch la quale a differenza delle sue colleghe dialoga con Platone. Ho delineato tre periodi che scandiscono lo sviluppo cronologico e contenutistico delle sue riflessioni: 1) l’incontro/scontro con Sartre nei saggi 1950-1957, 2) un periodo polemico nei confronti della filosofia inglese, il positivismo logico, in cui la filosofa giustifica l’esistenza della vita interiore, nei saggi 1951-1956, 3) un grande periodo neoplatonico negli scritti dal 1962 al 1992  La sovranità del Bene, 1970, Un dialogo sugli dei e la religione, in Acasto, 1986, e Metaphysics as a guide to morals, 1992. Nella seconda parte della tesi, ho approfondito i primi due periodi che scandiscono lo sviluppo del pensiero murdochiano. Il primo periodo è caratterizzato dall’incontro/scontro con Sartre: anche se la Murdoch condivide il suo interesse per la coscienza, tuttavia lo critica per aver fornito una raffigurazione solipsistica dell’individuo, che non ha alcuna relazione con la realtà trascendente. Nei saggi di carattere polemico, nel secondo periodo, la filosofa dimostra l’esistenza della vita interiore criticando la posizione assunta da positivismo logico e non-cognitivismo poiché hanno rigettato la metafisica ed hanno ridotto l’etica ad un’analisi neutrale di azioni osservabili.

Nella terza parte della tesi ho approfondito il terzo periodo, quello neoplatonico, negli scritti dal 1962 al 1992 dove la filosofa, criticando la tesi della filosofia della linguaggio secondo cui dentro «è tutto buio e silenzio», sottolinea come la colpa di questi filosofi è stata quella di delegare alla scienza la conoscenza della natura dell’uomo: in realtà i concetti morali che riguardano l’individuo non si muovono all’interno di un mondo concreto di fatti analizzabili attraverso la scienza, ma abitano in mondo differente, oggetto esclusivo della morale. Dato che esiste una stretta correlazione tra conoscenza e bontà, la filosofa delinea un processo di apprendimento e progresso dove la conoscenza dell’altro e della realtà sono il frutto di continui atti di attenzione  termine che la filosofa riprende da Simone Weil che vanno «coltivati» con sforzo e pazienza. Iris Murdoch delinea inoltre il pellegrinaggio morale come suggestiva rilettura del mito della caverna che implica il progresso morale. Attraverso l’esercizio sia della virtù nella vita quotidiana che dell’unselfing («uscire da noi stessi»), l’agente morale riesce a cogliere il bene ad un grado inferiore: così in seguito può ascendere al Bene, e discendere nel mondo vedendo i concetti attraverso i quali è asceso nella loro vera essenza e cogliendo l’unità delle virtù. L’amore è il sentimento che spinge l’agente a muoversi istintivamente verso il Bene: è la tensione fra l’anima imperfetta e la perfezione magnetica. Ho poi analizzato tre importanti nodi teoretici presenti nell’ultima opera della filosofa, Metaphysics as a guide to morals, 1992: la prova ontologica, la relazione tra moralità e religione e la teoria dell’obbligazione imperniata sui concetti di dovere, volontà e assioma. In primo luogo, Iris Murdoch utilizza la prova ontologica di Anselmo per dimostrare l’esistenza del Bene: attraverso l’argomento logico dimostra l’esistenza necessaria dell’idea del Bene correlata della coscienza pensante. In secondo luogo, Murdoch considera che il Bene è il «ponte» che unisce la morale e la religione. La religione, nel pensiero murdochiano, è un lavoro perpetuo composto da continui atti di attenzione nei confronti delle cose e degli altri. Terzo, anche se nel suo pensiero morale l’idea del bene «rimane il magnete», esso mostra un’ulteriore articolazione dato che prevede anche una teoria dell’obbligazione, composta da volontà, dovere e assioma.

Infine ho considerato alcune interpretazioni del pensiero morale di Iris Murdoch: Martha Nussbaum delinea la concezione murdochiana dell’amore; Maria Antonaccio mette in evidenza come la tensione presente nei suoi romanzi tra il santo e l’artista, in realtà è presente, anche se in modo diverso, nel suo pensiero morale.

La ricezione critica di Murdoch in area italiana è composta da alcuni saggi composti da importanti filosofi: Luisa Muraro, che ha colto la relazione esistente tra scritti filosofici e letterari; Piergiorgio Donatelli ha poi considerato come Iris Murdoch concepisca “l’etica come lavoro concettuale”; infine Carla Bagnoli considera l’importanza che la “mente morale” ha nel pensiero murdochiano. In un’epoca caratterizzata dalla crisi delle ideologie, anche l’universo dei valori appare in continua trasformazione in cerca di fondamenti altri. In tale contesto ho trovato nella proposta morale di Iris Murdoch, coerenza di pensiero e ricchezza nel provvedere degli schemi concettuali e delle figure esplicative in relazione con il Bene.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia morale, Tesi

Analysis. Claves de Pensamiento Contemporáneo: una rivista online di filosofia

Analysis

Analysis. Claves de Pensamiento Contemporáneo è la rivista online accademica nel campo degli studi umanistici e sociali. La rivista è pubblicata dalla rete Studia Humanitatis-REDESEP ed è sempre aperta a contributi sul pensiero, la società, la scienza e la creazione artistica e letteraria.

“Analysis también ofrece ensayos y artículos breves que tienen por objetivo proporcionar interpretaciones rápidas, autorizadas y perspicaces sobre las tendencias actuales y futuras que afectan al pensamiento, la sociedad, la ciencia y la creación artística y literaria. El propósito de esto es el intercambio fácil, ágil y oportuno de la investigación y producción académica de los investigadores y comunidades académicas.”

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Filosofia contemporanea, Filosofia politica, Periodici