Archivi categoria: Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: G. Deleuze F. Guattari, What Is Philosophy?

deleuze-et-guattari

Gilles Deleuze Felix Guattari,  What Is Philosophy?

“After a long period in which each pursued his own interests, Deleuze and Guattari published a last collaboration in 1991, What Is Philosophy? In answering their title question, Deleuze and Guattari seek to place philosophy in relation to science and art, all three being modes of thought, with no subordination among them. Thought, in all its modes, struggles with chaos against opinion. Philosophy is the creation or construction of concepts; a concept is an intensive multiplicity, inscribed on a plane of immanence, and peopled by “conceptual personae” which operate the conceptual machinery. A conceptual persona is not a subject, for thinking is not subjective, but takes place in the relationship of territory and earth. Science creates functions on a plane of reference. Art creates “a bloc of sensation, that is to say, a compound of percepts and affects” (WP, 164).

We will deal with Deleuze and the arts in some detail below. In discussing What is Philosophy?, let us concentrate on the treatment of the relation of philosophy and science. We should remember at the outset that the nomad or minor science evoked in A Thousand Plateaus is not the Royal or major science that makes up the entirety of what Deleuze and Guattari call ‘science’ in What is Philosophy?. The motives for this conflation are unclear; in the eyes of some, this change considerably weakens the value of the latter work. Be that as it may, in What is Philosophy? Deleuze and Guattari vigorously deny that philosophy is needed to help science think about its own presuppositions (“no one needs philosophy to reflect on anything” [WP 6]). Instead, they emphasize the complementary nature of the two. First, they point out a number of similarities between philosophy and science: both are approaches to “chaos” that attempt to bring order to it, both are creative modes of thought, and both are complementary to each other, as well as to a third mode of creative thought, art. Beyond these similarities, Deleuze and Guattari distinguish between philosophy as the creation of concepts on a plane of immanence and science as the creation of functions on a plane of reference. Both relate to the virtual, the differential field of potential transformations of material systems, but in different ways. Philosophy gives consistency to the virtual, mapping the forces composing a system as pure potentials, what the system is capable of. Meanwhile, science gives it reference, determining the conditions by which systems behave the way they actually do. Philosophy is the “counter-effectuation of the event,” abstracting an event or change of pattern from bodies and states of affairs and thereby laying out the transformative potentials inherent in things, the roads not taken that coexist as compossibles or as inclusive disjunctions (differentiation, in the terms of Difference and Repetition), while science tracks the actualization of the virtual, explaining why this one road was chosen in a divergent series or exclusive disjunction (differenciation, according to Difference and Repetition). Functions predict the behavior of constituted systems, laying out their patterns and predicting change based on causal chains, while concepts “speak the event” (WP 21), mapping out the multiplicity structuring the possible patterns of behavior of a system—and the points at which the system can change its habits and develop new ones. For Deleuze and Guattari in What is Philosophy?, then, science deals with properties of constituted things, while philosophy deals with the constitution of events. Roughly speaking, philosophy explores the plane of immanence composed of constellations of constitutive forces that can be abstracted from bodies and states of affairs. It thus maps the range of connections a thing is capable of, its “becomings” or “affects.” Science, on the other hand, explores the concretization of these forces into bodies and states of affairs, tracking the behavior of things in relation to already constituted things in a certain delimited region of space and time (the “plane of reference”). How do concepts relate to functions? Just as there is a “concept of concept” there are also “concepts of functions,” but these are purely philosophical creations “without the least scientific value” (WP 117). Thus concrete concepts like that of “deterritorialization” are philosophical concepts, not scientific functions, even though they might resonate with, or echo, scientific functions. Nor are they metaphors, as Deleuze and Guattari repeatedly insist:

Of course, we realize the dangers of citing scientific propositions outside their own sphere. It is the danger of arbitrary metaphor or of forced application. But perhaps these dangers are averted if we restrict ourselves to taking from scientific operators a particular conceptualizable character which itself refers to non?scientific areas, and converges with science without applying it or making it a metaphor (Deleuze 1989: 129).

Deleuze and Guattari’s refusal to recognize that their work contains metaphors is due to their struggle against the “imperialism” of the signifying regime, a major theme in both Anti-Oedipus and A Thousand Plateaus: not every relation between different intellectual fields can be grasped by the most common notions of “metaphor,” reliant as they are on the notion of a transfer of sense from primary to secondary signification.” (tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy)

 

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

William James Studies: una rivista online dedicata a James

header3

William James Studies è la giovane rivista open access interdisciplinare pubblicata dalla William James Society  che pubblica articoli e saggi sulla vita e sul pensiero del filosofo americano.

Nel sito della rivista trovate altre risorse interessanti su James:

 

Lascia un commento

Archiviato in Bibliografie, Filosofia contemporanea, Mostre on-line, Periodici

eBook di filosofia: E. De Caro, Note sulla fenomenologia dell’estetico

Husserl4

Eugenio De Caro, Note sulla fenomenologia dell’estetico

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia contemporanea

Wittgenstein Initiative: il sito dedicato al rapporto tra Wittgenstein e Vienna

wittgenstein-initiative-logo

Wittgenstein Initiative è il sito dell’associazione e del forum online che si propone di mettere in luce il proficuo rapporto tra la figura e il pensiero di Wittgenstein e la vita culturale viennese.

The Wittgenstein Initiative is a Vienna-based intellectual forum that aims to reintroduce and affirm Ludwig Wittgenstein as one of Vienna’s singular cultural phenomena and to further Wittgenstein’s legacy through Bildung and a tangible presence of his work and ideas. We are in a unique position to establish Vienna as a city of prime importance for Wittgenstein the human being as well as Wittgenstein the philosopher: not only to reveal the importance of Wittgenstein’s Vienna, but also to demonstrate that he was, in a very important sense, Vienna’s Wittgenstein.

Nel sito trovate segnalazioni di eventi, articoli e video sul filosofo.

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: A. Zhok, Introduzione alla Filosofia della psicologia di L. Wittgenstein, 1946-1951

Wittgenstein2

Andrea Zhok, Introduzione alla Filosofia della psicologia di L. Wittgenstein, 1946-1951

Il testo è presente nell’account del docente in Academia.edu
 

Gli ultimi anni della riflessione di Ludwig Wittgenstein, dal 1945-6 fino alla morte,sono caratterizzati da una crescente focalizzazione della sua indagine su questioni connesse alla natura dei concetti psicologici rispetto alle analisi dedicate in precedenza prevalentementea tematiche logiche, semantiche ed epistemologiche. Questo spostamento di interesse avvieneperò senza soluzioni di continuità rispetto al lavoro precedente e non è dunque possibilestabilire senza una certa dose di arbitrarietà, un punto testuale o cronologico in cui laconcettualità psicologica diventi realmente il tema dominante nella teorizzazionewittgensteiniana. Ciò che è possibile dire è che nel corso dell’elaborazione delle Ricerche Filosofiche i temi della comprensione del significato e dell’immagine, centrali sin dai lavori preparatori alla redazione del
 Tractatus, vengono analizzati con crescente riferimento a problemi tradizionalmente appartenenti alla sfera delle analisi psicologiche: la natura dellesensazioni, delle emozioni, del pensiero, della volontà, ecc” (tratto dall’Introduzione)

*Il copyright delle opere linkate appartiene ai rispettivi autori. Citandola in questa pagina ci si avvale del principio del fair dealing in quanto la diffusione che ne viene fatta è a fini di critica, recensione, informazione e insegnamento e non ha scopi economici. Gli autori possono comunque e in qualunque momento richiederne la rimozione.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: M. Barcaro, Le condizioni di accesso al mondo nel pensiero di Jan Patočka. Una lettura fenomenologica

Patočka

Marco Barcaro, Le condizioni di accesso al mondo nel pensiero di Jan Patočka. Una lettura fenomenologica

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di Padova

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: M. Andreozzi, S. Castignone, A. Massaro (a cura di), Emotività animali. Ricerche e discipline a confronto

emotività

Matteo Andreozzi, Silvana Castignone, Alma Massaro (a cura di), Emotività animali. Ricerche e discipline a confronto

Gli animali non-umani provano emozioni? Chiunque conviva o abbia convissuto con un cane, un gatto o un qualsiasi altro animale da compagnia resterebbe stupito di fronte ad una simile domanda, e risponderebbe senza esitazione «ma certo!», citando, ad esempio, le manifestazioni di affetto di Fido quando ritorna a casa, o il suo sguardo supplichevole rivolto alla porta e al guinzaglio quando vuole uscire, e così via, con una sfilza interminabile di esempi. Tuttavia, per molti la questione non è così pacifica: quelle degli animali non-umani – dicono – sono semplici reazioni istintive, dovute all’abitudine e al training, nei confronti di qualcosa che desiderano o che dà loro fastidio o dolore, e non hanno nulla a che fare con le vere emozioni che sono soltanto le nostre, quelle umane. Le emozioni infatti sono moti dell’anima, presuppongono consapevolezza di sé, autocoscienza e un grado di complessità e di sensibilità sconosciuto agli animali di qualunque specie non-umana. Ma anche le emozioni umane non è poi detto che abbiano sempre goduto di una buona stampa, perché sono considerate irrazionali, tali da impedirci di agire per il meglio, in grado di obnubilare il nostro raziocinio e di trascinarci fuori dalla retta via, che è quella del ragionamento, delle decisioni prese con calma, con riflessione. Nel contrasto ragione-emozione la risposta tradizionale va tutta a favore della prima, vista come l’unica vera caratteristica che distingue l’essere umano. Le emozioni rappresentano un po’ il nostro lato profondo, complicato, che conosciamo ancora poco, nonostante l’aiuto della psicologia: come possiamo pensare di attribuirle anche agli animali non-umani?

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: B. Russell, Introduction to Mathematical Philosophy

Bertrand_Russell_photo_(cropped)

Bernard Russell, Introduction to Mathematical Philosophy

“Il suo contributo logico-filosofico è caratterizzato dal tentativo di raggiungere conclusioni originali, e al passo con i tempi, all’interno del tradizionale empirismo inglese. Particolarmente significativo lo sforzo di R. di portare a compimento i tentativi di fondazione logica dell’aritmetica già intrapresi da Cantor, Peano e Frege. Nelle sue opere (A critical exposition of the philosophy of Leibniz, 1900, trad. it. La filosofia di Leibniz; The principles of mathematics, 1903, trad. it. I principi della matematica; Principia mathematica, 3 voll., in collab. con A.N. Whitehead, 1a ed. 1910-13, 2a ed. 1925-27; Introduction to mathematical philosophy, 1919, trad. it. Introduzione alla filosofia matematica), R., oltre a fornire numerosi strumenti formali largamente utilizzati dai logici del 20° sec., elaborò alcune teorie in grado di risolvere i paradossi di fronte a cui pareva essersi arenato lo studio dei fondamenti della matematica. Particolarmente fortunata la sua teoria dei tipi, per cui ogni funzione proposizionale e ogni classe viene considerata di tipo logicamente più elevato di quello in cui rientrano i loro elementi. R. presentava nelle sue prime opere una filosofia della matematica decisamente realistica che considerava il numero come un’entità esistente; la successiva riflessione filosofica di R. fu rivolta ad abbandonare questa concezione realistica della matematica e della logica. L’originale realismo viene però già superato sia elaborando la teoria delle descrizioni, che permetteva di mettere da parte l’assunzione che ogni termine del linguaggio dovesse necessariamente avere un referente, sia considerando le classi, elemento centrale della ricostruzione logicista della matematica proposta da R., come simboli incompleti, che, pur avendo un uso, non significano niente di per sé. ” (tratto da Treccani.it)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, filosofia della matematica

Heidegger Repository

Heidegger Repository

Heidegger Repository è il progetto curato dal gruppo di ricerca “Phenomenology, Hermeneutics and Ontology” della Facoltà di Filosofia e Lettere dell’Universidad Autónoma de Puebla (Messico).

Il progetto si propone di raccogliere e rendere disponibili in rete articoli, saggi, tesi e recensioni dedicate al pensiero di Heidegger.

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: J. Habermas, Ciencia y Tecnica como “Ideologia”

habermas

Jürgen Habermas, Ciencia y Tecnica como “Ideologia”

“Jürgen Habermas currently ranks as one of the most influential philosophers in the world. Bridging continental and Anglo-American traditions of thought, he has engaged in debates with thinkers as diverse as Gadamer and Putnam, Foucault and Rawls, Derrida and Brandom. His extensive written work addresses topics stretching from social-political theory to aesthetics, epistemology and language to philosophy of religion, and his ideas have significantly influenced not only philosophy but also political-legal thought, sociology, communication studies, argumentation theory and rhetoric, developmental psychology and theology. Moreover, he has figured prominently in Germany as a public intellectual, commenting on controversial issues of the day in German newspapers such as Die Zeit.

However, if one looks back over his corpus of work, one can discern two broad lines of enduring interest, one having to do with the political domain, the other with issues of rationality, communication, and knowledge” (tratto da Stanford Encyclopedia of Philosophy)”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea