Archivi categoria: Logica

eBook di filosofia: M. Quaranta, Peano e Vailati di fronte alla filosofia

220px-Giovanni_Vailati

Mario Quaranta, Peano e Vailati di fronte alla filosofia

“Vailati, nativo di Crema, si era laureato a Torino in Ingegneria nel 1884 e in Matematica nel 1888. E’ poi assistente di Peano nel corso di Analisi infinitesimale. Soprattutto, collabora con Peano alla sua “Rivista di Matematica” con alcune Note e brevi recensioni. E’ in questo periodo che i suoi interessi, inizialmente rivolti allo studio delle strutture algebriche, progressivamente si orientano verso i problemi fondazionali della Geometria.

A metà degli anni ’90, a Torino arriva Volterra e così Vailati lascia Peano per passare con il nuovo professore ordinario di cui sarà assistente nel corso di Meccanica razionale. Vailati terrà per tre anni un corso libero di storia della Meccanica e le sue prolusioni a questi tre corsi risulteranno tra le pagine più impegnate della sua riflessione.

Con il cambio di secolo Vailati decide di abbandonare l’Università, anche per la difficoltà a trovare una sistemazione definitiva, e passa all’insegnamento secondario. Cambierà parecchie sedi, fermandosi anche in Sicilia e a Palermo lascerà tracce non trascurabili della sua presenza nei circoli intellettuali della città. Dal 1904 al 1907, collabora alla rivista “Leonardo” di Papini e Prezzolini.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Logica

eBook di filosofia: Una Lampada nella notte [:] L’Ars inventiva per triginta statuas di Giordano Bruno

bruno

Lucia Vianello, Una Lampada nella notte [:] L’Ars inventiva per triginta statuas di Giordano Bruno

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di Padova (2014)

Il trattato noto come ‘Lampas triginta statuarum’ di Giordano Bruno, oggetto della mia dissertazione, è uno scritto rimasto inedito e pubblicato solo nel 1891 da Felice Tocco e Girolamo Vitelli nel terzo volume degli Opera latine conscripta.
La sua composizione risale al periodo trascorso da Bruno a Wittemberg (1586-88). Nell’Accademia della città tedesca egli insegnò come docente privato, leggendo l’Organon di Aristotele. In quegli anni diede alle stampe altre due ‘Lampadi’ oltre a questa: il De Lampade combinatoria Lulliana (un commento dell’Ars Magna di Lullo) e il De progressu et Lampade venatoria logicorum (un compendio dei Topici). Con la sua Lampas triginta statuarum, che completa la trilogia, egli intendeva perfezionare gli strumenti logici tradizionali, sia di matrice aristotelica e “Porfiriana” che di derivazione lulliana.
Il trattato è trasmesso nella sua prima redazione dal Codice di Augusta (A), insieme al testo a stampa del De Lampade combinatoria Lulliana e al manoscritto delle Animadversiones circa Lampadem Lullianam, redatto sulla stessa carta e con lo stesso inchiostro della Lampas da un ignoto copista, un allievo tedesco di Bruno. Il Codice A, conservato nella Biblioteca di Augsburg, apparteneva probabilmente ad Heinrich Heinzel, al quale Bruno dedicò l’ultima opera da lui pubblicata, il De imaginum, signorum, et idearum compositione (Francoforte, 1591) che, benché più tarda, è per molti aspetti legata alla Lampas
Lasciata Wittemberg nel 1588, ad Helmstedt (1589-90) il filosofo si dedicò alla composizione di alcuni testi (De magia e Theses de magia, De rerum principiis et elementis et causis, Medicina Lulliana, De magia Mathematica) rimasti inediti e raccolti nel Codice di Mosca (M), insieme ad una seconda redazione della Lampas triginta statuarum e al De Vinculis in genere. Il Codice di Mosca, o Codice Norov, dal nome del nobile russo Avraam Sergeevic Norov che lo acquistò per la sua collezione dal libraio Edwin Tross nell’Ottocento, contiene alcune pagine autografe, ma per la maggior parte è di mano di Hyeronimus Besler.
Nell’autunno del 1591, durante il soggiorno patavino di Bruno, Besler trascrisse il De Vinculis, abbozzato a Francoforte, e copiò il trattato di ‘ars inventiva per triginta statuas’. In quest’opera il filosofo Nolano abbandona i toni aspri della polemica diretta contro gli aristotelici del suo tempo per aprirsi ad un dialogo e un confronto serrato con la tradizione, in special modo aristotelico-scolastica, che viene condotto attraverso l’analisi in profondità di trenta concetti in uso nell’esercizio del filosofare, simboleggiati da trenta possenti statue di figure mitologiche
Sotto questo profilo l’opera presenta la struttura di un dizionario di termini filosofici (per il quale Bruno sembra ispirarsi al V libro della Metafisica di Aristotele) e mostra affinità con un altro testo, composto più tardi a Zurigo e rimasto inedito (venne pubblicato postumo dal suo allievo Raphael Egli in due edizioni, nel 1595 e poi nel 1609 con la sezione Praxis descensus seu applicatio entis): la Summa terminorum metaphysicorum, un “trattato di nomenclatura filosofica” (secondo l’espressione di Erminio Troilo) nel quale vengono esaminati cinquantadue categorie concettuali appartenenti al lessico aristotelico-scolastico.
Nei Centum et viginti articuli de natura et mundo adversus Peripateticos (l’opuscolo programmatico della disputa di Cambrai che ebbe luogo a Parigi nel 1586) il cui testo viene ripreso nell’Acrotismus (edito a Praga nel 1588) la critica alla filosofia naturale di Aristotele è svolta attraverso tesi, che riguardano nozioni fondamentali come natura, movimento, tempo, luogo, e così via.
Nella Lampas Bruno prosegue tale opera di ridefinizione dei termini filosofici, iniziata già nel De la causa, principio et uno: egli traduce le sue rivoluzionarie concezioni filosofiche nel linguaggio della tradizione e nel far questo piega i significati e li trasforma, collegandoli in una nuova trama.
Nel “trattato delle trenta statue” il filosofo appare mosso da un forte intento sistematico: ossia dall’esigenza di procedere in modo scientifico nell’esposizione dei capisaldi della ‘nova filosofia’. L’architettura del sapere entro cui vengono disposti i contenuti speculativi è un museo immaginario di statue/concetti: Apollo (unitas), Saturno (principium), Prometeo (agens), Vulcano (forma), Teti (causa materialis), Sagittario (causa finalis) and Monte Olimpo (finis)…e cosi via.
Nel plasmare le statue, attingendo al vastissimo repertorio della mitologia, Bruno impiega il “sigillo di Fidia” (Explicatio triginta sigillorum), come per prima intuì Frances Amelia Yates (The Art of Memory, 1966).
Il mio lavoro si prefigge di mettere a fuoco i caratteri originali dell’ars memoriae bruniana e le forme in cui l”arte dei sigilli’ è utilizzata nella Lampas, sviluppando l’indicazione della Yates.
Una figura per molti aspetti centrale si è rivelata quella di Prometeo, l’architetto della fantasia, lo scultore che per primo foggiò statue di argilla infondendovi lo “spiritus”. Negli scritti bruniani, in particolare nella Lampas e nel De Imaginum, tale figura diviene l’archetipo dell’attività fantastica, l’immagine simbolo della prassi dell’artista della memoria. Nel mio lavoro ho dedicato una particolare attenzione alle modalità con cui Bruno componeva le immagini (che consistono in descrizioni verbali estremamente dettagliate) attraverso la ricerca delle fonti letterarie e iconologiche (da Boccaccio ad Ovidio ai mitografi rinascimentali Vincenzo Cartari e Natale Conti).
L’opera è stata presa in considerazione soprattutto alla luce dell’intento didattico che la percorre e la anima: la figurazione delle nozioni più astratte mediante statue sensibili, che si rendono presenti all’esplorazione della vista e dell’intelletto. L”ars inventiva per triginta statuas’ vuol essere in primo luogo un nuovo modus docendi, un “pensare per immagini” che è nel medesimo tempo un “pensare per concetti”. La “discursiva architectura” che ospita le statue non va pensata statica ed immobile, come accade per gli edifici fisici: le statue infatti possono essere mutate di sede e collegate tra loro in modi diversi, così come suggerisce il personale ingegno di ciascuno.
Le immagini bruniane sono imagini agentes, ossia di particolare efficacia sul piano emotivo, capaci di attivare i processi cognitivi.
Attraverso l’analisi dei testi e l’esame delle fonti ho cercato di delineare via via la fisionomia dell’opera, la struttura e il funzionamento della Lampada, i caratteri e gli scopi del complesso apparato logico linguistico ideato da Bruno.
Nel primo capitolo: “La struttura profonda della Lampas”, ho presentato la grande cornice che racchiude la galleria di statue: le due triadi degli infigurabilia, che costituiscono insieme le fondamenta dell’architettura bruniana e le basi metafisiche dell’ars inventiva che qui trova applicazione.
Nel secondo capitolo: “Statue e alberi”, si viene introdotti all’uso bruniano dell’artificio mnemonico della “statua”. Tramite la prima serie di statue (Apollo, Saturno, Prometeo, Vulcano Teti, Sagittario e Monte Olimpo) viene illustrato il processo della creazione, naturale e umana.
Si è cercato di ripercorrere la trama dei riferimenti lessicali, in particolare al V libro della Metafisica di Aristotele. L’immagine dell'”albero” negli scritti bruniani e l’impiego di “alberi” nella sezione dedicata da Bruno alla logica nella Lampas vengono esaminati nei rapporti sia con la tradizione lulliana sia con quella di matrice aristotelico-scolastica.
L’attività creativa è simboleggiata dalla figura di Prometeo, lo scultore di statue vive, l’artefice delle cose naturali e delle cose artificiali. Nel terzo capitolo: “Il mito di Prometeo nella Lampas triginta statuarum” si conduce un’approfondita analisi della Statua dedicata da Bruno al Titano, al fine di metterne in luce la particolare rilevanza nel quadro dell’opera.
Nelle due statue dedicate a Minerva (De campo Minervae, seu de noticia e De schala Minervae, seu de habitibus cognitionis) Bruno non ci offre l’immagine della dea. Al ritratto di Minerva tratteggiato da Bruno nell’Oratio Valedictoria è dedicata l’ultima sezione (“Minerva in ombra di luce”).
Nella Lampas Bruno mette in pratica la sua arte della memoria che affonda le sue radici nell’arte vivente della natura e rappresenta una nuova “methodus”, adeguata alle strutture cognitive della mente umana. Il problema dei rapporti tra arte della memoria, teoria della conoscenza e dottrina dell’anima è un tema di cui ho rilevato gli aspetti salienti e che a mio avviso merita di essere ulteriormente approfondito, cosa che mi auguro di poter fare
Accanto alla figura dell’ingegnoso architetto e del coltivatore del “campus” fantastico, nel mio lavoro emerge l’immagine di un Bruno “filosofo”, un pensatore sistematico e rigoroso, profondo conoscitore delle dottrine aristoteliche da lui a lungo combattute.

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Logica, Tesi

eBook di filosofia: M. Van Cleave, Introduction to Logic and Critical Thinking

Introduction Logic

Matthew Van Cleave, Introduction to Logic and Critical Thinking

“This is an introductory textbook in logic and critical thinking. The goal of the textbook is to provide the reader with a set of tools and skills that will enable them to identify and evaluate arguments. The book is intended for an introductory course that covers both formal and informal logic. As such, it is not a formal logic textbook, but is closer to what one would find marketed as a“critical thinking textbook.”

Lascia un commento

Archiviato in Didattica della filosofia, eBook di Filosofia, Logica

eBook di filosofia: M.C. Rosati, Il recupero dell’evidenza nella considerazione fenomenologica della matematica di Kurt Goedel

gödel

Maria Concetta Rosati, Il recupero dell’evidenza nella considerazione fenomenologica della matematica di Kurt Goedel

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di Napoli “Federico II” (2015)

“L’elaborato intende analizzare e valorizzare l’interessamento di Goedel per la filosofia, smentendo quelle intepretazioni che hanno considerato sprovveduto un tale interessamento. Per questo si è cercato di considerare i suoi contributi alla matematica e alla logica alla luce dei suoi interessi filosofici, facendo evincere come il suo interessamento non fosse avventato, ma ben meditato e lungo tutta la sua vita di logico e matematico. Goedel infatti frequenta la filosofia sin da giovane e riconosce il suo debito con Leibniz, suo costante punto di riferimento, di cui tenta una revisione delle suggestioni. Goedel infatti dovrà fare i conti con i limiti di certi suoi concetti, quale quello di ragione che da Leibniz mutua, non solo alla luce dei risvolti filosofici dei suoi teoremi, ma anche dei falliti tentativi di giustificazione di platonismo matematico, contro lo Spirito del tempo di cui, mutua sì argomenti e problemi, ma in direzione diametralmente opposta, smentendo quelle interpretazioni che ce lo restituiscono all’interno del neopositivismo. La critica al contruttivismo, alla concezione sintattica della matematica e, in generale, al nominalismo non gli permettono di fondare la posizione in filosofia della matematica, che da sempre conserva. Goedel ritiene di poter uscire dal queste impasses con il metodo fenomenologico. L’interessamento per la fenomenologia husserliana è, dunque, meditato e lo induce a rivedere alcune sue posizioni su autori come Kant, nonchè a intravvedere la possibilità di una considerazione del soggetto, che fa matematica, e delle sua ragione lontano dal soggettivismo psicologicistico, di cui la fenemenologia husserliana stessa era stata tacciata, ma anche del concetto di ragione, mutuato da Leibniz, quale calculus ratiocinator. L’apprezzamento di essa deriverebbe anche dalla rilettura che tenta della monadologia leibniziana, che anche Goedel considera teoria irrinunciabile per la comprensione del fare matematica, alla luce dei progressi del pensiero fino a Ventesimo secolo.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Logica, Matematica, Tesi

eBook di filosofia: P. Lapsia, Che cosa significa parlare a vuoto? Aristotele, il linguaggio e la logica arcaica

aristotele

Patrizia Lapsia, Che cosa significa parlare a vuoto? Aristotele, il linguaggio e la logica arcaica in “Annali del Dipartimento di Filosofia; Storia e Critica dei Saperi”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia antica, Logica

The Reasoner: un bollettino online di logica

TheReasoner

The Reasoner è il bollettino mensile, supportato dal  Centre for Reasoning dell’Università del Kent, che si occupa di ragionamento, induzione e di “method broadly construed“. L’editor è il prof. Hykel Hosni, docente di Logica presso l’Università degli Studi di Milano.

Al suo interno potete trovare segnalazioni, approfondimenti, notizie ed eventi sulle tematiche proposte.

Lascia un commento

Archiviato in Logica, Periodici

eBook di filosofia: F. Berto M. Jago, Impossible Worlds

Francesco Berto Mark Jago, Impossible Worlds

“We need to understand the impossible. Francesco Berto and Mark Jago start by considering what the concepts of meaning, information, knowledge, belief, fiction, conditionality, and counterfactual supposition have in common. They are all concepts which divide the world up more finely than logic does. Logically equivalent sentences may carry different meanings and information and may differ in how they’re believed. Fictions can be inconsistent yet meaningful. We can suppose impossible things without collapsing into total incoherence. Yet for the leading philosophical theories of meaning, these phenomena are an unfathomable mystery. To understand these concepts, we need a metaphysical, logical, and conceptual grasp of situations that could not possibly exist: Impossible Worlds. This book discusses the metaphysics of impossible worlds and applies the concept to a range of central topics and open issues in logic, semantics, and philosophy. It considers problems in the logic of knowledge, the meaning of alternative logics, models of imagination and mental simulation, the theory of information, truth in fiction, the meaning of conditional statements, and reasoning about the impossible. In all these cases, impossible worlds have an essential role to play.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Logica

Metalogicon. International Journal of Pure and Applied Logic, Linguistics and Philosophy: una rivista online di logica, linguistica e filosofia

METALOGICON

Metalogicon. International Journal of Pure and Applied Logic, Linguistics and Philosophy è la rivista online, fondata nel 1988 dal prof. Carlo D’Amelio e dal prof. Michele Malatesta, afferenti rispettivamente al Dipartimenti di Ingegneria e di Filosofia dell’Università Federico II di Napoli.

“The two scholars, following several participations to the Logic section of the International Conference on System research, Informatics and Cybernetics, felt in need to create an international, interdisciplinary and trans-disciplinary journal which would bring into focus and extend knowledge at least some of the important themes debated during the course of the sessions themselves. .”

La rivista è dedicata alla logica pura e applicata, alla linguistica e alla filosofia e conserva un impianto interdisciplinare in cui dialogano i ricercatori dell’ambito umanistico e scientifico.

 

Lascia un commento

Archiviato in Logica, Periodici

eBook di filosofia: E. Petrovich, The Fabric of Knowledge. Towards a Documental History of Late Analytic Philosophy

dati

Eugenio Petrovich, The Fabric of Knowledge. Towards a Documental History of Late Analytic Philosophy

Tesi di dottorato. Tutor: L. Guzzardi, M. D’Agostino. – Milano : Università degli studi di Milano. Università degli Studi di Milano, 2019 ((31. ciclo, Anno Accademico 2018.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia della scienza, Logica, Tesi

eBook di filosofia: S. Di Paolo, Sulla lettura inferenzialista del primo Frege

Frege1

Silvia Di Paolo, Sulla lettura inferenzialista del primo Frege

Tesi di dottorato discussa presso l’Università “La Sapienza” di Roma nell’a.a. 2011/2012

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia della scienza, Logica