Figura. Studi sulla tradizione classica

logo_figura

Figura. Studi sulla tradizione classica è una rivista internazionale online che si propone di divulgare ricerche attuali e di testi di riferimento sulla tradizione classica. La rivista pubblica studi sulla cultura visiva e testuale dell’Antichità, ma anche sulle appropriazioni e sulle trasfigurazioni di questa tradizione operate dal mondo antico e post-antico (comprendendo anche la contemporaneità).

Conviene avvicinarsi alla nozione di “classico” tramite un approccio inizialmente negativo. Classico non rimanda qui a uno “stile”, codificato nei diversi “classicismi” storici, i cui tratti comuni sarebbero, per così dire, la predilezione per il repertorio elevato, il senso della centralità, dell’unità, della trasparenza strutturale, l’ideale di semplicità e il gusto per il gioco disciplinato tra regola e varietà. In secondo luogo, “classico” non possiede qui alcun vincolo con una psicologia della percezione che vedrebbe in questo concetto una “costante” dello spirito. “Classico” non va infine associato a qualsiasi giudizio di valore, nell’ambito di un’antitesi Classico / Anticlassico, nel quale al secondo termine sarebbero riservate pulsioni creatrici, innovative, sperimentali, soggettive, ecc. Una volta liberata da queste tre accezioni di “classico” legate a prospettive troppo specifiche, la nozione di Tradizione Classica si può definire più oggettivamente. Si riferisce al processo storico attraverso il quale le culture generate dal Mediterraneo strutturano le loro coordinate mentali, la loro topica e i loro procedimenti argomentativi, costituendo un repertorio di forme (visive, letterarie, retoriche, mitologiche, filosofiche, religiose, scientifiche, musicali, ecc.) in un incessante movimento di cristallizzazione, trasmissione e trasformazione dei significati dei modelli antichi.”

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici

eBook di filosofia: E. Pacuit R. Parikh, Introduction to Formal Epistemology

Conoscenza

Eric Pacuit Rohit Parikh, Introduction to Formal Epistemology

“Formal epistemology explores knowledge and reasoning using “formal” tools, tools from math and logic. For example, a formal epistemologist might use probability theory to explain how scientific reasoning works. Or she might use modal logic to defend a particular theory of knowledge.

The questions that drive formal epistemology are often the same as those that drive “informal” epistemology. What is knowledge, and how is it different from mere opinion? What separates science from pseudoscience? When is a belief justified? What justifies my belief that the sun will rise tomorrow, or that the external world is real and not an illusion induced by Descartes’ demon?

And yet, the tools formal epistemologists apply to these questions share much history and interest with other fields, both inside and outside philosophy. So formal epistemologists often ask questions that aren’t part of the usual epistemological core, questions about decision-making or the meaning of hypothetical language, for example.

Perhaps the best way to get a feel for formal epistemology is to look at concrete examples. We’ll take a few classic epistemological questions and look at popular formal approaches to them, to see what formal tools bring to the table. We’ll also look at some applications of these formal methods outside epistemology.”

(tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy)

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Epistemologia

eBook di filosofia: Celebrating the Life and Work of J. H. van den Berg

JHvandenBerg

Celebrating the Life and Work of J. H. van den Berg (numero speciale della rivista Janus Head)

“Jan Hendrik van den Berg has been especially conscious of the historical and cultural embeddedness of phenomenological psychology. In fact, he was far ahead of the later postmodern critique of the dangers of foundationalism, essentialism, and historical and cultural universalism. He argues that the very project of all phenomenology is contextualized by limits of language, culture, time, and place. According to van den Berg, phenomenological psychology does not claim to have found a universally valid approach to human phenomena; rather, it is always self-conscious of its anthropological starting point. Van den Berg became especially known for the development and application of a historical phenomenological approach that he termed the metabletical method. Metabletica is a word derived from the Greek meaning “to change.” His book Metabletica: Principles of a Historical Psychology (published in English in 1961 as The Changing Nature of Man) describes the changing relation between adults and children many years before a similar work by the French historian Philipe Ariès. For example, Van den Berg describes the process of the infantilization of adulthood and the appearance of puberty as a historial and cultural phenomenon. The special feature of the metabletical method is that it approaches its object of study not diachronically, as development through time, but synchronically, from within a meaningful constitution of relations among different events during the same shared period. For example, in Leven en Meervoud (1963) (published in English in 1974 as Divided Existence), he provides a concrete portrayal and a surprisingly early postmodern interpretation of the development of the human psyche by connecting it with a variety of simultaneous developments in the surrounding culture, showing how the sense of self-identity is increasingly fragmented, divided, and determined by externals.” (tratto da Phenomenology Online)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Psicologia

Sensate. A Journal for Experiments in Critical Media Pratice

Sensate

Sensate. A Journal for Experiments in Critical Media Pratice è la rivista open-access che si propone di creare, presentare e discutere di progetti innovativi nelle arti, nelle scienze e in generale, nelle discipline umanistiche.

“Our mission is to provide a scholarly and artistic forum  for experiments in critical media practices that expand academic discourse by taking us beyond the margins of the printed page. Fundamental to this expansion is a re-imagining of what constitutes a work of scholarship or art. To that end, Sensate accepts and encourages non-traditional submissions such as audiovisual ethnographic research, multimedia mash-ups, experiments in media archaeology, time-based media, participatory media projects, or digitized collections of archival media, artifacts, or maps. Sensate accepts submissions of finished projects, proposals, and reviews of works (monographs, films, exhibitions, etc).”

La rivista non presenta articoli convenzionali ma “documenti multimediali” per una partecipazione a vari livelli dei lettori. Il sito della rivista permette al lettore di navigare attraverso le icone multimediali della home page, selezionando le “Special Collections” o facendo ricerche testuali. Molti dei materiali in linea provengono dall’Harvard Sensory Ethnography Lab.

 

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici

eBook di filosofia: R. Chiaradonna, Tommaso Campanella e l’eternità del mondo

Campanella2

Riccardo Chiaradonna, Tommaso Campanella e l’eternità del mondo

“This study examines Tommaso Campanella’s discussion of the eternity of the world, as presented in texts ranging from Philosophia sensibus demonstrata – published to defend Telesio from Giacomo Antonio Marta’s criticism, in 1591 – to Metaphysica, which Campanella drafted in a number of different versions and finally published in Paris in 1638. Campanella’s stance is marked by some striking recurrent features: most notably, his criticism of Aristotelian eternalism and a connection with the Platonic-Ficinian tradition of prisca theologia. This framework, stemming from the ancient tradition of debates on Plato and Aristotle that extended well into the 15th century, is combined in Campanella’s later works with a reference to the new astronomy, which —as the philosopher himself stresses— delivered a final blow to Aristotelian cosmology. The Apologia pro Galileo (1616) further shows that Campanella sought to incorporate Galileo’s astronomy into the framework of prisca theologia.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna

Republics of Letters. A journal for the Study of Knowledge, Politics, and Arts

Repubblics of Letters

Republics of Letters è la rivista online della Division of Literatures, Cultures, and Languages (DLCL) della Stanford University dedicata allo studio della conoscenza, della politica e delle arti dall’antichità ai giorni nostri con una particolare attenzione alla prima età moderna.

I numeri sono tematici ma vengono raccolti contributi a tema anche dopo la pubblicazione online del fascicolo.

 

1 Commento

Archiviato in Filosofia antica, Filosofia contemporanea, Filosofia medievale, Filosofia moderna, Periodici

Spinoza: Works in Latin

Spinoza4

Spinoza: Works in Latin è il sito curato da Rudolf W. Meijer che propone il testo originale in lingua latina delle seguenti opere di Spinoza: Ethica ordine geometrico demonstrata, Tractatus de Intellectus Emendatione (TIE), and Tractatus Politicus (Tract. Pol. or TP), insieme a una selezione delle Epistolae.

É presente nel sito la traduzione in inglese e in francese delle opere e il glossario.

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, glossario, Traduzioni

Legacy Libraries: biblioteche online di filosofi

Legacy libraries

Legacy Libraries è l’interessante progetto online di LibraryThing che rende disponibili in rete l’elenco dei testi delle biblioteche personali di filosofi (John Dee, Montaigne, Voltaire…), scienziati, scrittori, artisti, attori, politici dall’VIII secolo a oggi.

Al momento sono state completate le descrizioni di 150 biblioteche personali, mentre 50 sono in fase di “lavorazione”. É possibile anche contribuire alla catalogazione.

1 Commento

Archiviato in Cataloghi

eBook di filosofia: P. Singer, La sofferenza degli animali

Australian philosopher Peter Singer poses for an portrait at Yale University Press office in London

Peter Singer, La sofferenza degli animali (tratto da Liberazione animale)

“Pur appartenendo alla tradizione analitica, ne ha fortemente ridimensionato l’orientamento metaetico, proponendo in sua vece il recupero di un’etica normativa entro cui difendere valori eticamente vincolanti. In una prospettiva utilitaristica ha discusso problemi centrali quali l’eutanasia, l’aborto e il razzismo verso gli animali (in base al quale gli animali sarebbero privi di diritti in quanto inferiori agli uomini).” (tratto da Treccani.it)

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Etica, Filosofia ambientale, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: F. C. Brentano, Psychologie vom empirischen Standpunkt

Brentano

Franz Clemens Brentano, Psychologie vom empirischen Standpunkt

“n contrapposizione all’impostazione kantiana, B. riprende suggestioni aristoteliche e scolastiche, criticando inoltre varie dottrine del positivismo inglese di quel tempo. Nella sua opera principale, Psychologie vom empirischen Standpunkt (2a ed. 1924; trad. it. Psicologia dal punto di vista empirico), B. traccia le linee di una psicologia descrittiva come teoria dei fenomeni psichici, distinta da una psicologia genetica e contrapposta alla scienza naturale, scienza dei fenomeni fisici. La caratteristica fondamentale del fenomeno psichico è la sua intenzionalità (➔) (concetto che B. riprende dalla scolastica), come direzione a un oggetto, inteso, nella dottrina più matura (cui si connette altresì una critica del linguaggio), come reale o cosa. In base al diverso modo di riferirsi all’oggetto B. distingue tra classi di fenomeni psichici: rappresentazioni, giudizi e relazioni affettive (o fenomeni di odio-amore), sostenendo inoltre l’esistenza di una percezione interiore nettamente distinta dalla cosiddetta osservazione interiore. La teoria della verità, in corrispondenza alle posizioni assunte da B. riguardo alla natura del giudizio, diviene teoria dell’evidenza. Importanti gli studi storici su Aristotele. Grande influenza esercitarono le sue dottrine sullo sviluppo della filosofia fenomenologica (Husserl, Stumpf), e su altri pensatori posteriori come Meinong. Altre opere: Vom Ursprung sittlicher Erkenntnis (1889, 2a ed. 1921; trad. it. Sull’origine della conoscenza morale); Die vier Phasen der Philosophie und ihr augenblicklicher Stand (1895, 2a ed. 1926); Von der klassifikation der psychischen Phänomene (1911, 2a ed. 1925).” (tratto da Treccani.it)

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea