Archivi tag: Austria

eBook di filosofia: I. Illich, Medical Nemesis. The Expropriation of Health

Illich1

Ivan Illich, Medical Nemesis. The Expropriation of Health

Medical Nemesis was first published in 1974 by Calder and Boyars. A further version, Limits to Medicine: Medical Nemesis – The Expropriation of Health, was published in January 1975 in Ideas in Progress, ‘a series of working papers dealing with alternatives to industrial society.’ A further version of Limits to Medicine (‘written as a result of the world-wide response which the author received upon publication of the original draft’) was published in 1976 by Marion Boyars, and this is the version which I will refer to throughout this paper. Medical Nemesis was a natural development of Illich’s ideas on institutions and professions. He argued that modern medicine had hubristically taken on a mission to eradicate pain, sickness, even death. These were, he argued, eternal human realities, which we must learn to cope with: in fact, coping with these verities is what it means to be ‘healthy’. Although Illich did not coin the word ‘iatrogenesis’ – meaning the harm done by doctors – he certainly popularised it. He described three types of iatrogenesis: clinical, or the direct harm done by various medical treatments; social, or the medicalisation of ordinary life; and cultural, meaning the loss of traditional ways of dealing with suffering.”

tratto da S O’Mahony,  Medical Nemesis 40 years on: the enduring legacy of Ivan Illich

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia della medicina

eBook di filosofia: I. Illich, Deschooling Society

Illich

Ivan Illich, Deschooling Society

“In uno tra i suoi testi più celebri, Deschooling society (1971; trad. it. 1972), muovendo da una critica radicale della società produttivistico-consumistica propria del neocapitalismo, a cui la stessa scuola contribuisce educando alla passività spirituale e rendendo l’allievo ideologicamente e psicologicamente adatto a una società oppressiva, Illich auspicò la “deistituzionalizzazione” dell’educazione, si dichiarò contrario alla tecnocrazia degli insegnanti di professione e propose un’alternativa “conviviale” che comportasse l’abolizione del titolo di studio e la scelta libera da parte dell’individuo dei compagni di studio, dei maestri, dei mezzi didattici.”

(tratto da Dizionario di Filosofia, http://www.treccani.it)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: M. Scopelliti, L’attore di fuoco. Martin Buber e il teatro

martin-buber

Marcella Scopelliti, L’attore di fuoco. Martin Buber e il teatro

“Nell’anno che segna il cinquantesimo anniversario dalla scomparsa di Martin Buber, questo volume svela un ritratto inedito del filosofo colto nei suoi anni giovanili sullo sfondo di un’incandescente Vienna fin de siècle e riunisce, per la prima volta in italiano, una breve antologia di testi buberiani sul teatro.
Per il giovane sionista, poco attratto dall’intrattenimento e dallo spettacolo, il teatro costituisce un mezzo di ricomposizione etica e politica del mondo e l’attore si presta come prototipo universale di un uomo “nuovo” e autentico.
Viene qui ricostruita un’affascinante vicenda biografica via via animata da personaggi inattesi come Eleonora Duse, Ermete Novelli, il pittore Lesser Ury e Adolphe Appia. Si dimostra come l’incontro di Buber con il teatro costituisca senza dubbio una decisiva spinta verso il futuro e più maturo pensiero dialogico. La prospettiva del volume estende la portata del pensiero buberiano ben oltre i confini ebraici, facendo emergere una poetica (un “fuoco inesauribile”) valida per ogni uomo occidentale alle prese con la riformulazione della propria tradizione. In questo senso trova spazio nell’ultimo capitolo un’attenta analisi biografica e performativa di Jerzy Grotowski, il regista polacco che rivoluzionò il teatro del Novecento e che da oggi è così possibile includere in una tradizione “simpatica” che annovera Martin Buber come maestro e ispiratore”.

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia ebraica, teatro

Ernst Mach Papers: un progetto completato di trascrizione online dell’archivio di Mach

mach

Vi segnaliamo “Ernst Mach Papers“, un progetto dello “Smithsonian Transcription Center”, un centro appunto che affida a volontari “digitali” il compito di trascrivere documenti storici o archivi con la finalità di rendere fruibile online prezioso materiale.

La trascrizione è stata completata e potete quindi visionare l’archivio di Mach conservato presso la Dibner Library of Science and Technology insieme alla trascrizione dei documenti (quaderni, 99 lettere, diagrammi, manoscritti, ritagli di giornali e articoli di riviste).

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, Filosofia contemporanea, Filosofia della scienza, Inventari, Lettere

eBook di filosofia: W. Herberg (a cura di), The Writings of Martin Buber

martin-buber

Will Herberg (a cura di), The Writings of Martin Buber

“Di famiglia ebrea proveniente dalla Galizia (od. Polonia), fu seguace del sionismo dal 1898 e ne diresse la rivista ufficiale, Die Welt, e poi i periodici Der Jude (1916-1924) e Die Kreatur (1926-1930). Insegnò nell’univ. di Francoforte sul Meno (1923-33), e dal 1938 – quando, a causa della persecuzione antisemita, si stabilì in Palestina – nell’univ. ebraica di Gerusalemme. Sin dagli anni giovanili si dedicò allo studio della tradizione ebraica a partire dai tempi biblici fino al movimento sionistico contemporaneo. Nelle sue opere sul giudaismo volle anzitutto rispondere alla sfida lanciata alla fede dal pensiero e dalla cultura occidentali quali si presentavano nella Germania prenazista. Nel complesso della sua opera, tuttavia, sugli aspetti scientifici in senso tecnico e accademico, prevalgono quelli morali e religiosi, grazie ai quali B. si inserisce attivamente nella stessa tradizione che studia, diventando uno dei rappresentanti più eminenti dell’ebraismo novecentesco. Ispirandosi alla tradizione ebraica del hasidismo, che fece conoscere al mondo occidentale (Die chassidischen Bücher, 1927; trad. it. Il cammino dell’uomo secondo l’insegnamento chassidico), B. concepì la fede non come insieme di precetti legali, ma come santificazione della vita quotidiana. La sua filosofia si incentrò sul concetto di relazione e sul principio dialogico: il senso fondamentale dell’esistenza sta nella capacità di entrare in rapporto con la natura, con gli uomini e con le entità spirituali (Ich und Du, 1923; trad. it. L’io e il tu). L’uomo si definisce come persona nella relazione con l’altro (relazione Io-Tu), nella quale prende coscienza di sé stesso come soggettività. L’idea del dialogo, dell’Io-Tu, è allargata fino all’incontro con Dio, il Tu eterno, cui l’uomo arriva attraverso i singoli Tu. L’accento posto da B. su un tale tipo di rapporto ha fatto situare il pensiero del filosofo al di fuori della corrente principale del giudaismo, in cui l’obbedienza alla volontà di Dio è tutto. B. dimostra il suo atteggiamento anticonvenzionale, dal punto di vista ebraico, anche nel preferire l’esperienza di vita al sapere dei libri: «Eccovi una prova infallibile; – scrive – immaginate di essere soli, completamente soli sulla terra, e di vedervi offrire l’alternativa tra la compagnia di un libro o la compagnia di un vostro simile. Spesso ho udito uomini vantare la loro solitudine, ma questo avviene solo perché vi sono ancora degli uomini in qualche luogo sulla terra, anche se lontani. Nulla sapevo di libri quando uscii dal grembo di mia madre, e senza libri morirò, con la mano di un mio simile nella mia. È vero che qualche volta chiudo la porta e mi abbandono alla lettura di un libro, ma solo perché posso riaprirla e vedere un essere umano che mi guarda». Tra le sue opere: Die jüdische Bewegung (1920), Rede über das Erzieherische (1926), Königtum Gottes (1932, 2a ed. 1936; trad. it. La regalità di Dio), Il problema dell’uomo (in ebr. 1942), Mosè (in ebr. 1945), Dialogisches Leben (1947), Der Glaube der Propheten (1950; trad. it. La fede dei profeti), Israel und Palästina (1950), Zwei Glaubensweisen (1950; trad. it. Due tipi di fede), Die chassidische Botschaft (1952), Gottesfinsternis (1953; trad. it. L’eclissi di Dio), Die Legende des Baalschem (1955), Schuld und Schuldgefühle (1958).” (tratto da Treccani.it, Dizionario di Filosofia)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia delle religioni

eBook di filosofia: G. Crocco, M. Van Atten, P. Cantu, E.-M. Engelen, Kurt Gödel Maxims and Philosophical Remarks Volume X

gödel

Gabriella Crocco, Mark Van Atten, Paola Cantu, Eva-Maria Engelen,  Kurt Gödel Maxims and Philosophical Remarks Volume X

“This work presents the first complete German transcription of the Max Phil X notebook of Kurt Gödel, offered in an open access version to the scholars of the Gödelian community. The original notebook was written in Gabelsberger from March 1943 to January 1944 and it belongs to a series of fifteen notebooks. Some excerpts of these notebooks were transcribed and published in the third volume of Kurt’s Gödel Collected Works. The Gabelsberger text of the Max-Phil notebooks is now available on the web site of the IAS (https://library.ias.edu/godelpapers). Concerning the content of Max-Phil X, it shows an overall unity that can understood only considering the lapse of time in which it was written: there are three facts that occupies Gödel’s mind at this time. His preparation of the Russell paper, his conversations with Einstein, which were current from 1942, and his intensive study on Leibniz began in 1943. The remarks of Max-Phil X can mostly related to these three events, with some exceptions. The notebook offers therefore a set of philosophical remarks from logic to cosmology, pursued in an intimate dialog, with Gödel’s own published work, with authors from the past and contemporaries. “

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Logica

eBook di filosofia: E. Husserl, Phenomenology (article for the “Encyclopedia Britannica”, 1927)

Husserl3

Edmund Husserl, Phenomenology (article for the “Encyclopedia Britannica”, 1927)

La fenomenologia husserliana affonda le sue radici nella riflessione filosofica tedesca e mitteleuropea del secondo Ottocento, e in particolare in due movimenti che caratterizzano tale cultura: quello che, con Brentano, ma anche con Dilthey, mette capo alla psicologia descrittiva, e quel realismo o ontologismo logico che, secondo prospettive differenti, si fa strada con Bolzano, Frege e Alexius Meinong. Dal primo movimento Husserl trae, con sostanziali modifiche, il concetto fondamentale della f., l’intenzionalità, e con esso l’esigenza di una fedeltà ai fenomeni, della riscoperta di un’esperienza originale e liberata da tuttte le incrostazioni che l’intellettualismo e i pregiudizi culturali in generale hanno depositato in essa; dal secondo, l’istanza della riconduzione della filosofia a una scienza rigorosa, basata sull’intuizione di essenze che sono al di là del meramente fattuale, dello psicologico in senso meramente empirico. Da questa duplice ispirazione, che congiunge direzioni di pensiero difficilmente conciliabili, Husserl trae, già a partire dalla sua prima opera propriamente fenomenologica, le Ricerche logiche, un edificio teorico di rilevantissima originalità, che, pur con difficoltà interne, in gran parte legate a quella discrasia originaria, ha contribuito in modo decisivo al rinnovamento della filosofia contemporanea. Pietra basilare della f. è il concetto di intenzionalità (): esso permette di rompere con tutta l’impostazione della filosofia moderna che ha separato dualisticamente soggetto e oggetto, uomo e mondo, aprendo così il baratro dello scetticismo. La f. permette invece di superare tale difficoltà, poiché è in grado di riscoprire quel rapporto di inerenza reciproca di io e mondo che dissolve definitivamente quei falsi problemi. L’intenzionalità è il primo gradino per raggiungere la consapevolezza che ci muoviamo naturalmente all’interno del mondo e non ne siamo tragicamente separati, poiché mette a fuoco quell’aspetto per cui ogni atto conoscitivo soggettivo è costitutivamente rapporto con un oggetto, individua cioè una relazione di apertura originaria del soggetto al mondo. Essa viene così definita da Husserl: «Noi intendemmo per intenzionalità la proprietà dei vissuti di essere ‘coscienza di qualche cosa’. In questa mirabile proprietà, a cui devono essere ricondotti tutti gli enigmi della teoria della ragione e della metafisica, ci imbattemmo dapprima analizzando il cogito esplicito» (Idee per una fenomenologia pura e per una filosofia fenomenologica). La «mirabile proprietà» non vale solo per la percezione, ma si estende a tutti gli aspetti della vita spirituale: il giudizio, i valori, i desideri, che tutti «mirano a» qualcosa: «un percepire è percepire di qualcosa, poniamo di una cosa spaziale; un giudicare è giudicare di uno stato di cose; un valutare è valutare di uno stato di valore; un desiderare è desiderare di uno stato di desiderio, ecc.» (Idee per une fenomenologia pura e per una filosofia fenomenologica). L’ulteriore approfondimento della prospettiva fenomenologica, che nel primo Husserl (quello delle Ricerche logiche) pare ancora legata a una prospettiva di ontologismo logico, è la chiarificazione del livello trascendentale a cui essa deve muoversi, che avviene nelle Idee. Husserl non usa il termine trascendentale in senso kantiano, ma per indicare il raggiungimento di un fondamento assolutamente certo della conoscenza che è interamente dispiegato di fronte a un puro sguardo: si tratta, insomma, di un livello in cui l’esperienza non si dimostra, ma si mostra nella sua purezza e datità assolute. Fondamentale è, in questo senso, il concetto di «intuizione eidetica», di una visione pura e diretta delle «essenze». Per raggiungere il livello trascendentale che permette tale tipo di visione, è necessario effettuare la «riduzione fenomenologica», una sospensione o epoché assoluta di tutto il sapere costituito, che Husserl così delinea nelle Idee: «[con l’epoché] mettiamo tra parentesi l’intero mondo naturale, che è costantemente ‘qui per noi’, ‘alla mano’, e che continuerà a permanere come ‘realtà’ per la coscienza, anche se noi decidiamo di metterlo tra parentesi. Facendo questo, io non assumo il mondo che mi è costantemente già dato in quanto essente, come faccio, direttamente, nella vita pratico-naturale ma anche nelle scienze positive, come un mondo preliminarmente essente e, in definitiva, non lo assumo come il terreno universale d’essere per una conoscenza che procede attraverso l’esperienza e il pensiero. Io non attuo più una esperienza del reale in un senso ingenuo e diretto». Ed è altresì ovvio che questa neutralizzazione per Husserl investe non solo le scienze della natura, ma anche le scienze dello spirito, che costruiscono il loro edificio pur sempre con il presupposto dell’«atteggiamento naturale»: quindi anche lo Stato, il costume, il diritto, la religione vengono messi «in sospeso». Si deve sottolineare come nella riduzione trovi espressione uno dei temi più importanti, e che più ha influito sulla cultura complessiva, di tutta la f.: quello della «conversione dello sguardo», di un passaggio dalla visione quotidiana e ordinaria, che è tutta immersa nelle cose, a una visione «di secondo grado», che è insieme coscienza di sé e coscienza dell’oggetto e che, mettendo tra parentesi tutta l’esperienza costituita, con un apparente introversione soggettiva, permette invece di cogliere l’autentica «realtà» delle cose, il «fenomeno». In questo modo, Husserl reinterpretava, nei suoi termini, il dubbio cartesiano (e ne sono documento principe le lezioni tenute alla Sorbona nel 1929, poi pubblicate come Meditazioni cartesiane). Una volta raggiunto il livello di certezza assoluta garantito dalla riduzione fenomenologica, il programma di Husserl proseguiva verso la costituzione trascendentale della varie ontologie regionali (spirito, corpo, scienze naturali): in sostanza, si trattava di ricondurre agli atti costitutivi dell’Io puro la totalità del sapere, secondo una direzione che, sotto questo aspetto, avvicinava il programma husserliano a quello di Kant e che non fu seguito da tutti i discepoli: in particolare la scuola di Gottinga (fra cui spicca il nome di Koyré) rimase fedele ed anzi accentuò l’ontologismo e il realismo dello Husserl precedente alle Idee. Altro importante sviluppo del pensiero husserliano è quello che si verifica nella V Meditazione cartesiana, con l’approfondimento del problema dell’intersoggettività: alla costruzione apparentemente solipsistica di tutto l’edificio del sapere sulla certezza di un Ego puro, ma singolare, succedeva la consapevolezza che costitutivo dell’Io è il suo rapporto con l’altro, che soggettività e intersoggettività sono indissolubilmente unite. La riflessione dell’ultimo Husserl appare fortemente condizionata, per un lato, dal dissidio con Heidegger, che, già suo allievo, con la pubblicazione di Essere e tempo conferisce alla f. un significato profondamente diverso, dall’altro dall’avvento del nazismo, che portò alla sua esclusione dall’università in quanto ebreo, e dall’imminenza di una nuova guerra mondiale. L’ultima grande opera di Husserl, che uscirà postuma, La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale, proprio in rapporto a questi drammatici eventi storici ed esistenziali, pone il problema dell’oscurarsi, in gran parte inevitabile, del senso della scienza e del rapporto essenziale che esiste fra senso, storia e scientificità (di importanza grandissima, per tutta la riflessione filosofica successiva, è l’Appendice III dell’opera, dal titolo L’origine della geometria); con una netta svolta antintellettualistica rispetto alle Idee, Husserl pone al centro dell’attenzione il rapporto con il mondo della vita (Lebenswelt), visto come fondamento preintellettuale di ogni costruzione di senso, prospettando l’esigenza che il mondo della cultura sappia sempre «riattivare», cioè mantenere vivo il rapporto con esso, restituendo alle scienze quel fondamento che, da Galileo in poi, è caduto nell’oblio. In questo modo Husserl apriva una riflessione – sul ruolo delle scienze sulla storia, come campo in cui non si dispiega solo la razionalità, ma anche il non senso – che avrebbe alimentato gran parte del dibattito filosofico successivo alla seconda guerra mondiale e che è tuttora viva in varie forme.” (tratto da Treccani.it)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: A. Zhok, Introduzione alla Filosofia della psicologia di L. Wittgenstein, 1946-1951

Wittgenstein2

Andrea Zhok, Introduzione alla Filosofia della psicologia di L. Wittgenstein, 1946-1951

Il testo è presente nell’account del docente in Academia.edu
 

Gli ultimi anni della riflessione di Ludwig Wittgenstein, dal 1945-6 fino alla morte,sono caratterizzati da una crescente focalizzazione della sua indagine su questioni connesse alla natura dei concetti psicologici rispetto alle analisi dedicate in precedenza prevalentementea tematiche logiche, semantiche ed epistemologiche. Questo spostamento di interesse avvieneperò senza soluzioni di continuità rispetto al lavoro precedente e non è dunque possibilestabilire senza una certa dose di arbitrarietà, un punto testuale o cronologico in cui laconcettualità psicologica diventi realmente il tema dominante nella teorizzazionewittgensteiniana. Ciò che è possibile dire è che nel corso dell’elaborazione delle Ricerche Filosofiche i temi della comprensione del significato e dell’immagine, centrali sin dai lavori preparatori alla redazione del
 Tractatus, vengono analizzati con crescente riferimento a problemi tradizionalmente appartenenti alla sfera delle analisi psicologiche: la natura dellesensazioni, delle emozioni, del pensiero, della volontà, ecc” (tratto dall’Introduzione)

*Il copyright delle opere linkate appartiene ai rispettivi autori. Citandola in questa pagina ci si avvale del principio del fair dealing in quanto la diffusione che ne viene fatta è a fini di critica, recensione, informazione e insegnamento e non ha scopi economici. Gli autori possono comunque e in qualunque momento richiederne la rimozione.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: R. Steiner, Le opere scientifiche di Goethe

Rudolf Steiner

Rudolf Steiner, Le opere scientifiche di Goethe

“Fu il fondatore dell’antroposofia. Segretario generale della sezione tedesca della Società teosofica, ne uscì (1913) per un contrasto con Annie Besant, fondando una società dissidente, detta appunto di antroposofia, che ebbe la sua sede a Dornach in un edificio detto Goetheanum. Propugnava un potenziamento dei mezzi conoscitivi umani mediante pratiche di meditazione e di concentrazione che dovevano portare, attraverso l’ispirazione, fino all’intuizione. La storia era concepita da S. come svolgimento della lotta dualistica tra un Cristo solare e Ahriman. Importante l’influenza sulle sue concezioni del pensiero indiano e della filosofia di Nietzsche, e nel suo primo periodo della filosofia della natura di Goethe. Si fece inoltre attivo propugnatore delle sue idee in campo pedagogico, dando vita a un’istituzione scolastica privata, le Waldorfschulen.” (tratto da Treccani.it)

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

The International Journal of Illich Studies: la rivista online dedicata a Illich

illich

The International Journal of Illich Studies è la rivista online fondata nel 2009 e dedicata al pensiero e all’opera di Ivan Illich. 

Articles/Reviews/Reflections are invited on any subject that intersects with the wide range of IIlich’s ideas, or that represent a version of the social critique for which he became famous on matters such as modern socio-economic development, industrialized “progress,” institutional bureaucratization & professionalism, the privatization of the commons, et al.

 

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia contemporanea, Periodici