Archivi tag: Darwin

eBook di filosofia: F. Giaculli, “Ciascun grado è perfetto”. Forme di intelligenza e abiti emotivi secondo Darwin

darwin

Fiorella Giaculli, “Ciascun grado è perfetto”. Forme di intelligenza e abiti emotivi secondo Darwin

Tesi di laurea, Corso di Laurea in Filosofia all’Università di Napoli. Relatore: Felice Ciro Papparo. Anno Accademico di laurea 2012/2013

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia della scienza, Tesi, Uncategorized

eBook di filosofia: C. Darwin, L’espressione dei sentimenti nell’uomo e negli animali

97p/29/doey/7601/dr04/dr04x22

Charles Darwin, L’espressione dei sentimenti nell’uomo e negli animali

“Darwin confronta le espressioni facciali e le posture negli animali e nell’uomo, e fornisce dati a favore dell’ipotesi che le principali espressioni della specie umana siano universali. Questa ipotesi è stata suffragata dalla scoperta, di P. Ekman e C. E. Izard, che certe espressioni facciali sono correttamente riconosciute da persone appartenenti a una grande varietà di culture, compresi gli analfabeti, e si riscontrano anche in individui ciechi dalla nascita. Le espressioni in questione sono quelle che riflettono la felicità, la tristezza, la rabbia, la paura, il disgusto, la sorpresa, il disprezzo; l’universalità di altre espressioni è ancora controversa. Inoltre molte espressioni facciali (e posturali) umane trovano riscontro in quelle di animali superiori; fanno eccezione il riso, il sorriso e il pianto. Il riso e il sorriso sembrano tuttavia avere precursori nelle espressioni di pacificazione e nella ‘faccia da gioco’ degli scimpanzé.Perché le emozioni sono accompagnate da manifestazioni espressive? Darwin propose tre principî.
1. Il principio delle abitudini associate utili: si può supporre che i movimenti espressivi abbiano fatto parte di un comportamento adattativo nel nostro lontano passato; essi ora, attraverso l’ereditarietà, vengono compiuti ogniqualvolta proviamo gli stessi sentimenti che, in passato, davano luogo a quel comportamento.
2. Il principio dell’antitesi: sentimenti opposti portano a opposti comportamenti espressivi; se, per esempio, la rabbia genera una esibizione di potere (per esempio la postura eretta), la sottomissione genera una esibizione di mancanza di potere (per esempio la postura china).
3. Il principio dell’azione diretta del sistema nervoso: “Certe azioni che riconosciamo come espressive […] sono il risultato diretto della costituzione del sistema nervoso” (The expression of emotions in man and animals, 1872, cap. 3); esse sono, diremmo oggi, manifestazioni di un generale stato di attivazione o inibizione.
Il modo in cui Darwin ha formulato il primo principio trascura il fatto che molte espressioni facciali sono gli stadi iniziali o preparatori di configurazioni di risposta che hanno un’effettiva natura adattativa in molte condizioni emotive, come il rannicchiarsi per proteggersi da un attacco, il raccogliere le forze in vista di un’azione offensiva, il focalizzare l’attenzione sensoriale. Altri movimenti espressivi sono adattativi in virtù dell’effetto che esercitano sugli altri, come l’effetto rassicurante o distensivo del sorriso, la risposta protettiva suscitata dal pianto e l’effetto intimidatorio dello sguardo di sfida, dell’urlo, dell’esibizione della forza muscolare. Gli effetti diretti e sociali sono spesso funzionali nel contesto emotivo che suscita le espressioni. Le risposte autoprotettive (una faccia spaventata, il rannicchiarsi) sono provocate dalla minaccia, le risposte rassicuranti e distensive (sorriso) da incontri sociali non ostili e da incontri con superiori, la richiesta di aiuto (pianto) è causata da dolore e disagio e il comportamento intimidatorio da incontri ostili e dalla frustrazione causata da altri
.” (tratta da Treccani.it)

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

Darwin Online: le opere di Darwin online

side_illus-right

Darwin Online è la ricca biblioteca digitale ricercabile di tutte le opere di Darwin:

Molto ricca è la sezione dedicata alla biografia con immagini, timeline e autobiografia.

Vi segnaliamo il Freeman Bibliographical Database, ossia la bibliografia ricercabile di tutte le opere di Darwin che integra e completa il testo di R. B. Freeman, The works of Charles Darwin: an annotated bibliographical handlist (2d ed. 1977).

Un’intera sezione del sito è inoltre dedicata a risorse bibliografiche su Darwin e comprende:

1 Commento

Archiviato in Bibliografie, Biblioteche digitali, Biografie, eBook di Filosofia, Lettere, Manoscritti, Scienza

Darwin Correspondence Project: le lettere di Darwin online

Darwin Correspondence Project contiene la descrizionedi più di 15.000 lettere scritte da o a Charles Darwin e la trascrizione di più di metà di queste lettere. La trascrizione è stata tratta dall’opera a stampa Correspondence of Charles Darwin (Cambridge University Press,1985) con l’autorizzazione dell’editore.  L’opera, che presenta le lettere pubblicate in ordine cronologico, sarà completata nel 2022.  Nel sito invece saranno aggiunte le trascrizioni cinque anni dopo la pubblicazione di tutta l’opera cartacea.

Le lettere sono una valida fonte di informazioni non solo sul pensiero di Darwin, ma anche sulla scienza e sulla società di età vittoriana.

“Letters form the largest single category of Darwin’s working papers (there are details of around 15,000 on this site) and were one of the most important means by which he gathered data and discussed ideas. They provide a remarkably complete picture of the development of his thinking, throwing light on his formative years and the years of his voyage around the world on H.M.S. Beagle. The letters also chronicle the period that led up to the publication of his controversial theory of the transmutation of species by means of ‘natural selection’ in On the Origin of Species, and the subsequent heated debates.

In the 1860s and 1870s, Darwin was, additionally, busy with botanical investigations: studying adaptations in orchids, different types of sexual reproduction in other plants, the origin of climbing plants, and the physiology of insectivorous plants. The letters illustrate how this work, and his studies of human descent, sexual selection, and the expression of emotions, all contributed to the refinement of the theory presented in Origin. Darwin discussed these ideas in correspondence with other notable scientific figures such as the geologist Charles Lyell, the botanists Asa Gray and Joseph Dalton Hooker, the zoologist Thomas Henry Huxley and the naturalist Alfred Russel Wallace. The letters therefore also add to our understanding of their own work and opinions.

The letters provide equally valuable insights into the lives and work of many men and women who would otherwise be unknown. Darwin maintained widespread contacts in Britain and overseas with gardeners and nurserymen, diplomats, army officers, colonial officials, and naturalists, who provided him with observations on the fauna, flora, and peoples of the world. The correspondence also reveals the extent to which his children and other members of his family helped collect evidence that Darwin hoped would support his theories.

Through his letters, Darwin may also be placed firmly in the context of his time, not just as a great scientist and thinker, but also as a Victorian gentleman, who shared the daily domestic occupations and concerns of his class. He was an affectionate husband and father, who worried about the welfare and education of his children and was continually anxious about his own health and that of his family; he was an opponent of slavery and a supporter of local charitable works; a careful investor, and a generous friend and patron”.

Lascia un commento

Archiviato in Archivi