Archivi tag: edizioni critiche

Digital Athenaeus: la versione online dei Deipnosofisti di Ateneo

digital_athenaeus

Digital Athenaeus è il sito della versione digitale dell’omonima opera di Ateneo di Naucrati. Si tratta dell’interessante progetto diretto da Monica Berti e sviluppato presso l'”Alexander von Humboldt Chair of Digital Humanities” dell’Università di Leipzig.

Queste le finalità del progetto:

Provide an inventory of authors and works cited by Athenaeus;

Implement a data model for identifying, analyzing, and citing uniquely instances of text reuse in the Deipnosophists.”

Il testo riprodotto è quello dell’edizione Teubner curata da Georg Kaibel (1887-1890). Sono presenti nel sito strumenti per accedere al testo e per individuare gli autori e le opere citate da Ateneo.

Ecco la lista completa delle risorse presenti e delle loro finalità:

  • Retrieving citations:
  • Accessing and searching the text of the Deipnosophists:
  • Looking for Athenaeus’ quotations:
    • Digital versions of the indices scriptorum by August Meineke and Georg Kaibel, of the dialogi personae by Georg Kaibel, and of the index of authors, texts, and persons by S. Douglas Olson (see tools);
    • Book Stream: automatic alignment of index entries with links to the indices and to the Greek text of the Deipnosophists.
  • Named entity recognition (NER) tools:
    • Index to Text: automatic alignment of index entries with the Greek text of the Deipnosophists based on the Levenshtein distance;
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia antica

eBook di filosofia: W. Dilthey ( a cura di G. Ciriello ), Materiali per il secondo volume della Introduzione alla Scienza dello Spirito

Dilthey1-4

Wilhelm Dilthey ( a cura di Giovanni Ciriello ), Materiali per il secondo volume della Introduzione alla Scienza dello Spirito. Scritti inediti  (1880-1893)

“Com’è noto agli studiosi del pensiero filosofico europeo tra Otto e Novecento, del grande e ambizioso piano diltheyano di una critica della ragione storica condensato in una ponderosa Introduzione alle scienze dello spirito apparve, nel 1883, solamente il primo volume, contenente segnatamente i primi due Libri. Il volume, che qui presentiamo, racchiude in ordine cronologico le varie elaborazioni che, già a partire dal 1880, Dilthey realizzò in funzione della stesura del secondo volume dell’opera, che avrebbe dovuto contenere gli altri quattro Libri, quelli dedicati agli aspetti gnoseologici, logici e metodologici della fondazione filosofica delle cosiddette scienze dello spirito. Un impegno assorbente, che Dilthey perseguirà per tutta la propria vitascientifica, senza risparmio di forza, che gli costerà non poco in termini di salute psico-fisica. In Appendice al volume, che oltre alle elaborazioni di Breslavia contiene anche il noto Progetto di Berlino risalente ai primi anni Novanta, abbiamo ritenuto opportuno inserire anche le due minute della Lettera ad Althoff, databili intorno alla metà del 1882, poiché contengono anch’esse utili osservazioni sulla progettata Introduzione alle scienze dello spirito.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia contemporanea

Corpus Descartes: online opere e corrispondenza di Cartesio

CorpsuDescartes

Corpus Descartes. Édition en ligne des œuvres et de la correspondance de Descartes è il sito del progetto coordinato da Vincent Carraud dell’Université de Caen Normandie che rende disponibile in rete le opere e la corrispondenza di Cartesio.

Collaborano al progetto il “Centro interdipartimentale di Studi su Descartes e il Seicento” dell’Università del Salento, il “Centre d’Études Cartésiennes” di Paris-Sorbonne con l’équipe “COnstraints, Data mining and Graphs” (CoDaG) del “Groupe de recherche en informatique, image, automatique et instrumentation” (GREYC) dell’Université de Caen e la società Noopsis.

Il corpus online è organizzato in quattro parti:

1. opere pubblicate da Descartes nella lingua originale di edizione:

  • Discours de la methode pour bien conduire sa raison, et chercher la verité dans les sciences. Plus La Dioptrique. Les Meteores. Et La Geometrie. Qui sont des essais de cete methode (1637) ;
  • Renati Des-Cartes, Meditationes de Prima Philosophia, in quibus Dei existentia, et animae humanae à corpore distinctio, demonstrantur. His adjunctæ sunt variæ objectiones doctorum virorum in istas de Deo et anima demonstrationes ; Cum Responsionibus Authoris. Secunda editio septimis objectionibus antehac non visis aucta (1642) ;
  • Epistola Renati Des-Cartes ad celeberrimum Virum D. Gisbertum Voetium. In qua examinantur duo libri, nuper pro Voetio Ultrajecti simul editi, unus de Confraternitate Marianâ, alter de Philosophiâ Cartesianâ (1643) ;
  • Renati Des-Cartes, Principia philosophiae (1644) ;
  • Notae in programma quoddam sub finem Anni 1647 in Belgio editum, cum hoc Titulo : Explicatio Mentis humanae, sive Animae rationalis, ubi explicatur (1648) ; [in preparazione]
  • Les Passions de l’âme (1649).

2. traduzioni delle opere apparse mentre il filosofo era in vita:

  • Renati Des-Cartes, Specimina philosophiae : seu Dissertatio de methodo recte regendae rationis, et veritatis in scientiis investigandae : Dioptrice, et Meteora. Ex Gallico translata, et ab Auctore perlecta, variisque in locis emendata (1644) ; [in preparazione]
  • Les Meditations metaphysiques de René Des-Cartes touchant la Première philosophie, dans lesquelles l’existence de Dieu, et la distinction réelle entre l’ame et le corps de l’homme sont demonstrées. Traduites du Latin de l’Auteur par M. le D. D. L. N. S., et les objections faites contre ces méditations par diverses personnes très doctes, avec les réponses de l’auteur, traduites par M. C. L. R. (1647) ;
  • Les Principes de la philosophie, escrits en Latin, par René Descartes. Et traduits en François par un de ses Amis (1647) ;
  • Geometria, à Renato Des Cartes anno 1637 Gallicè edita ; nunc autem cum notis Florimondi de Beaune, in curia Blaesensi Consiliarii Regii, in linguam Latinam versa, et commentariis illustrata, operâ atque studio Francisci à Schooten, Leydensis, in Academiâ Lugduno-Batavâ, Matheseos Professoris, Belgicè docentis (1649). [in preparazione]

3. opere e lettere pubblicate dopo la morte di Cartesio:

  • Groupement des œuvres dites de jeunesse : Olympica, Experimentata, Cogitationes privatae, Studium bonae mentis, fragment Cartesius et La Recherche de la vérité  ; [in preparazione]
  • Ballet De la naissance de la paix (1649) ;[in preparazione]
  • Compendium Musicae (1650) ; [in preparazione]
  • Passiones animae per Renatum Descartes : Gallicè ab ipso conscriptae, nunc autem in exterorum gratia Latina civitate donatae, ab H. D. M. I. V. L (1650) ;
  • Renatus Descartes, de Homine, figuris et latinitate donatus a Florentio Schuyl […] (1662) ;
  • L’Homme de René Descartes et un Traitté de la formation du foetus du mesme autheur, avec les remarques de Louys de La Forge […] (1664) ; [in preparazione]
  • Le Monde de M. Descartes, ou le Traité de la lumière […] (1664) ; [in preparazione]
  • Regulae ad directionem ingenii (1701).

4. trascrizione dell’edizione Clerselier delle Lettres di Cartesio:

  • Lettres de Mr Descartes où sont traittées plusieurs belles questions touchant la morale, physiqve, medecine et les mathematiqves. Novvelle édition, revev et avgmente. Tome Premier (1663) ;
  • Lettres de Mr Descartes où sont expliquées plusieurs belles difficultez touchant ses autres Ouvrages. Novvelle édition, revev et corrige. Tome Second (1666) ;
  • Lettres de Mr Descartes où il répond a plusieurs difficultez qui luy ont esté proposées sur la Dioptrique, la Geometrie, et sur plusieurs autres sujets.Tome troisiesme, et dernier (1667).

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia moderna, Lettere

Les Pensées de Blaise Pascal: la versione elettronica con le diverse edizioni e i manoscritti originali

Pensées Pascal

Les Pensées de Blaise Pascal è l’interessante e preziosa versione elettronica dell’omonima opera del filosofo francese che permette di scoprire le diverse edizioni del testo e i manoscritti originali. È possibile navigare nelle diverse edizioni e fare ricerche testuali.

Sono presenti nel sito altre sezioni interessanti (alcune in costruzione) che consentono di approfondire l’opera e la “critica” testuale:

  • Notions et thémes
  • Documents
  • Ètudes techniques

“Cette édition d’un genre nouveau propose à la fois le texte tel qu’il apparaît dans les éditions classiques, texte modernisé et accompagné de commentaires nécessaires, et toutes les étapes qui y conduisent, du Recueil des originaux des Pensées de Pascal, et des Copies manuscrites qui en ont été établies peu de temps après la mort de Pascal, entre 1662 et 1666, puis des éditions établies par Port-Royal jusqu’aux principales éditions savantes majeures. Elle propose aussi au chercheur les manuscrits originaux accompagnés d’une analyse qui tient compte de l’état des connaissances actuelles sur le texte, les papiers et les écritures qui apparaissent sur le manuscrit et les copies.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia moderna, Manoscritti

Ebner Online Edition: le opere di Ebner online

ebner

L’Ebner Online Edition è la versione online dell’edizione critica delle opere di Ferdinand Ebner con la possibilità di fare ricerche testuali nei testi digitalizzati.

“Ferdinand Ebner (1882-1931) gilt als einer der Begründer der Dialogphilosophie, die nach dem Ersten Weltkrieg entstand und eine der großen Strömungen in der Philosophie des 20. Jahrhunderts ist. Unter dem Titel „Das Wort und die geistigen Realitäten“ schrieb Ebner zwischen 1918 und 1919 jenes Werk, mit dem er in die Philosophiegeschichte eingegangen ist.”

Il progetto di pubblicare online l’intero corpus di opere del filosofo risale al 1999 e presenta sia l’edizione critica sia note editoriali e di commento. Le opere digitalizzate rispecchiano l’ordine di pubblicazione dell’edizione del 1967: Philosophischen Werken, Künstlerische, Notize e Korrespondenz.

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia contemporanea

L’edizione digitalizzata e ricercabile del Dictionnaire historique et critique di Pierre Bayle

Bayle

Nel sito dell’ARTFL Project trovate l’edizione digitalizzata e ricercabile  del Dictionnaire historique et critique di Pierre Bayle (quinta edizione del 1570 in 4 voll.). Potete effettuare diversi tipi di ricerca all’interno del testo.

Il Dictionnaire (1a ed. 2 voll., 1695-96; poi 4 voll., ed. definitiva a cura di P. Desmaizeaux, 1730 e 1740), che nel primitivo progetto voleva correggere gli errori del Dictionnaire di L. Moréri e della precedente tradizione biografica, mette in evidenza la sterminata erudizione di Bayle e rivela un grande disegno di ricostruzione e interpretazione storica non solo di personaggi (l’impianto del Dictionnaire è biografico) ma, attraverso di essi, di grandi problemi. È soprattutto nelle «note» (remarques), la parte prevalente dell’opera, che vengono affrontati problemi eruditi (autenticità di fonti, correzioni di date e biografie della storia sacra e profana), così come i grandi temi della cultura contemporanea (celebri, per es., gli articoli: Manichéens, Maronites, Pauliciens per il problema del male e del dualismo; Rorarius per la discussione sull’anima delle bestie; Spinoza per l’interpretazione critica della sua filosofia..)” (tratto da Treccani.it)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia moderna

La versione online di Socratis et Socraticorum Reliquiae

socrate

Socratis et Socraticorum Reliquiae Source è la digitalizzazione dell’omonimo testo curato da Giannantoni e pubblicato nel 1990.
Lo scopo della raccolta è quello di fornire  l’intero corpus delle fonti antiche su Socrate e il movimento socratico. Accanto perciò alle “Socraticorum reliquiae”, è presente la prima raccolta delle fonti antiche su Socrate, la raccolta aggiornata di quelle su Eschine e l’indicazione di quelle su gli altri uditori e seguaci di Socrate.

“Il termine “socratico” così come l’espressione “scuola socratica” vanno intesi nell’accezione che hanno assunto nella storia degli studi e possono quindi essere legittimamente usati in una raccolta che comprende personaggi come Teodoro l’ateo, come Diodoro Crono, come Diogene di Sinope, come Cratete di Tebe, che certo sarebbe altrimenti difficile considerare “socratici”. Ciò corrisponde del resto allo stato della tradizione antica, che non consente di separare nettamente le fonti relative ai Socratici veri e propri da quelle relative ai placita delle scuole con essi collegate, ma che non sempre possono essere attribuiti direttamente ai cosiddetti “fondatori”. Per ciò che concerne la disposizione del materiale, ho indicato con un numero romano progressivo le singole sezioni (I. Socratici in generale; II. La scuola megarica; ecc.). All’interno di ciascuna sezione ho contraddistinto con una lettera A, B, e, ecc. i singoli esponenti della scuola. Infine ho enumerato progressivamente le fonti all’interno di ciascun esponente (G. Giannantoni, Socratis et Socraticorum Reliquiae, cit., vol. IV, pp. 1-2).”

Sappiamo tutti che, poiché Socrate non ha scritto nulla, manca nel suo caso qualsiasi possibilità di ricorrere a quella sorgente di informazione, che Brickhouse e Smith hanno chiamato di ‘grado A’: intendo le fonti originali, gli scritti di un autore conservati attraverso la lunga e spesso difficile opera di trasmissione fino a noi dei testi antichi (cfr. T.C. Brickhouse-N.D. Smith, The Philosophy of Socrates, Boulder/Oxford 2000, sp. pp. 11-12). E questa possibilità ci è preclusa totalmente, non possiamo sperare di arrivare a carpire brandelli dell’originale pensiero socratico, neppure ridotto ai minimi termini di un minuscolo frammento – come accade nel caso di molti dei cosiddetti filosofi presocratici o in quello di scuole filosofiche d’età ellenistica, Stoici ed Epicurei su tutti.

Questo scacco di partenza non deve tuttavia indurre alla rinuncia, fino al punto di negare storicità alla figura di Socrate, né a trasformare Socrate in un’entità di pura leggenda (come pure è stato fatto, ad esempio, da Gigon o ancor prima da Dupréel: cfr. rispettivamente O. Gigon, Sokrates. Sein Bild in Dichtung und Geschichte, Bern 1947 e E. Dupréel, La légende socratique et les sources de Platon, Bruxelles 1922). In realtà possediamo moltissime informazioni ‘ di seconda mano’, o addirittura di ‘terza e quarta mano’ su Socrate; si può quasi dire che un vero e proprio imbarazzo nasca non dalla povertà, ma dalla sovrabbondanza delle notizie. E’ quanto sottolineava già Levi (cfr. A. Levi, Sul pensiero di Socrate, in Studi di filosofia greca. Pubblicazione in onore di R. Mondolfo, a cura di V.E. Alfieri e M. Untersteiner, Bari 1950), e che Paolo Rossi ha ribadito in modo netto e convincente (cfr. P. Rossi, Per una storia della storiografia socratica, in Problemi di storiografia filosofica, a cura di A. Banfi, Milano 1951, sp. p. 85).

Dunque è impossibile chiudere gli occhi di fronte alla sensazione sfuggente che la massa di dati a nostra disposizione ci trasmette; è impossibile negare che Socrate sembra venirci incontro come un simbolo poliforme, mediato di volta in volta da rappresentazioni diverse, e perfino opposte, piuttosto che come un personaggio storico definito nei suoi contorni o come un ‘filosofo’, le cui posizioni siano univocamente e inequivocabilmente ricostruibili. Anzi rispetto a quest’ultimo problema, a voler essere sinceri fino in fondo, si dovrebbe convenire con una constatazione avanzata proprio da Gabriele Giannantoni, secondo cui le varie testimonianze a nostra disposizione “ci dicono molto poco sulla filosofia di Socrate, almeno rispetto alle notizie – più o meno storicamente fondate – sulla sua vita e alla ricchezza dell’aneddotica e dell’apoftegmatica” (cfr. Socrate. Tutte le testimonianze da Aristofane e Senofonte ai Padri cristiani, a cura di G. Giannantoni, Roma-Bari 1986, p. XVIII).

Nonostante questa difficile situazione, non credo si debba gettare la spugna, né tanto meno cedere alle lusinghe di un improduttivo scetticismo ermeneutico. Al contrario, la strada da percorrere è quella che chiaramente ci hanno indicato molti studiosi di Socrate, primo fra tutti Schleiermacher, e più in generale la grande tradizione della filosofia classica tedesca: comparare le fonti, metterle criticamente l’una accanto all’altra, farle interagire per coglierne le caratteristiche essenziali, gli elementi di reciproca diversità, o anche le relazioni di dipendenza o di consapevole distanza (cfr. F. Schleiermacher, Über den Werth des Sokrates als Philosophen, in Id., Sämtliche Werke, III.2, Berlin 1838, pp. 287ss. Su questa strada si muovono, ad esempio, i contributi di A. Brancacci su Socrate e i Socratici raccolti in Lezioni Socratiche, a cura di G. Giannantoni e M. Narcy, Napoli 1999: cfr. rispettivamente pp. 121-151; 153-177; 279-301; 303-327).

E su questa strada il passo più importante da compiere non poteva che essere quello di una raccolta sistematica ed esaustiva di tutte le testimonianze relative alla figura di Socrate. Insomma, il passo più arduo e insieme più utile, euristicamente produttivo non poteva essere che quello compiuto da Gabriele Giannantoni, il quale ha dedicato uno sforzo continuo, sin dall’inizio della sua carriera scientifica, alla raccolta e all’interpretazione di tutte le notizie riguardanti non solo Socrate, ma anche i vari ‘semi’ che da lui si sono generati e hanno fruttificato.”

1 Commento

Archiviato in Edizioni critiche, Filosofia antica

Richard Rufus Project (RRP)

rrplogo

Richard Rufus Project (RRP) è il sito dell’omonimo e interessante progetto della Stanford University coordinato dalla Prof.ssa Rega Wood dell’Indiana University che mette in linea le edizioni delle opere di Riccardo Rufo di Cornovaglia.

RRP rescues from obscurity a great, but virtually unknown philosopher, Richard Rufus of Cornwall, who helped transform Western education and reintroduce Aristotle’s so-called libri naturales, his metaphysics and natural philosophy, to Western Europe. Before 1225, medieval scholastics were forbidden to lecture on the libri naturales, and medieval education was restricted to the seven liberal arts—music, ge-ometry, astronomy, grammar, logic etc. After 1250, thanks in part to Richard Rufus, logic focused on Aristotle’s more advanced logical works, and exams covered most of the libri naturales.

Aristotle’s libri naturales were fundamental to the development of Western civilization because they contained a comprehensive view, new to the West, of the workings of the cosmos and prompted Western thinkers to look to natural causes to explain observed phenomena and metaphysical quandaries. This outlook provided the foundation for medieval science and paved the way for the 17th century’s scientific revolution.”

Nel ricco sito potete trovare interessanti risorse:

 

 

1 Commento

Archiviato in Bibliografie, Biografie, Edizioni critiche, Filosofia medievale, Manoscritti

Presocratics Source: i presocratici nell’edizione originale di Diels e Kranz e nella traduzione italiana a cura di Giannantoni

chrismos

Presocratics Source contiene la raccolta delle testimonianze e dei frammenti dei Presocratici in novanta capitoli edita da H. Diels and W. Kranz (Die Fragmente der Vorsokratiker, ed. by H. Diels-W. Kranz, 3 vol., Weidmann, Berlin, 19582), accompagnata dalla traduzione italiana curata da G. Giannantoni (I Presocratici. Testimonianze e frammenti, a cura di G. Giannantoni, Laterza, Roma-Bari, 19832).

La piattaforma Philosource consente agli utenti di accedere ai testi, di effettuare su di essi ricerche complesse, di applicare sui dati pubblicati nei siti regole di inferenza e di arricchirli semanticamente.

“La pubblicazione elettronica di questo ricco corpus di testi si propone di mantenere vivo e di sviluppare ulteriormente un dibattito di alto livello fra gli studiosi, con l’obiettivo di portare di nuovo al centro dell’attenzione le molteplici strategie ermeneutiche che il variegato mondo dei presocratici sicuramente ha fatto e farà sorgere all’interno della comunità scientifica degli specialisti”.

3 commenti

Archiviato in Banche-dati, eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia antica

MONtaigne à l’Œuvre (MONLOE): edizione digitale delle opere di Montaigne

michel-eyquem-de-montaigne

MONtaigne à l’Œuvre (MONLOE)  è l’interessante progetto francese dell’edizione digitale dell’opera di Montaigne. Nel progetto è inclusa anche l’Università di Cambridge che conserva il fondo “Gilbert de Botton”, ossia la Montaigne Library che raccoglie testi connessi al filosofo e dieci opere della biblioteca personale del pensatore.

L’obiettivo di MONLOE è quello di rendere disponibili nel web: le principali edizioni degli Essais, l’edizione critica dell’esemplare detto “di Bordeaux ”  del 1588 con le note autografe del filosofo, tutti i testi appartenuti al pensatore ora dispersi in varie biblioteche pubbliche e private (si tratta di una ventina di biblioteche europee) e una selezione di opere considerate fonti ispiratrici degli  Essais. In sintesi, si vuole offrire uno strumento in linea che renda conto delle diverse fasi di scrittura dell’opera del pensatore.

Nel dettaglio il portale contiene:

  • les éditions majeures des Essais
  • l’édition « archéologique » de l’exemplaire dit « de Bordeaux » (1588, avec les corrections et additions presque toutes autographes)
  • la traduction de Raymond Sebond
  • l’édition de La Boétie par Montaigne
  • tous les ouvrages portant la signature de Montaigne conservés dans les différentes bibliothèques publiques et privées, dont certains annotés par La Boétie et d’autres par Montaigne
  • des documents relatifs à Montaigne:
  • arrêts du Parlement au rapport de Montaigne, et Éphéméride de Beuther, avec les éditions intégrales par Alain Legros ;
  • lettres
  • Journal de voyage
  • inscriptions du tombeau et du collège de Guyenne et autres archives
  • une nouvelle édition des inscriptions de sa « librairie » par Alain Legros

Il progetto si propone inoltre di ricostruire la biblioteca del pensatore di cui viene offerta anche un modello in 3D con le immagini delle 68 sentenze che Montaigne aveva fatto scrivere sul soffitto.

“MONLOE met l’accent sur ce que l’on peut découvrir de la dimension créative d’une œuvre à partir d’un corpus numérisé : processus d’élaboration, additions et corrections, modification des textes-sources et des compilations, interventions d’auteur, invention de l’«essai» et configuration des concepts les plus significatifs des Essais (« humaine condition », doute, prudence, inscience, bonne foi, « fantaisie »…). La comparaison effectuée grâce à l’alignement entre les différentes éditions des Essais, le marquage des citations, la transcription encodée en XML-TEI de l’Exemplaire de Bordeaux (EB), constituent des défis techniques et scientifiques stimulants pour la mise en valeur d’un patrimoine littéraire exceptionnel. La reconstitution de la bibliothèque en 3D permettra à un large public de bénéficier des résultats de l’entreprise.

Le trascrizioni e le digitalizzazioni sono state raggruppate in tre “contenitori”:

1 Commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Edizioni critiche, Filosofia moderna, Lettere, Manoscritti