Archivi tag: Filosofia del tempo

eBook di filosofia: S. Mezzalira, Tempo, soggettività, esperienza. Per un’ermeneutica trascendentale e fenomenologica del rapporto aporetico tra esperienza soggettiva e analisi neuro scientifica della percezione e dell’azione

tempo

Selene Mezzalira, Tempo, soggettivita’, esperienza. Per un’ermeneutica trascendentale e fenomenologica del rapporto aporetico tra esperienza soggettiva e analisi neuro scientifica della percezione e dell’azione. 

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Padova (2016)

” Nel primo capitolo viene affrontato uno degli interrogativi piu’ radicali sorti in ambito neuroscientifico intorno all’esperienza percettiva: come si crea la stabilita’ e la continuita’ della nostra esperienza temporale a fronte delle distorsioni, che emergono comparando i tempi neurali registrati sperimentalmente e i riferimenti soggettivi sul tempo vissuto? Viene esaminato criticamente il concetto di distorsione, il quale ha senso solo se viene previamente assolutizzata un’esperienza temporale misurata dagli orologi e un’esperienza spaziale misurata dai regoli.
Nel secondo capitolo vengono esaminati gli esperimenti che, a partire dai lavori di Libet, hanno messo in discussione l’esistenza del libero volere, principalmente sulla base dell’esistenza di eventi neurali che, precedendo gli atti motori volontari, consentono di leggere le nostre decisioni future prima che ne diventiamo consapevoli. Qui, un’ermeneutica d’ispirazione kantiana delle decisioni coscienti consente di ritrovare lo spazio della liberta’ come ambito essenziale dell’umano.
Il terzo capitolo prosegue la valutazione degli studi sul rapporto tra coscienza, percezione e azione, nonche’ sul loro inscindibile intreccio in ogni atto di costituzione dell’esperienza spazio-temporale.
Nel quarto capitolo viene analizzato il problema del binding, ossia del collegamento attivo responsabile dell’unitarieta della nostra esperienza, osservando come esso rimandi ad un processo di sintesi assai affine alla funzione svolta dalle strutture kantiane della soggettivita’ quali condizioni trascendentali di possibilita’ della costituzione dell’esperienza come un tutto coerente e dotato di senso.
Nel quinto capitolo, riprendendo le interpretazioni neuro quantistiche della coscienza, vengono esaminate le teorie che, detemporalizzando i processi mentali fondamentali, si avvicinano in modo sostanziale alla concezione kantiana dell’unita’ trascendentale della coscienza. In particolare, una prospettiva che si richiami allo schematismo trascendentale consente di individuare dei percorsi in grado di riannodare la divaricazione piu’volte emersa nel corso della ricerca tra esperienza soggettiva ed esperienza scientifica.
Nelle conclusioni, viene proposta una visione innovativa dei rapporti tra coscienza, spazio, e, soprattutto, tempo. Prendendo ispirazione non solo dalla prospettiva trascendentale di matrice kantiana, ma anche dalla fenomenologia husserliana e dalla fenomenologia della percezione di Merleau-Ponty, nonche’ dal pensiero heideggeriano, si perviene alla formulazione di un’interpretazione profonda degli inediti meccanismi con cui la soggettivita’ attua i processi di in-formazione dell’oggettivita’, cosi come emergono oggi in ambito neuroscientifico.
Il tema principale dell’appendice e’ costituito dai neuroni specchio, il cui comportamento fornisce elementi essenziali per la comprensione dell’esperienza nei suoi caratteri squisitamente intersoggettivi.”

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia del tempo, Neuroscienza, Tesi

eBook di filosofia: L. Ferrara, Paradigmi della temporalità in Kant e Bergson

bergson1

Luca Ferrara, Paradigmi della temporalità in Kant e Bergson

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi Napoli, a.a. 2015/2016

“Il nostro lavoro ha assunto come oggetto di indagine la nozione di tempo in Kant e Bergson. Nel primo capitolo viene analizzato in modo attento la bibliografia secondaria sul complesso tema del confronto tra Kant e Bergson, pervenendo alla necessità di superare l’impostazione metodologica degli unici due studiosi (Clifford Wellington Webb e Barthélemy-Madalue ) che si sono cimentati in un lavoro affine a quello svolto dal dottorando nella sua tesi. Inoltre, viene prestata particolare attenzione ai diversi paradigmi della temporalità, sedimentatisi nel corso della storia del pensiero occidentale. Nel secondo capitolo, viene studiato il rapporto tra tempo e spazio, come è teorizzato in Kant e Bergson, tenendo presente a riguardo la teorizzazione dei rispettivi autori del concetto di numero e le antinomie nelle interpretazioni dei due filosofi. Poi, nel terzo capitolo, quello più denso speculativamente, ho proposto una lettura dei due filosofi, facendo leva, da un lato sul rapporto tra tempo e coscienza, da un altro sulla relazione tra la coscienza e le sue stratificazioni. Infine, viene presentata in appendice una traduzione di un significativo inedito bergsoniano, sia da un punto di vista filologico, sia teoretico, che riguarda le Lezioni sulla filosofia moderna di Bergson dedicate alla Critica della ragion pura di Kant, dove sono anche elencate analiticamente tutte le occorrenze kantiane nei testi bergsoniani.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia del tempo, Tesi, Uncategorized

Temporalités: la rivista online dedicata al tempo

temporalites

La rivista Temporalités. Revue de sciences sociales et humaines è la rivista online interdisciplinare che si propone di pubblicare articoli e saggi di riflessione sui diversi usi del tempo e sui diversi “tempi”.

“La revue Temporalités favorise toutes les initiatives interdisciplinaires autour des questions de temporalité et notamment celles qui paraissent les plus prometteuses : fondements des distinctions entre les temps ; articulation et conflits entre temporalités ; confrontations de diverses conceptions, usages, et langages du temps ; modes d’historicité des disciplines ; confrontations de catégorisations philosophiques à des travaux empiriques…

La revue publie des travaux d’épistémologie et d’histoire des disciplines dès lors qu’ils sont ancrés dans des données empiriques et nourris d’une maîtrise des grands débats anthropologiques sur le temps. La revue, sans se vouloir philosophique, n’exclut pas de publier des articles liant des philosophies du temps à des débats théoriques dans les sciences humaines et sociales.”

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia del tempo, Periodici