Archivi tag: filosofia politica

eBook di filosofia: C. Nadeau, Justice et démocratie. Une introduction à la philosophie politique

Nadeau, Justice et démocratie

Christian Nadeau, Justice et démocratie. Une introduction à la philosophie politique

“Comment un philosophe ou un théoricien aborde-t-il une question en philosophie politique ? À quel exercice de la pensée se prête-t-il pour régler les problèmes bien réels et souvent très complexes qui se présentent à lui ? Pour l’auteur de cette introduction à la philosophie politique, l’investigation des concepts et des intuitions ainsi que le développement du sens critique sont des étapes nécessaires à la compréhension des principaux débats qui nous occupent encore aujourd’hui.
Dans ce livre, il s’agit donc de présenter des questions, mais aussi des théories. Christian Nadeau y traite de justice et de démocratie à travers le prisme de l’argumentation philosophique. Peut-on concevoir la démocratie comme un obstacle à la justice ? Est-ce que la démocratie est par définition juste et ne peut donc donner lieu qu’à des décisions justes ? Ces problématiques, comme celles de la liberté, des conflits sociaux, du pluralisme sont disséquées à la lumière du débat contemporain et des différentes approches théoriques.
Finalement, au-delà des questions politiques soulevées, le lecteur trouvera dans la singularité de cet ouvrage toutes les bases d’une initiation à la philosophie, qui lui permettront d’élaborer sa propre réflexion sur les sujets qui l’intéressent.”

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia morale, Filosofia politica

eBook di filosofia: C. Martucci, Tre concetti di libertà

libertà

Chiara Martucci, Tre concetti di libertà

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia morale, Filosofia politica

Lessico di etica pubblica: una rivista online

LESSICO_fascia1

Lessico di etica pubblica” è la rivista semestrale on-line del Centro Studi sul Pensiero contemporaneo (CeSPeC).

Essa risponde all’obiettivo di valorizzare il ruolo della filosofia nello spazio pubblico e la sua funzione critica rispetto alle forme sociali e politiche che caratterizzano le società occidentali contemporanee. Pensata come spazio di confronto e discussione, “Lessico di etica pubblica” è aperta a contributi provenienti da diverse discipline alla ricerca di percorsi in cui teoria e prassi si fecondino reciprocamente.

 

I singoli numeri sono organizzati in sezioni:

  • La sezione QUESTIONI propone un tema monografico, i cui contributori sono selezionati tramite call for paper o in cui confluiscono di volta in volta ricerche e materiali degli eventi organizzati dal CeSPeC
  • La sezione RICERCHE raccoglie lavori individuali o a più mani provenienti non solo dai programmi di ricerca del CeSPeC, ma anche da singoli ricercatori che condividono la linea editoriale della rivista. I materiali in questa sezione sono sottoposti a peer review
  • Conclude la rivista una sezione dedicata alle RECENSIONI

Lascia un commento

Archiviato in Etica, Filosofia contemporanea, Filosofia politica

eBook di filosofia: G. Frilli, Ragione, desiderio, artificio. Hegel e Hobbes a confronto

Frilli

Guido Frilli,  Ragione, desiderio, artificio. Hegel e Hobbes a confronto

“Che cos’è il desiderio? Quali sono i poteri della ragione? Che cosa spinge gli uomini a oltrepassare la natura? Dove cercare le basi e le forme fondamentali della convivenza? Seguendo il filo di queste domande, lo studio ambisce a impostare un confronto teorico tra Hegel e Hobbes, nella convinzione che un dialogo a tutto campo tra i due filosofi possa contribuire a una migliore comprensione dei rispettivi sistemi. L’esame delle molte affinità di impostazione problematica, così come delle radicali divergenze di soluzione, lascia emergere in controluce il profilo di una modernità autocritica, sensibile alle ipoteche e ai presupposti del progetto di autoaffermazione umana mediante la ragione e l’artificio. “

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia moderna, Filosofia politica

Dissonância. Revista de Teoria Crítica 

pageHeaderTitleImage_pt_BR

Dissonância. Revista de Teoria Crítica è la rivista online semestrale dell’Instituto di Filosofia e Ciências Humanas dell’Universidade Estadual di Campinas.

La rivista, che si ispira alla Scuola di Francoforte, pubblica articoli, saggi e dibattiti in una prospettiva multidisciplinare (filosofia, sociologia, economia, psicoanalisi e storia).

“Quando se pergunta o que é Teoria Crítica, é possível encontrar os mais diferentes sentidos dessa expressão na história das ciências humanas e da filosofia. De modo geral, a Dissonância: Revista de Teoria Crítica pretende contribuir com aquele sentido vinculado ao trabalho interdisciplinar realizado em torno do Instituto de Pesquisa Social de Frankfurt, capitaneado por Horkheimer durante a primeira metade do século XX. No entanto, ela não pretende se restringir ao diálogo com as produções deste período ou deste instituto, mas reunir e estimular toda produção que não pretenda meramente descrever o funcionamento e as características fundamentais da sociedade moderna capitalista, e sim realizar um diagnóstico de tempo presente e uma crítica da situação social vigente.”

1 Commento

Archiviato in Filosofia politica, Periodici

eBook di filosofia: H. Arendt, A Lecture, 1966/1967 (mai pubblicato)

ARendt1

Hannah Arendt, Never-Before-Published Hannah Arendt on What Freedom and Revolution really mean

“In the 1960s, some years after the publication of her book On Revolution, Hannah Arendt lived in a world of revolutionary events, to which she was particularly sensitive. Such events included the expulsion of Krushchev in the Soviet Union; the construction of the Berlin Wall dividing Germany into two states; the Cuban missile crisis; the so-called “Quiet Revolution” in Canada, nationalistic in character; the Civil Rights movements here and abroad; anti-war protests, some of which were deadly, here and in Europe; military coups in South Korea, Vietnam, and Greece; Pope John XXIII’s profoundly revolutionary Second Vatican Council; the horror of the Cultural Revolution in China; the scientific revolution best known as “the conquest of space”; and the ongoing decolonization and independence battles in formerly imperial domains.

This manuscript, never before published, is marked “A Lecture” and dated “1966-67.” Where and when it was delivered, or if it was delivered, is not known. The manuscript seems too long for a single lecture. It might have been given at the University of Chicago where Arendt was teaching at the time in the School on Social Thought. Or it could have been at the Graduate Faculty of the New School for Social Research, which Arendt agreed to join in 1967, primarily to be in New York, close to her husband, Heinrich Bluecher, who was unwell. The where and when of the lecture have not been confirmed, though extant records have been thoroughly searched.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia politica

eBook di filosofia: F. Zuolo, Human-animal relations and the idea of cooperation

scimmie

Federico Zuolo, Human-animal relations and the idea of cooperation

“The idea of cooperation has been recently used in human-animal relations to justify the application of an associative theory of justice to animals. Following a post-Rawlsian understanding of justice, in virtue of animals’ cooperation with humans for the production of some valuable goods (assistance, nourishment, scientific progress), animals are owed a just treatment. In this paper, I discuss some of these proposals (by Coeckelbergh, Kitcher, Niesen, Valentini) and seek to provide a reformulation of the idea of cooperation suitable to human-animal relations. The standard idea of cooperation, indeed, presupposes mental capacities and attitudes which can be hardly found in animals. Hence, to make sense of the idea of human-animal cooperation we should try and formulate a version of cooperation that accommodates these differences while still being faithful to the core idea. To do this, I try to disentangle the idea of cooperation from other cognate notions and distinguish it from exploitation, use, and relationship of companionship. The upshot is a minimal taxonomy of human-animal relations that covers most of possibilities from the worst type of relation in terms of the neglect of animals’ welfare (exploitation) to the one which is most favourable to animals’ welfare (relationship of companionship). In this taxonomy cooperation is a form of relation where animals are used to produce a valuable good in a way that is compatible with their ethological features and without being harmed. This idea of human-animal cooperation maps onto some actual social practices but retains the normative purchase of cooperation and excludes relations that are harmful to animals.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia politica

eBook di filosofia: J. Rawls, Uma Teoria da Justiça

Rawls

John Rawls, Uma Teoria da Justiça

“Tra i maggiori filosofi della morale e della politica della seconda metà del Novecento, in contrasto con le dottrine utilitaristiche classiche dominanti nella riflessione etico-politica anglosassone, Rawls propose una teoria neocontrattualistica della giustizia sociale, riprendendo la tradizione di Locke, Rousseau e soprattutto di Kant. Tale teoria, elaborata in innumerevoli articoli (Outline of a decision procedure for ethics, in Philosophical review, 1951; Justice as fairness, in Philosophical review, 1958; The sense of justice, in Philosophical review, 1963; Distributive justice, in Philosophy, politics, and society, 1967) e nella sua opera fondamentale (A theory of justice, 1971; trad. it. Una teoria della giustizia), si fonda sul presupposto della scelta razionale, da parte di ciascun membro di un ipotetico «stato di natura», dei principi cui dovrebbero conformarsi le istituzioni per essere considerate giuste. Il punto di partenza è dato da un’ipotetica «posizione originaria» caratterizzata da un «velo di ignoranza» circa il ruolo che ogni membro occuperà nella società, e quindi da una condizione necessariamente imparziale in cui in tutti è presente almeno l’intenzione di non venire danneggiati a causa della posizione sociale che si andrà a occupare. A partire da tale condizione ciascuno sceglierebbe razionalmente due principi fondamentali su cui basare il funzionamento delle istituzioni. Il primo stabilisce che a ciascun membro della società spetteranno uguali diritti, doveri e libertà; il secondo (noto come principio di differenza) individua le condizioni per un’equa giustizia distributiva e stabilisce che le ineguaglianze economiche e sociali verrebbero tollerate soltanto nel caso in cui apportassero vantaggi ai gruppi sociali più svantaggiati (secondo il criterio del maximin della teoria dei giochi, consistente nel massimizzare i guadagni minimi). L’innovazione della teoria etico-politica di R. consiste soprattutto nella ridefinizione del contrattualismo classico attraverso l’utilizzazione dei modelli di comportamento razionale di tipo economico, con la conseguenza che una giustizia equa costituisce non solo un ideale etico-politico, ma anche il risultato di una strategia ottimale per la salvaguardia dei diritti fondamentali di ciascun individuo. Le proposte di R. sono state al centro di un vasto dibattito (Nozick, Harsanyi, Habermas, Hart, ecc.) sui principi cui si dovrebbero ispirare le istituzioni liberal-democratiche e sul ruolo e le finalità di tali istituzioni rispetto alla società civile. ” (tratto da Treccani.it, Dizionario di Filosofia)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia politica

eBook di filosofia: V. Aruta, Il tema della città felice in Platone e al-Farabi, una lettura comparata di filosofia politica

Mappa-Atlantide

Valentina Aruta, Il tema della città felice in Platone e al-Farabi, una lettura comparata di filosofia politica

Tesi di dottorato a.a. 2014/2015, Università degli Studi di Catania

“Il presente lavoro di ricerca analizza la filosofia politica di Platone e al-Farabi, filosofo del medioevo islamico, mediante il ricorso ad una metodologia di tipo comparativo. La riflessione politica farabiana accoglie dichiaratamente alcuni passaggi fondamentali del platonismo, insieme a diverse concezioni ereditate dalla tradizione aristotelica e neoplatonica, per sviluppare un pensiero filosofico nuovo incardinato entro i binari della religione musulmana. La tesi si articola in cinque capitoli: nel primo viene affrontato il tema della trasmissione e della rielaborazione del sapere greco nel mondo islamico, fenomeno culturale che è necessario tener presente per comprendere il nesso tra la filosofia platonica e farabiana; nel secondo viene trattato il rapporto degli autori con il loro proprio contesto storico-culturale; nel terzo viene analizzata la relazione vigente tra la filosofia politica e le altre principali aree tematiche di loro interesse, come la gnoseologia, l’etica, la psicologia e la religione, al fine di chiarire il significato che la politica assume nei rispettivi sistemi filosofici; nel quarto sono esposti i contenuti delle loro principali opere politiche; ed infine nell’ultimo capitolo è svolta un analisi comparata tra Platone e al-Farabi sulle principali questioni inerenti al tema della città ideale. Tra i temi in esame sono presenti: la definizione della felicità come scopo del governo ideale; l’isomorfismo uomo / città / cosmo; il profilo del sovrano; il ruolo della legge e l analisi delle città devianti.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia antica, Filosofia araba, Filosofia politica

eBook di filosofia: G. Ernst, J.-C. Heilinger, The Philosophy of Human Rights

filosofia dei diritti umani

Gerhard Ernst,  Jan-Christoph Heilinger,  The Philosophy of Human Rights. Contemporary Controversies

“Human rights are important. First and foremost they are relevant for those fighting for respect for their own or others’ human rights and for the improvement of situations in which fundamental rights are violated.
But human rights are also of interest for politicians, political theorists, international lawyers, jurisprudents, NGO activists, civil servants, and, of course, political and moral philosophers. Obviously, the interest in human rights is stirred by quite different reasons: some of them purely practical, some of them purely theoretical, most of them combining practical and theoretical concerns. Yet all those involved with human
rights should share one fundamental concern: to know what is the nature of the subject they are talking about and in which way it has normative force. In other words, the clarification of the concept of human rights and the justification of these rights – the two core challenges of the contemporary philosophy of human rights – should matter to all who are interested, in one way or another, in human rights.
In offering such clarification and justification political and moral philosophy has something relevant to contribute to the general discussion of human rights. Being philosophers, we might be criticized for making such a strong claim as to the relevance of philosophy. But forgiveness might be granted in light of our willingness to admit that philosophical insights about human rights are not freestanding, nor do they, in general, enjoy priority. Rather they depend in turn on the political, juridical, etc. dimensions of the idea of human rights, that is, on the use of the concept in practice.” (Dall’Introduzione)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia politica