Archivi tag: filosofia politica

eBook: G. Zaccaria, Dopo l’emergenza. Dieci tesi sull’era post-pandemica

fronte_6

Giuseppe Zaccaria, Dopo l’emergenza. Dieci tesi sull’era post-pandemica

“Le ferite profonde originate dall’effetto coronavirus ci insegnano molte cose, e soprattutto ci costringono a rimettere in discussione una serie di temi nevralgici per la nostra esistenza individuale e collettiva. Molte narrazioni sono andate in frantumi e c’è bisogno di riflessione. A condizione di rinunciare a rifugiarsi nei propri pregiudizi e nelle proprie certezze ideologiche e di mantenere uno spirito critico, è indispensabile fermarsi a pensare sulle le macerie della crisi immane che la pandemia ci lascia, per capire se sotto di esse possano crescere, al di là delle retoriche stucchevoli delle ferite che divengono opportunità, nuove idee per il futuro. Da questo punto di vista il virus ha agito nei diversi Paesi come un pettine impietoso, in modi differenziati in relazione alle diverse capacità di risposta, e ha evidenziato la necessità di misurarsi con una serie di nodi e di problemi troppo a lungo colpevolmente trascurati; ma contemporaneamente esso ha operato come un forte acceleratore storico di processi sociali ed economici che oggi si ripresentano sotto il segno drammatico dell’urgenza e dell’incertezza e la cui ennesima sottovalutazione avrebbe per effetto di pregiudicare in modo irreparabile la possibilità di un futuro un po’ meno precario ed incerto.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia politica

Teoria politica: una rivista online di filosofia politica

teoria politica

Teoria politica è la rivista, ora disponibile nel web, fondata nel 1985 da Norberto Bobbio. Dal 2011 la rivista porta avanti una nuova stagione con la “Nuova Serie” in cui la storiografia e gli studi giuridici arricchiscono la riflessione politica. Gli Annali di Teoria politica offrono due sezioni tematiche completate da una sezione di saggi e una di rassegna di studi.

“Teoria politica pubblica articoli di ricerca nel vasto ambito dello studio della politica, che abbraccia la filosofia politica, soprattutto di indirizzo analitico, la scienza politica empirica e la sociologia politica, orientate all’elaborazione di modelli concettuali, gli studi giuridici, rivolti in particolare alla teoria generale del diritto e al diritto costituzionale, la storiografia attenta alle categorie della riflessione politica.”

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia politica, Periodici

eBook di filosofia: S. Caruso, Homo oeconomicus. Paradigma, critiche, revisioni

Homo oeconomicus

Sergio Caruso, Homo oeconomicus. Paradigma, critiche, revisioni

“Sull’homo oeconomicus Pantaleoni e Pareto rifondarono la teoria economica. Nonostante le critiche, il concetto ha poi trovato una strana fortuna: non solo fra economisti, anche nell’uso corrente, dove assume una confusa varietà di significati. Per mettere ordine questo libro distingue: le ipotesi metodologiche, forse passibili di correzione sulla base della nuova psicologia economica; le antropologie deboli, recuperabili come ‘astrazioni determinate’ entro contesti tipici; le versioni estreme, che riducono la natura umana all’egoismo assoluto. Di quest’ultime l’Autore fa una critica radicale con un vasto strumentario desunto dalla psicologia, dall’antropologia filosofica e dalla filosofia politica; ne mostra così l’infondatezza empirica, l’inconsistenza concettuale, la pericolosità ideologica. “

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia politica

eBook di filosofia: N. Jun, Anarchism and Political Modernity

anarchism

Nathan Jun, Anarchism and Political Modernity

“This book stands out among works of the emerging new generation of anarchist theorists. Unlike much of the trendy “post-anarchism,” it is firmly grounded in political philosophy and the history of anarchist thought. Jun shows that ideas often seen as bold new “post-modern” innovations above all, the critique of representation are in fact deeply rooted in the anarchist tradition. He debunks the equation of classical anarchist theory with the weakest aspects of modernism and shows anarchism to be a powerful radical tradition that goes beyond the limits of conventional liberalism and socialism. Jun presents strong evidence that anarchism is now becoming most the promising theoretical alternative within the dissident academy.” John P. Clark, Gregory Curtin Distinguished Professor of Humane Studies and the Professions and Professor of Philosophy, Loyola University. “

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia politica

eBook di filosofia: M. Aglietti , C. Calabrò, Cittadinanze nella storia dello Stato contemporaneo

bandiere

Marcella Aglietti , Carmelo Calabrò, Cittadinanze nella storia dello Stato contemporaneo

“Cittadinanze offre una nuova prospettiva sulla storia dello Stato, inteso aristotelicamente come l’insieme dei suoi cittadini. Il volume raccoglie dodici saggi dedicati ai possibili modi in cui la cittadinanza ha preso forma durante l’età contemporanea, analizzandone le diverse concrezioni storiche. Non una cittadinanza singola, ma plurale, oggetto e insieme strumento epistemologico dalle molte declinazioni – istituzionali, teorico-politiche, giuridiche, filosofiche. Una ricostruzione condotta attraverso luoghi e tempi differenti, che vanno dalle rivoluzioni francese e americana sino all’immaterialità del digital divide. Un esame originale che interroga le storie, le prassi e i simboli che hanno legato gli individui alle loro comunità politiche.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia politica

eBook di filosofia: Democratic Moments. Reading Democratic Texts

DEmocratic

Democratic Moments. Reading Democratic Texts

“This collection of short essays on texts in the history of democracy shows the diversity of ideas that contributed to the making of our present democratic moment.

The selection of texts goes beyond the standard, Western-centric canonical history of democracy, with its beginnings in ancient Athens and its climax in the French and American revolutions, recovering some of the significant body of democratic and anti-democratic thought in Latin America, Asia, and elsewhere. It includes discussions of well-known philosophers like Plato and Aristotle, but also of a variety of thinkers much less well known in English as writers on democracy: Al Farabi, Bolívar, Gandhi, Radishchev, Lenin, Sun Yat-sen, and many others. The essays thus de-centre our understanding of the moments where the idea of democracy was articulated, rejected and appropriated.

Spanning antiquity to the present and global in scope, with contributions by key scholars of democracy from around the world, Democratic Moments is the ideal text for all students wishing to expand their understanding of the ways in which this contested concept has been understood.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia politica

eBook di filosofia: G. Kemp (a cura di), Censorship Moments. Reading Texts in the History of Censorship and Freedom of Expression

Censorship

Geoff Kemp (a cura di), Censorship Moments. Reading Texts in the History of Censorship and Freedom of Expression

Censorship in varying forms has been part of human experience for 2,500 years and has proved to be a recurring presence for political thought, whether as active repression, a shaping context for expression, or as itself a subject for analysis and argument. From the death of Socrates to the present, attempts to silence thinkers and writers have provoked passionate and often penetrating responses that speak of their historical moment.

Censorship Moments provides short, accessible and stimulating essays on a variety of these responses. Each chapter pairs a textual ‘moment’ of writing on censorship by a past writer with analysis by an expert current scholar. The book’s main focus is the public political dimension of censorship and freedom of expression, in its relation to political authority and political thought, while also reflecting on the porous boundary to literature and other areas such as law and the media.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Filosofia politica

eBook di filosofia: A. de Libera, J.-B. Brenet e I. Rosier-Catach (a cura di ), Dante et l’averroïsme

DanteDetail

Alain de Libera, Jean-Baptiste Brenet e Irène Rosier-Catach (a cura di ), Dante et l’averroïsme

“Dante averroïste ? Le plus grand poète du Moyen Âge fut-il le disciple du plus grand philosophe arabe ? La Divine Comédie place Averroès, l’auteur du « Grand commentaire » d’Aristote, en Enfer, et en Paradis son disciple latin Siger de Brabant qui, dans l’actuelle « rue du Fouarre » à Paris, mettait en syllogismes « des vérités importunes ». Jugement de Salomon ?

Ce volume collectif traite en détail l’un des chapitres les plus controversés de l’histoire comme de l’historiographie de la philosophie et de la théologie médiévales. Revisitant les textes philosophiques et poétiques de Dante, de la Vita nova au Convivio, au De vulgari eloquentia et à la Monarchia, examinant les productions et les thèses de ses contemporains, interlocuteurs, amis et adversaires, médecins, philosophes et poètes, rappelant et discutant les thèses de ses lecteurs anciens et modernes, les meilleurs spécialistes des domaines concernés, philosophes et italianistes, dressent le bilan de deux siècles d’études sur Dante, mais aussi sur Cavalcanti et sur l’averroïsme latin.

Suivant trois grands axes, le langage et la pensée, les émotions, la politique, c’est au coeur de l’histoire et de la culture européennes, à Paris, à Florence, sur les routes de l’exil, que les contributions ici rassemblées plongeront lectrices et lecteurs amoureux de Dante, de l’Italie et de la littérature.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia araba, Filosofia medievale, Filosofia politica

eBook di filosofia: D. Brugnaro, Judging. Origini e articolazioni dell’indagine sul giudizio di Hannah Arendt

Arendt_2ritagl-c331e

Davide Brugnaro, Judging. Origini e articolazioni dell’indagine sul giudizio di Hannah Arendt

Tesi di dottorato discussa presso l’Università degli Studi di Padova (2018)

“La ricerca riguarda la questione del giudizio in Hannah Arendt, la parte incompiuta e uno degli aspetti più controversi della sua opera. L’intento è quindi duplice, ricostruttivo e interpretativo. Il lavoro si compone di tre sezioni. La prima si rivolge soprattutto agli anni Cinquanta della produzione arendtiana. In quel periodo, infatti, Arendt appronta la cornice concettuale del suo successivo itinerario intellettuale, al punto che la riflessione sul giudizio può essere considerata come l’ultima espressione del tentativo di pensare la relazione fra l’uomo posto al singolare e l’uomo posto al plurale. All’interpretazione fortemente critica di Platone, Arendt contrappone la positività della figura di Socrate, al fine delineare un diverso modo di concepire e praticare la filosofia rispetto a quello divenuto egemone nella tradizione della filosofia occidentale e, di conseguenza, una possibile conciliazione fra modo di vita filosofico e politico. Il secondo capitolo si propone di mostrare la legittimità della distinzione fra giudizio politico, storico e morale, al fine di comprendere la complessità di significati e funzioni che Arendt andava attribuendo alla facoltà del giudizio. Il capitolo prende in esame la dimensione prettamente politica del giudicare. La chiave utilizzata per approcciare la multiforme facoltà giudicativa è quella della figura dello spettatore, la quale rappresenta l’uomo colto nell’esercizio della sua facoltà di giudicare. Se si danno diverse modalità di giudizio, a seconda degli ambiti dell’umana esperienza coinvolti, vi saranno anche diverse tipologie di spettatorialità. Questa parte del lavoro si confronta con l’interpretazione politica che Arendt offre della terza Critica kantiana. Uno degli intenti perseguiti è quello di mostrare l’insostenibilità della lettura che ha visto in Arendt la presenza di due diverse teorie del giudizio (una che lo considera facoltà relativa alla vita politica e un’altra come componente della vita mentale). Pur riconoscendo differenze e oscillazioni, si è cercato di evidenziare la fondamentale e simbiotica relazione esistente fra l’attore e lo spettatore, nonché una certa unità di fondo nel percorso arendtiano, che non si è mai tradotto in una depoliticizzazione della facoltà di giudicare. L’ultima parte del lavoro prende in considerazione l’aspetto morale del pensiero arendtiano, cercando di evidenziare che cosa significhi giudicare moralmente. Si sono esaminate le questioni relative al male, alla dualità insita nel pensiero e ai suoi effetti etico-politici, all’insegnamento morale socratico e allo spettatore interiore, nonché ai complessi e problematici rapporti che Arendt tratteggia fra il dominio dell’etica e quello della politica. Considerato l’accento che Arendt pone, nella sua interpretazione del giudizio morale, sul giudicare a partire da sé, ossia sull’autonomia in esso implicata, ci si chiede, in sede di conclusione, in che termini sia legittimo parlare di un momento singolare, oltre che plurale, nell’attività giudicativa, avanzando infine la proposta di riconsiderare, nella questione del giudizio, accanto alla categoria della pluralità, anche la dimensione della singolarità.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia morale, Filosofia politica, Tesi

eBook di filosofia: L. Marchettoni, Breve storia della democrazia. Da Atene al populismo

Marchettone

Leonardo Marchettoni, Breve storia della democrazia. Da Atene al populismo

“Scopo del presente volume è ripercorrere la storia delle istituzioni democratiche, dall’esordio classico, nell’Atene del V secolo a.C., alle rivoluzioni borghesi; dal successo della democrazia rappresentativa all’affermazione, nel XX secolo, delle democrazie costituzionali e, infine, dalla crisi contemporanea fino all’ascesa dei partiti populisti. Il libro intende offrire un quadro complessivo che, nella sintesi di una visione d’insieme, abbini la storia delle istituzioni con la storia del pensiero politico, nella convinzione che una simile ottica permetta una migliore comprensione delle dinamiche sottese alla successione degli eventi.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia politica