Archivi tag: lettere

eBook di filosofia: E. Basso, “Une science de fous et de génies” : la phénoménologie psychiatrique à la lumière de la correspondance échangée entre Gaston Bachelard, Roland Kuhn et Ludwig Binswanger

Ludwig Binswanger

Elisabetta Basso, “Une science de fous et de génies” : la phénoménologie psychiatrique à la lumière de la correspondance échangée entre Gaston Bachelard, Roland Kuhn et Ludwig Binswanger

The paper aims to analyze the relationships between Gaston Bachelard’s thought and the psychiatric phenomenology worked out in the German-speaking countries from the 1920s. In particular, we question the link that is established between existential analysis and Rorschach Psychodiagnostic test in the field of Franco-German-speaking psychiatry after WWII. The intellectual and scientific exchanges that take place at the turn of the 1950s between French- and German-speaking psychiatrists and philosophers will guide our analysis to explain the specificity of the epistolary relations between Gaston Bachelard, Ludwig Binswanger and Roland Kuhn. Our study of the relations between psychopathology and phenomenology, centered on the Rorschach, will have both a historical and an epistemological character, insofar as we will show how the French- and German-speaking network that is historically constituted around the collaboration between psychiatrists and philosophers produces significant philosophical effects in the thought of the authors who serve us here as guides.

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, eBook di Filosofia, Lettere, Psichiatria

eBook di filosofia: Correspondance Gaston Bachelard- Ludwig Binswanger (1948-1955)

Bachelard   Ludwig Binswanger
Elisabetta Basso e Emmanuel Delille (a cura di), Correspondance Gaston Bachelard- Ludwig Binswanger (1948-1955)

 

Vi segnaliamo anche

 

“La correspondance échangée par Gaston Bachelard et Ludwig Binswanger entre 1948 et 1955 est conservée aux archives de l’Université de Tübingen (Bade-Wurtemberg), sous la cote 443-51 (Binswanger-Archiv). Les mots ou les lettres dont la transcription n’est pas certaine sont indiqués entre crochets. Par convention, les titres d’ouvrages cités sont en italiques, la ponctuation a été corrigée (avare en virgules, Bachelard néglige aussi souvent le point final de ses phrases) et un nombre limité de notes de bas de page donnent des informations bio-bibliographiques. Nous avons tenté de conserver autant que possible la mise en page des lettres. Celles de Gaston Bachelard, rédigées en français, sont le plus souvent écrites à la main sur du papier à en-tête du Centre d’Histoire des Sciences et des Techniques de la rue du Four, tandis que celles de Ludwig Binswanger, toujours en allemand, sont dactylographiées sur papier libre.

La correspondance commence à l’occasion de l’envoi du premier volume des Ausgewählte Vorträge und Aufsätze (1947) du psychiatre suisse au philosophe français, ainsi que des cas cliniques Ellen West (1944) et Jürg Zünd (1947), deux cas de schizophrénie qui deviendront rapidement, avec trois autres histoires de patients schizophréniques (Ilse, Lola Voss et Suzanne Urban), ses analyses psychopathologiques les plus connues, emblématiques de l’analyse existentielle.

Nous remercions vivement les archives de l’Université de Tübingen de nous avoir transmis ces documents, ainsi que les ayants droits de Gaston Bachelard et Ludwig Binswanger de nous avoir donné leur accord pour les publier.”

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Lettere

eBook di filosofia: The Correspondence of Jeremy Bentham

Bentham

Timothy  L. S. Sprigge ( a cura di), The Correspondence of Jeremy Bentham (5 volumi)

“The first five volumes of the Correspondence of Jeremy Bentham contain over 1,300 letters written both to and from Bentham over a 50-year period, beginning in 1752 (aged three) with his earliest surviving letter to his grandmother, and ending in 1797 with correspondence concerning his attempts to set up a national scheme for the provision of poor relief. Against the background of the debates on the American Revolution of 1776 and the French Revolution of 1789, to which he made significant contributions, Bentham worked first on producing a complete penal code, which involved him in detailed explorations of fundamental legal ideas, and then on his panopticon prison scheme. Despite developing a host of original and ground-breaking ideas, contained in a mass of manuscripts, he published little during these years, and remained, at the close of this period, a relatively obscure individual. Nevertheless, these volumes reveal how the foundations were laid for the remarkable rise of Benthamite utilitarianism in the early nineteenth century. “

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Lettere

eBook di filosofia: W. James, The Letters of William James

james1

William James, The Letters of William James, Volume 1

William James, The Letters of William James, Volume 2

“Fratello dello scrittore Henry, dopo aver studiato in molte univ. americane ed europee, iniziò (1872) la sua carriera come instructor in physiology nella Harvard University, dove fondò il primo laboratorio americano di psicologia sperimentale insegnò fino al 1907. È uno dei maggiori filosofi americani e il principale assertore del pragmatismo, per quanto J. stesso preferisse chiamare la sua dottrina «empirismo radicale». Opere principali: The principles of psychology (2 voll., 1890); Psychology briefer course (1892), compendio dell’opera precedente; The will to believe (1897; trad. it. La volontà di credere); Talks to teachers on psychology and to students on some of life’s ideals (1899; trad. it. Discorsi agli insegnanti e agli studenti sulla psicologia e su alcuni ideali della vita); The varieties of religious experience (1902; trad. it. Le varie forme dell’esperienza religiosa); Pragmatism (1907; trad. it. Pragmatismo: un nome nuovo per certi vecchi modi di pensare); The meaning of truth (1909); A pluralistic universe (1909; trad. it. Un universo pluralistico); Some problems of philosophy (post., 1911); Essays in radical empiricism (post., 1912; trad. it. Saggi sull’empirismo radicale). Le lettere di J. sono state pubblicate dal figlio Henry (2 voll., 1920); gli scritti di parapsicologia e metapsichica sono stati raccolti ed editi postumi da G. Murphy e R.O. Ballou (1960), con il titolo W. James on psychical research.”(tratto da Dizionario di Filosofia, http://www.treccani.it)

 

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Lettere

Ernst Mach Papers: un progetto completato di trascrizione online dell’archivio di Mach

mach

Vi segnaliamo “Ernst Mach Papers“, un progetto dello “Smithsonian Transcription Center”, un centro appunto che affida a volontari “digitali” il compito di trascrivere documenti storici o archivi con la finalità di rendere fruibile online prezioso materiale.

La trascrizione è stata completata e potete quindi visionare l’archivio di Mach conservato presso la Dibner Library of Science and Technology insieme alla trascrizione dei documenti (quaderni, 99 lettere, diagrammi, manoscritti, ritagli di giornali e articoli di riviste).

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, Filosofia contemporanea, Filosofia della scienza, Inventari, Lettere

eBook di filosofia: R. Martinelli, William James e Carl Stumpf. Un rapporto scientifico e personale attraverso le lettere

220px-William_James_b1842c   220px-Carlstumpf

Riccardo Martinelli, William James e Carl Stumpf. Un rapporto scientifico e personale attraverso le lettere

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di Trieste (a.a. 2013/2014)

“William James e Carl Stumpf. Un rapporto scientifico e personale attraverso le lettere Come annuncia senza equivoci il titolo di questo lavoro, tema della nostra ricerca è il rapporto scientifico e personale che William James e Carl Stumpf hanno sviluppato nel corso degli anni, a partire dal loro primo incontro praghese, e che si è realizzato quasi solo del tutto in forma epistolare. Punto centrale è stato (anche) per questa ragione lo studio della loro corrispondenza, attraverso la quale è stato possibile tenere unita la prospettiva cronologica insieme allo sguardo sugli aspetti più rilevanti delle rispettive biografie umane e intellettuali. A questo scopo abbiamo adoperato le lettere di James a Stumpf – quasi tutte interamente pubblicate e dunque accessibili – nonchè ovviamente quelle di Stumpf a James. Essendo queste ultime tuttavia solo parzialmente pubblicate, per ovviare alla mancanza di materiale bibliografico, ci siamo serviti direttamente delle lettere manoscritte (conservate nella biblioteca dell’Università di Harvard e concesse in consultazione), qui interamente trascritte e commentate nell’appendice critica che conclude il lavoro. Si è scelto di pubblicare in questa sede tutte le lettere manoscritte di Stumpf e non solo una selezione delle stesse perché si ritiene che esse, nella loro interezza appunto, siano un luogo privilegiato per la ricostruzione e lo studio del rapporto James-Stumpf. Segue peraltro una sintesi delle risposte di James, inserita pure in appendice allo scopo di aiutare il lettore a mantenere sempre visibile il filo rosso che connota a più livelli questa relazione. Nel corso di tre capitoli si è cercato di ripercorrere rispettivamente le origini, il farsi e il mutare di forma del rapporto James-Stumpf. Il tutto in un’impostazione, la più sfaccettata possibile, capace quindi di rendere conto della varietà che lo caratterizza. Nell’impianto del lavoro si è cercato inoltre di privilegiare non tanto una prospettiva duale volta a proporre il sistema di analogie e differenze scientifiche e intellettuali, quanto piuttosto i diversi livelli di significato di cui questa relazione è portatrice, per quanto – questo sì – siano emersi tanto elementi di compatibilità e di una condivisa tendenza teoretica, quanto segnali di una conflittualità più o meno eclatante. In questo senso è opportuno precisare che se la corrispondenza è stata luogo di studio imprescindibile per la ricostruzione di questo rapporto, il passaggio per alcune delle loro opere è stato in molti casi una necessità, con la conseguenza di una pur necessaria selezione degli argomenti affrontati. Non si è trattato quindi di proporre qui integralmente l’esame del pensiero di James e/o di Stumpf, ma di nuovo di ricostruirne la relazione, passando obbligatoriamente per certi momenti di sviluppo che, anche alla luce della testimonianza delle lettere, sono risultati particolarmente emblematici e significativi.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Lettere

Franz Brentano – Carl Stumpf: die Korrespondenz (1867 – 1917)

Franz_Brentano   220px-Carlstumpf

Nel sito dell’Internationale Franz Brentano Gesellschaft è disponibile: Franz Brentano – Carl Stumpf: die Korrespondenz (1867 – 1917). Si tratta dell’epistolario che comprende  321 lettere di Franz Brentano e Carl Stumpf.

Le lettere (visionabili cliccando sul numero progressivo) sono disponibili nella loro trascrizione e nel loro formato originale. Il progetto è stato realizzato dall’istituto dedicato a Brentato per conto dell’IFBG ed è stato sostenuto dalla German Research Foundation e dalla Fritz Thyssen Foundation. 

 

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia contemporanea, Lettere

Epistolari di René Descartes: bancadati online di diverse edizioni delle lettere di Cartesio

220px-Descartes3

Epistolari di René Descartes è la banca dati online che rende disponibile on line l’edizione dell’epistolario di René Descartes pubblicato nel Seicento da Claude Clerselier (1614-1684), ossia 362 lettere comprendenti 39 lettere latine delle quali viene data anche la versione francese e 19 lettere che non sono di Descartes, insieme a una nuova edizione che comprende le lettere ultimamente ritrovate (in totale 736).

Si tratta, complessivamente, di quattro prodotti (due dei quali sono editati in linguaggio XML e due in formato immagine):

  1. Clerselier I
  2. Clerselier II
  3. Clerselier III
  4. EDeX

“– in XML sono i voll. I, II, III delle Lettres de Monsieur Descartes (Clerselier-XML) che Claude Clerselier aveva dato alle stampe a Parigi tra il 1657 e il 1667 presso l’editore Charles Angot e l’edizione completa delle lettere (Epistolario-EDeX);

– in formato immagine sono gli originali a stampa dell’esemplare (collocazione: n° 14185-14186-14187) custodito presso la Bibliothèque Mazarine (Clerselier I, II, III) e dell’esemplare (Clerselier-Institut I, II, III) custodito presso la Bibliothèque de l’Institut de France (MS 4469-4470-4471). Quest’ultimo corredato di postille manoscritte a margine e di becquets collazionati da Jean-Baptiste Legrand († 1704) e Adrien Baillet (1649-1706) su autografi oggi in gran parte perduti [vedi: Dalle edizioni secentesche alle moderne edizioni].

Clerselier-XML, Clerselier e Clerselier-Institut sono visibili l’uno di fianco all’altro, così da consentire un confronto immediato tra le minute trascritte in Clerselier-XML e stampate in Clerselier da una parte e tra questi due prodotti e gli autografi ricostruiti in Clerselier-Institut dall’altra.

Clerselier-XML riporta in testa a ciascuna lettera l’indicazione delle pp. in cui essa è presente in Clerselier, AT, BLet [vedi: Edizioni di riferimento], Epistolario-EDeX. Di queste stesse edizioni, nel corpo del testo di ciascuna lettera, sono indicati i cambi pagina.

Clerselier-XML è corredato da simboli che consentono la visualizzazione (e l’ingrandimento), mediante una finestra di pop-up, di figure e formule di Clerselier e dei becquets di Clerselier-Institut [vedi: Cosa si può fare].

Clerselier-XML è corredato da due ordini di note: di rinvi infratestuali a Clerselier I, II, III, a Clerselier-Institut e a Epistolario-EdeX; e bio-bibliografiche di informazioni essenziali sui personaggi citati.

L’edizione Clerselier-XML è stata curata da Siegrid Agostini (vol. I e vol. III: pp. 1-21 n.n. e pp. 1-332) e da Francesca Manno (vol. II e vol. III: pp. 332-646). All’edizione hanno collaborato, a vario titolo, Francesca Giuliano, Tania Lovascio, Emanuela Orlando, Alice Ragni, dottorande del dottorato italo-franco-tedesco in Forme e storia dei saperi filosofici. La revisione dei testi francesi è di Véronique Thiebot e Hélène Leblanc.”

In particolare l’Epistolario-EDeX, curato da Chiara Catalano, è una edizione normalizzata secondo la grafia moderna e il cui corpus è stato aggiornato alle più recenti acquisizioni: contiene gli autografi ritrovati da Erik-Jan Bos delle lettere di Descartes a Mersenne (27 maggio 1641) e a Matthias Pasor (26 maggio 1645); sostituisce (lettera n. DCCXXIV) il resoconto della lettera di Descartes a Clerselier del 6 novembre 1649 (Baillet II 387-388) con il testo della lettera (Baillet II 383) non pubblicato né da AT né da BLet. Valentina Pastorelli aveva segnalato nella sua tesi di dottorato (Adrien Baillet: La vie de Monsieur Descartes. L’epistolario cartesiano come trama del testo, Lecce, 5 maggio 2009) la presenza della lettera in Baillet senza precisare che essa non fosse stata mai pubblicata, cosa che, invece, ha fatto Erik-Jan Bos nel corso di una conferenza tenuta ad Uberlandia nel settembre 2013.

Molto utile è Dalle edizioni secentesche alle moderne edizioni, l’introduzione che chiarisce la storia delle edizioni della corrispondenza di Cartesio

 

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Biblioteche digitali, Filosofia moderna, Lettere

Corpus Descartes: online opere e corrispondenza di Cartesio

CorpsuDescartes

Corpus Descartes. Édition en ligne des œuvres et de la correspondance de Descartes è il sito del progetto coordinato da Vincent Carraud dell’Université de Caen Normandie che rende disponibile in rete le opere e la corrispondenza di Cartesio.

Collaborano al progetto il “Centro interdipartimentale di Studi su Descartes e il Seicento” dell’Università del Salento, il “Centre d’Études Cartésiennes” di Paris-Sorbonne con l’équipe “COnstraints, Data mining and Graphs” (CoDaG) del “Groupe de recherche en informatique, image, automatique et instrumentation” (GREYC) dell’Université de Caen e la società Noopsis.

Il corpus online è organizzato in quattro parti:

1. opere pubblicate da Descartes nella lingua originale di edizione:

  • Discours de la methode pour bien conduire sa raison, et chercher la verité dans les sciences. Plus La Dioptrique. Les Meteores. Et La Geometrie. Qui sont des essais de cete methode (1637) ;
  • Renati Des-Cartes, Meditationes de Prima Philosophia, in quibus Dei existentia, et animae humanae à corpore distinctio, demonstrantur. His adjunctæ sunt variæ objectiones doctorum virorum in istas de Deo et anima demonstrationes ; Cum Responsionibus Authoris. Secunda editio septimis objectionibus antehac non visis aucta (1642) ;
  • Epistola Renati Des-Cartes ad celeberrimum Virum D. Gisbertum Voetium. In qua examinantur duo libri, nuper pro Voetio Ultrajecti simul editi, unus de Confraternitate Marianâ, alter de Philosophiâ Cartesianâ (1643) ;
  • Renati Des-Cartes, Principia philosophiae (1644) ;
  • Notae in programma quoddam sub finem Anni 1647 in Belgio editum, cum hoc Titulo : Explicatio Mentis humanae, sive Animae rationalis, ubi explicatur (1648) ; [in preparazione]
  • Les Passions de l’âme (1649).

2. traduzioni delle opere apparse mentre il filosofo era in vita:

  • Renati Des-Cartes, Specimina philosophiae : seu Dissertatio de methodo recte regendae rationis, et veritatis in scientiis investigandae : Dioptrice, et Meteora. Ex Gallico translata, et ab Auctore perlecta, variisque in locis emendata (1644) ; [in preparazione]
  • Les Meditations metaphysiques de René Des-Cartes touchant la Première philosophie, dans lesquelles l’existence de Dieu, et la distinction réelle entre l’ame et le corps de l’homme sont demonstrées. Traduites du Latin de l’Auteur par M. le D. D. L. N. S., et les objections faites contre ces méditations par diverses personnes très doctes, avec les réponses de l’auteur, traduites par M. C. L. R. (1647) ;
  • Les Principes de la philosophie, escrits en Latin, par René Descartes. Et traduits en François par un de ses Amis (1647) ;
  • Geometria, à Renato Des Cartes anno 1637 Gallicè edita ; nunc autem cum notis Florimondi de Beaune, in curia Blaesensi Consiliarii Regii, in linguam Latinam versa, et commentariis illustrata, operâ atque studio Francisci à Schooten, Leydensis, in Academiâ Lugduno-Batavâ, Matheseos Professoris, Belgicè docentis (1649). [in preparazione]

3. opere e lettere pubblicate dopo la morte di Cartesio:

  • Groupement des œuvres dites de jeunesse : Olympica, Experimentata, Cogitationes privatae, Studium bonae mentis, fragment Cartesius et La Recherche de la vérité  ; [in preparazione]
  • Ballet De la naissance de la paix (1649) ;[in preparazione]
  • Compendium Musicae (1650) ; [in preparazione]
  • Passiones animae per Renatum Descartes : Gallicè ab ipso conscriptae, nunc autem in exterorum gratia Latina civitate donatae, ab H. D. M. I. V. L (1650) ;
  • Renatus Descartes, de Homine, figuris et latinitate donatus a Florentio Schuyl […] (1662) ;
  • L’Homme de René Descartes et un Traitté de la formation du foetus du mesme autheur, avec les remarques de Louys de La Forge […] (1664) ; [in preparazione]
  • Le Monde de M. Descartes, ou le Traité de la lumière […] (1664) ; [in preparazione]
  • Regulae ad directionem ingenii (1701).

4. trascrizione dell’edizione Clerselier delle Lettres di Cartesio:

  • Lettres de Mr Descartes où sont traittées plusieurs belles questions touchant la morale, physiqve, medecine et les mathematiqves. Novvelle édition, revev et avgmente. Tome Premier (1663) ;
  • Lettres de Mr Descartes où sont expliquées plusieurs belles difficultez touchant ses autres Ouvrages. Novvelle édition, revev et corrige. Tome Second (1666) ;
  • Lettres de Mr Descartes où il répond a plusieurs difficultez qui luy ont esté proposées sur la Dioptrique, la Geometrie, et sur plusieurs autres sujets.Tome troisiesme, et dernier (1667).

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia moderna, Lettere

Nietzsche-Briefwechsel: l’epistolario di Nietzsche online

nietzsche_brief  Nietzsche1882

Nietzsche-Briefwechsel è la banca dati del Klassik Stiftung di Weimar che rende disponibile in rete l’indice delle lettere scritte e ricevute da Nietzsche dal 1847 al 1900.

Potete fare ricerche per nome del mittente e del destinatario, per luogo, per data, per incipit. Per ogni lettera viene indicato il luogo dove è conservato l’originale (se noto) e i riferimenti bibliografici alle edizioni a stampa. Di alcuni esemplari è presente anche la versione digitalizzata.

 

Lascia un commento

Archiviato in Archivi, Banche-dati, Filosofia contemporanea, Inventari