Archivi tag: Ottocento

Système d’Information en Philosophie des Sciences (SIPS): una banca dati bibliografica free di filosofia della scienza

sips

Il Système d’Information en Philosophie des Sciences (SIPS) è la banca dati bibliografica free che mette a disposizione dei ricercatori, ed anche di un pubblico più ampio, l’insieme dei riferimenti bibliografici (singoli volumi, articoli di periodici, saggi raccolti in volumi collettivi, recensioni, tesi di dottorato…) nel campo della Filosofia della scienza dell’Otto-Novecento.

Ideato dal Centre de documentation et de bibliographie philosophiques (CDBP) dell’Università della Franca Contea (Besançon) – una sezione del Laboratoire de recherches philosophiques sur les sciences de l’action (EA 2274) –, il programma è stato posto in opera alla Maison des sciences de l’homme et de l’environnement (MSHE) Claude-Nicolas Ledoux (USR-CNRS 3124).

Il progetto conta anche sulla collaborazione attiva dei seguenti centri di ricerca :

  1. Philosophy Documentation Center (Charlottesville, Virginia, USA) ;
  2. Institut d’Histoire et Philosophie des Sciences et des Techniques (CNRS UMR 8590, Université de Paris 1 Panthéon-Sorbonne, ENS-Ulm) ;
  3. Laboratoire de Philosophie et d’Histoire des Sciences – Archives Henri-Poincaré (CNRS UMR 7117, Université de Nancy 2) ;
  4. Centre d’Épistémologie et d’Ergologie Comparative (CNRS UMR 7034, Université de Provence) ;
  5. Centro de Filosofia das Ciências da Universidade de Lisboa.
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Bibliografie, Filosofia della scienza

eBook di filosofia: Cahier de traductions de Theodor Lipps

220px-TLipps

Mildred Galland-Szymkowiak  e Natalie Depraz (a cura di), Cahier de traductions de Theodor Lipps

“Ce cahier de traductions de textes de Thedor Lipps (1851-1914) a été conçu en lien direct avec la publication d’un numéro double consacré dans la revue de Métaphysique et de Morale à cet auteur (n° 2017/4 et 2018/1). Les textes traduits relèvent de différents domaines de la psychologie de Lipps : conception de la psychologie, de la conscience et de l’inconscient ; perception et connaissance d’autrui ; esthétique. La première version du cahier sur HAL comprend les traductions associées au premier volume. Une deuxième version sera augmentée des traductions associées au deuxième volume (trad. par N. Depraz, Jean-François Lavigne, Maria Gyemant). Pour la version 1, associée à RMM 2017/4, les textes traduits de Lipps sont les suivants : Leitfaden der Psychologie, Leipzig, Wilhelm Engelman, 3e éd. 1909, p. 48-51, trad. fr. par Natalie Depraz ; Ästhetik. Psychologie des Schönen und der Kunst. I. Teil : Grundlegung der Ästhetik, Leipzig, Voss, 1903, p. 224-243, trad. fr. par Michel Espagne ; Raumästhetik und geometrisch-optische Täuschungen, Leipzig, J. A. Barth, 1897, p. 3-21, trad. fr. par Mildred Galland-Szymkowiak. “

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia contemporanea, Psicologia

eBook di filosofia: W. Dilthey ( a cura di G. Ciriello ), Materiali per il secondo volume della Introduzione alla Scienza dello Spirito

Dilthey1-4

Wilhelm Dilthey ( a cura di Giovanni Ciriello ), Materiali per il secondo volume della Introduzione alla Scienza dello Spirito. Scritti inediti  (1880-1893)

“Com’è noto agli studiosi del pensiero filosofico europeo tra Otto e Novecento, del grande e ambizioso piano diltheyano di una critica della ragione storica condensato in una ponderosa Introduzione alle scienze dello spirito apparve, nel 1883, solamente il primo volume, contenente segnatamente i primi due Libri. Il volume, che qui presentiamo, racchiude in ordine cronologico le varie elaborazioni che, già a partire dal 1880, Dilthey realizzò in funzione della stesura del secondo volume dell’opera, che avrebbe dovuto contenere gli altri quattro Libri, quelli dedicati agli aspetti gnoseologici, logici e metodologici della fondazione filosofica delle cosiddette scienze dello spirito. Un impegno assorbente, che Dilthey perseguirà per tutta la propria vitascientifica, senza risparmio di forza, che gli costerà non poco in termini di salute psico-fisica. In Appendice al volume, che oltre alle elaborazioni di Breslavia contiene anche il noto Progetto di Berlino risalente ai primi anni Novanta, abbiamo ritenuto opportuno inserire anche le due minute della Lettera ad Althoff, databili intorno alla metà del 1882, poiché contengono anch’esse utili osservazioni sulla progettata Introduzione alle scienze dello spirito.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Edizioni critiche, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: G. Miniago, Soggetto trascendentale, mondo della vita, naturalizzazione. Uno sguardo attraverso la fenomenologia di Edmund Husserl

Husserl3

Gabriele Miniago, Soggetto trascendentale, mondo della vita, naturalizzazione. Uno sguardo attraverso la fenomenologia di Edmund Husserl

“L’obiettivo del presente lavoro è una critica teorica della naturalizzazione, condotta in nome non dell’idealismo trascendentale, ma di una nuova fenomenologia della complessità, di cui, con Husserl e oltre Husserl, si ricercano i concetti essenziali. La crisi delle scienze, la tendenza all’oblio dell’esperienza soggettiva e del mondo umano in senso lato, viene perciò ricondotta non all’incapacità di oltrepassare in direzione di un fondamento trascendentale il piano del sapere naturale-obiettivo, ma all’incapacità di permanervi criticamente e di esplorare i molteplici livelli organizzativi di ciò che in esso è dato. Ciò che si intraprende è quindi un affrancamento delle categorie fenomenologiche da un’apprensione idealistica e innaturalistica che le renda efficaci in chiave antiriduzionistica. La critica teorica della naturalizzazione è compiuta nel quadro di un’analisi genealogica e la fa emergere come dispositivo di biopotere, come pratica discorsiva a carattere performativo, il cui risultato, perfettamente funzionale al tardo capitalismo cognitivo, è la produzione quella stessa soggettività naturalizzata che essa enuncia teoricamente. “

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

HyperNietzsche: un sito dedicato a Nietzsche

HN

HyperNietzsche è il sito dell’omonimo gruppo di ricerca internazionale dedicato all’interpretazione e all’edizione dell’opera di Nietzsche.

È concepito come luogo di incontro e di discussione per studiosi di diversi paesi e di diverse scuole e si dedica in particolare a queste attività:

  • Pubblicazione. HyperNietzsche promuove la pubblicazione e la traduzione di edizioni e di studi su Nietzsche, tanto a stampa che in formato digitale. Le edizioni e le opere in formato digitale saranno pubblicate da Nietzsche Source che comprende attualmente due edizioni (l’edizione critica di riferimento e l’edizione in facsimile dell’opera omnia), e la rivista internazionale multilingue Studia Nietzscheana.
  • Informazione. HyperNietzsche raccoglie e diffonde le informazioni che riguardano l’attualità della ricerca nietzscheana. Lo strumento di diffusione scelto per questo compito è il Nietzsche News Center che pubblica regolarmente, in diverse lingue, gli annunci di convegni, giornate di studio, seminari, corsi, conferenze…
  • Discussione. HyperNietzsche organizza regolarmente dei convegni, delle conferenze, delle giornate di studio e degli incontri di lavoro nei diversi paesi a cui appartengono i suoi membri. Ogni due anni verrà organizzato un congresso internazionale, la Biennale Nietzscheana.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Sitografie

A Comprehensive Bibliography of the Published Works of Charles Sanders Peirce with a Bibliography of Secondary Studies

Peirce1

Nel sito del Peirce Edition Project potete trovare la digitalizzazione de “A Comprehensive Bibliography of the Published Works of Charles Sanders Peirce with a Bibliography of Secondary Studies” curata da Kenneth L. Ketner, Christian J. W. Kloesel, Joseph M. Ransdell, Max H. Fisch e Charles S. Hardwick e pubblicata nel 1977 e infine revisionata nel 1986 dal prof.  Ketner sotto l’egida del “Philosophy Documentation Center”.

Si tratta della “Third Digital Edition of The Published Works of Charles Sanders Peirce” ed è articolata in due parti. Le notizie precedute dalla lettera P indicano le pubblicazioni di Peirce (si tratta di articoli e recensioni) mentre quelle precedute dalla lettera O si riferiscono ad articoli e saggi di altri autori su Peirce (fino al 1934).

Lascia un commento

Archiviato in Bibliografie, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: A. P. Olivier, Hegel’s Last Lectures on Aesthetics in Berlin 1828/29 and the Contemporary Debates on the End of Art

Hegel_portrait_by_Schlesinger_1831

Alain Patrick Olivier, Hegel’s Last Lectures on Aesthetics in Berlin 1828/29 and the Contemporary Debates on the End of Art

” The thesis of the “death of art” or the “end of art” is both a central and a structural thesis in Hegel’s Aesthetics and one of the most discussed of his philosophy. One can wonder, nevertheless, how the End-of-Art is compatible, even constitutive of a theory of contemporary art. The problem is both a current and a historical one. In this paper, I try to consider this paradox while returning to the very sources of Hegel’s philosophy, i.e. to what is deemed the origin of the “rumour” of an “end of art” thesis, namely in the letters written by his student and composer Felix Mendelssohn Bartholdy. I take then into account how the thesis appears in the last lecture on aesthetics given by Hegel at the Berlin University in 1828/29, in order to clarify to what extent the thesis is compatible or not with the possibility of modern art, and if Arthur Coleman Danto’s and Dieter Henrich’s assumptions for example are tenable regarding the new sources”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Estetica, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: A. Schopenhauer, Pagine scelte. Scritti sull’amore e sulla morte

Schopenauer1

Arthur Schopenhauer, Pagine scelte. Scritti sull’amore e sulla morte

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

eBook di filosofia: A. Schopenhauer, Saggio sul libero arbitrio

Schopenauer1

Arthur Schopenhauer, Saggio sul libero arbitrio

“Nel Saggio sul libero arbitrio (1840) compreso nei Due problemi fondamentali dell’etica, Schopenhauer si era già pronunziato recisamente contro una libertà intesa come liberun arbitrium indifferentiae. Nello stesso tempo aveva, interpretando a suo modo la dottrina di Kant, riconosciuto la libertà dell’essenza noumenica o intellegibile dell’uomo. A questa soluzione egli si attiene anche nella sua opera principale. Il fenomeno, ogni fenomeno, è sottoposto a una delle forme del principio di ragione; dunque è necessità. Ma il noumeno è al di fuori di quelle forme; dunque è libertà, ed è libertà nel senso più vasto ed esteso, è libertà come onnipotenza. Onnipotente è dunque la volontà in sé, il noumeno di tutte le cose e perciò pure dell’uomo. Ma l’uomo è soltanto un fenomeno della volontà, la quale in sé è una e indivisibile; come può dunque essere libero? Schopenhauer distingue il carattere empirico dell’uomo che è puro fenomeno e quindi necessario e determinato, e il carattere intelligibile, che è un atto di volontà fuori del tempo e quindi indivisibile e immutabile. Il carattere intelligibile si manifesta nelle azioni e determina la sostanza del carattere empirico; ma neppure esso è in potere dell’uomo, perché non è l’uomo a sceglierlo, ma la volontà lo sceglie per lui Al carattere intelligibile e al carattere empirico si aggiunge poi il carattere acquisito, che si forma vivendo, con l’uso del mondo, e consiste nell’astratta e chiara consapevolezza del proprio carattere empirico. In tutto questo, ancora non c’è traccia di libertà. Eppure la volontà è in se stessa libera, e può promuovere nell’uomo e per l’uomo la sua propria liberazione. Ciò accade soltanto nell’atto in cui la volontà stessa perviene “alla piena coscienza di sé, alla chiara ed esauriente conoscenza del suo proprio essere, quale si rispecchia nel mondo”. Ma come questa coscienza della volontà, questa sua autoconoscenza o autoggettivazione, che non può essere che il prodotto della volontà stessa, possa annullare o bloccare la volontà onnipotente, è cosa che Schopenhauer non si ferma a spiegare.” (tratto da learningsources) 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea

Filosofia italiana: una rivista online dedicata alla filosofia italiana

filosofiaitaliana_logoweb

Filosofia italiana è una rivista semestrale online giunta ormai alla terza serie. Il periodico nasce nel 2005 su iniziativa di un gruppo di professori e giovani ricercatori inizialmente basati alla Sapienza – Università di Roma.

“Sin dall’inizio, la rivista si è proposta come una voce contro corrente rispetto all’interesse fortemente prevalente nel nostro Paese per la filosofia di lingua tedesca, inglese e francese. […] I promotori consideravano molto importante che il patrimonio di idee, testi, riviste, dibattiti, riflessioni filosofiche di cui la storia italiana è ricca fosse non solo noto, ma conosciuto a fondo.[…]

Il fatto che esista una filosofia in lingua italiana, radicata nelle vicende della nostra cultura, è appunto un fatto. Questo fatto, dove essere e pensiero (per usare due termini della tradizione metafisica) si tengono in reciproca tensione, è uno degli accessi possibili alla riflessione filosofica.”

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia contemporanea, Periodici