Archivi tag: scienza

Ordered Universe Project: il sito sui testi scientifici di Grossatesta

ordered-universe-logo-1-copy1

Ordered Universe Project è il sito dell’interessante progetto degli atenei di Durham e di Oxford con altri partner internazionali, dedicato allo studio dei testi scientifici di Roberto Grossatesta. Il gruppo del progetto ha curato nel 2013 la pubblicazione del De colore mentre sono in fase di lavorazione le edizioni del De iride, De generatione sonorum e del De liberalibus artibus.

Nel sito potete trovare oltre alle segnalazioni di eventi e al blog connesso al progetto queste risorse significative:

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Bibliografie, eBook di Filosofia, Filosofia della scienza, Filosofia medievale

Catalogo della Corrispondenza di Marin Mersenne

mersenne

All’interno dell’interessante portale Early Modern Letters Online (EMTO), dedicato agli epistolari di età moderna, trovate il Catalogo della Corrispondenza di Marin Mersenne, matematico, filosofo e scienzato in contatto con i più noti filosofi, eruditi e scienziati del suo tempo: N.-C. Fabri de Peiresc, R. Descartes, P. Gassendi, P. Fermat, Pascal padre e figlio, Th. Hobbes, Ch. Huygens, E. Torricelli.

Nel catalogo sono presenti le descrizioni delle lettere, delle biblioteche che conservano il manoscritto e della presenza della versione stampata.

“Mersenne was one of the most active ‘intelligencers’ and intellectual impresarios of the seventeenth century. He is perhaps best known as the friend, correspondent, and agent of Descartes, but his network of personal and intellectual contacts ranged far and wide, including not only philosophers but also mathematicians, musical theorists, medical men, antiquarians, oriental scholars, and theologians — Dutch, English and Italian as well as French, and Protestant as well as Catholic. He acted as midwife to many publications, and wrote significant works of his own on theology, music, and natural philosophy.

Of fairly humble origins (his father was an overseer of farm workers), Mersenne was a pupil at the Jesuit college of La Flèche from 1604 to 1609. After two years studying theology at the Sorbonne he entered the Minim order of friars in 1611. From 1619 until the end of his life (with occasional interruptions) he lived in the Minim convent near the Place royale in Paris. His early publications were, in part or in whole, polemical works, directed against hermeticists and occultists, deists, libertines, and sceptics; his attack on the hermeticist Robert Fludd brought him to the attention of Pierre Gassendi, who became a close friend. During the early 1620s he also became acquainted with Nicolas-Claude Fabri de Peiresc, who introduced him to a wider circle of Parisian intellectuals and became a mentor, and a model, for Mersenne’s own development as an intelligencer. In 1626 Mersenne published the first of his scientific compilations, Synopsis mathematica, a collection of ancient and recent mathematical texts. By this stage he had begun holding weekly scientific discussions in his convent, and developing correspondence with learned men throughout Europe. His close friendship with Descartes apparently dates from the latter’s long stays in Paris in the 1620s; when Descartes moved to the Netherlands in 1628 he entrusted Mersenne with the task of managing all his French correspondence.

During the early 1630s Mersenne was attracted to, and became an active proselytiser for, the ‘new’ mechanistic philosophy. This may have been stimulated by a visit to Isaac Beeckman in the Netherlands in 1630; it was strengthened by prolonged study of the works of Galileo, whose treatise on mechanics Mersenne translated and published in 1634. In the mid-1630s he was also working intensively on musical matters, gathering and publishing a mass of material on almost every aspect of music, from its physics to its history. Mersenne went to great trouble to arrange the publication of Descartes’s Meditationes in 1641, commissioning sets of ‘objections’ from various writers, to which Descartes wrote replies. Two of the objectors were major philosophers deeply opposed to Cartesian principles: Gassendi and Thomas Hobbes (who had first met Mersenne in the mid-1630s, and became a close friend after his move to Paris in late 1640). It was characteristic of Mersenne that he could maintain the most friendly relations with people who were intellectually at daggers drawn; another of his most valued acquaintances was the mathematician Gilles Personne de Roberval, a notoriously outspoken anti-Cartesian.

Mersenne published two important compilations of scientific works in 1644, and a third in 1647; they included treatises by Hobbes and Roberval, and texts by Torricelli. He travelled to Italy in 1644–5, and to the south of France in 1646–7. But after his return to Paris he fell ill, and on 1 September 1648 he died. He left several unpublished manuscripts (an optical treatise was printed in 1651), a mass of correspondence, and grieving friends throughout the learned world. Mersenne was not a major original thinker, but the stimulus he gave to other writers in many fields — by posing problems, transmitting objections, supplying information, brokering contacts, prompting publication or indeed organizing it himself — was absolutely invaluable”.

 

Lascia un commento

Archiviato in Cataloghi, Filosofia della scienza, Lettere

Arts et Savoirs: la rivista online sul rapporto tra arti e sapere scientifico

artsetsavoirs_160×75-160x75

Arts et Savoirs è la rivista online che si interroga con un approccio multidisciplinare (linguistico, epistemologico, testuale) su rapporto tra letteratura e arti con il sapere scientifico. La rivista è pubblicata dal 2012 dal laboratorio pluridisciplinareLISAA (Littératures, Savoirs et Arts) che riunisce ricercatori di letteratura (di lingua francese e ispanica), di linguistica, di filosofia, storia dell’arte, di cinema e di musica.

“Elle accueille des numéros tantôt centrés sur une discipline voire sur une œuvre ou une question particulière, tantôt plus transversaux, communs à plusieurs disciplines. Les travaux peuvent porter aussi bien sur le processus de création ou l’esthétique que sur des œuvres, et faire appel à de méthodes analytiques variées (génétique, intertextualité, épistémocritique).La revue accueillera des numéros tantôt centrés sur une discipline voire sur une œuvre ou une question particulière, tantôt des numéros plus transversaux, communs à plusieurs disciplines. L’objectif d’ensemble demeurera toujours le même : il s’agira à la fois d’étudier la façon dont le savoir s’articule à la vision et à la diction, de comprendre les processus d’invention et l’organisation des œuvres elles-mêmes en les rapportant à un contexte scientifique et technique d’époque, en repérant des savoirs, en étudiant leur mise en texte ou en œuvre, le rôle des agents de transfert et la configuration esthétique des éléments transmutés. Les travaux proposés pourront aussi étudier le rôle de la traduction dans la circulation des savoirs et leur diffusion vers d’autres domaines, le rôle des bouleversements socio-politiques dans les échanges entre les arts et les savoirs, l’influence des mutations techniques dans le domaine de la création, le lien entre les transformations scientifiques et les révolutions esthétiques ou les pratiques d’écriture (littéraire, picturale, musicale). Nous nous interrogerons aussi sur les démarches scientifiques (issues de la philosophie du langage, de la linguistique cognitive, de l’analyse du discours) qui peuvent contribuer à l’analyse du langage et fournir à la linguistique des instruments pour l’étude des discours de savoir. 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Estetica, Periodici, Scienza, Uncategorized

eBook di filosofia: G. Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo

(c) Wellcome Library; Supplied by The Public Catalogue Foundation

Galileo Galilei (a cura di Libero Sosio), Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, Torino, Einaudi, 1970

“Opera di G. Galilei, pubblicata a Firenze nel 1632, causa del processo per eresia intentato contro lo scienziato pisano conclusosi, nel 1633, con l’abiura e la condanna al carcere (poi domicilio coatto). Il dialogo si svolge tra Simplicio, Salviati e Sagredo che sono rispettivamente i sostenitori delle tesi peripatetiche, copernicane e di «messer buon senso». In esso Galilei tenta di dimostrare la verità fisica del sistema copernicano, contro quello aristotelico-tolemaico, definendo la struttura del mondo e del reale sulla base dell’esperienza e dei modelli matematici («sensate esperienze» e «certe dimostrazioni»). La meccanica, celeste e terrestre, viene trattata in base a procedimenti strettamente matematici e geometrici, eliminando le implicazioni della fisica delle qualità, delle virtù occulte o dei processi di simpatia e attrazione qualitative.” (tratto da Treccani.it)

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia della scienza, Uncategorized

eBook di filosofia: Guidobaldo del Monte (1545–1607). Theory and Practice of the Mathematical Disciplines from Urbino to Europe

Cover_medium

Antonio Becchi, Domenico Bertoloni Meli, Enrico Gamba (a cura di), Guidobaldo del Monte (1545–1607). Theory and Practice of the Mathematical Disciplines from Urbino to Europe

Guidobaldo Marquis dal Monte has long been identified as a key figure in the history of the mathematical disciplines in the Renaissance. The contributions brought together in this volume examine all the key aspects of the Marquis dal Monte’s activities, ranging from mechanics and the science of perspective to architecture and geometry. Some of the essays provide intellectual analyses of Guidobaldo’s works, including their significance and reception, others document his activities in the design of mathematical instruments, in civil and military architecture, and in his professional travels and contacts with Galileo. Many of the contributions rely on archival research shedding new light on his activities. As a result, Guidobaldo appears in a new light and as a key figure not only in the Duchy of Urbino, but also on an Italian and European stage.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Scienza, Uncategorized

eBook di filosofia: N. Ambrosetti, L’eredità arabo-islamica nelle scienze e nelle arti del calcolo dell’Europa medievale

300px-Talhoffer_Thott_140r

Nadia Ambrosetti, L’eredità arabo-islamica nelle scienze e nelle arti del calcolo dell’Europa medievale

Per tracciare la storia del calcolo, e in particolare di quello automatico, è necessario ricostruire i principi e i concetti matematici che ne rappresentano il presupposto: questi affondano le proprie radici anche in lontane realtà geografiche e culturali e, una volta entrati in contatto con il mondo occidentale, sono stati alla base della ripresa delle discipline matematiche nel basso Medioevo. L’evoluzione è stata determinata anche dall’importante contributo della cultura scientifica arabo-islamica, che, soprattutto attraverso l’opera dello scienziato al-Khawarizmi, ha rappresentato un vitale presupposto al progresso dell’aritmetica, dell’algebra ed in genere del calcolo, che nei secoli immediatamente successivi avrebbero conosciuto sia una straordinaria crescita di importanza nell’ambito delle scienze teoriche ed applicate, sia una propagazione capillare in tutta Europa. Nel presente lavoro si tratteggia perciò la storia dell’aritmetica a partire dalle teorie dei numeri alto medievali (Marziano Capella, Cassiodoro, Boezio) e, dopo aver descritto gli albori della notazione posizionale in India, se ne presenta la diffusione nel mondo islamico grazie alla figura di al-Khawarizmi. Vengono poi ripercorsi i vari momenti della comparsa in Occidente dei numerali indo-arabici e della loro adozione in varie versioni grafiche; lungo il filo rosso dell’attività di traduzione dei testi arabi (con particolare riferimento alla scuola di Toledo, a Roberto di Chester ed a Gerardo da Cremona) e della successiva tradizione manoscritta latina, si delinea il contributo di molte figure di primo e di secondo piano nella storia della matematica, come Leonardo Fibonacci da Pisa, Sacrobosco, Alexandre de Villedieu, Giordano Nemorario, Regiomontano, Piero della Francesca, Luca Pacioli ed i molti altri che prima in latino, poi nelle lingue nazionali, a livello accademico o nelle scuole d’abaco, hanno divulgato in Europa le tecniche di calcolo di origine araba”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Matematica, Scienza

eBook di filosofia: A. Berzero, M. C. Garbarino (a cura di), La scienza in chiaro scuro. Lombroso e Mantegazza a Pavia tra Darwin e Freud

berzero-garbarino-lombroso-col

Antonella Berzero, Maria Carla Garbarino (a cura di), La scienza in chiaro scuro. Lombroso e Mantegazza a Pavia tra Darwin e Freud

Uguali e diversi, con interessi parzialmente sovrapponibili, una simile curiosità per i fenomeni umani e i misteri della psiche.
Lombroso e Mantegazza vissero a Pavia a metà Ottocento e qui posero le fondamenta di ciò che sarebbero diventati alla fine del secolo, due autentici fenomeni culturali noti in tutto il mondo.
Le loro vite furono ricche di incroci intellettuali: diventarono i maestri del futuro premio Nobel per la Medicina, Camillo Golgi, fondatore delle moderne neuroscienze, di Giulio Bizzozero e Carlo Forlanini, pionieri rispettivamente della biologia cellulare e di un originale trattamento della tisi polmonare e si confrontarono, su temi specifici, con Sigmund Freud e Charles Darwin. Vite complesse e contraddittorie, totalmente immerse nello spirito del tempo.
La loro opera è ripercorsa criticamente nel tentativo di farne emergere i limiti, le contraddizioni, gli errori, ma anche le indubbie originalità”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Scienza

History Making Mobile Robots: cronologia e immagini dei primi robot

TortoiseMaloneP1-80

Se siete interessati agli automi e alla storia della tecnologia, vi segnaliamo il sito History Making Mobile Robots, curato da David Bukley, che contiene una cronologia corredata da immagini dei primi robot realizzati a partire dall’Ottocento.

Per l’ambito italiano, citiamo il sito Robot antenati che riporta progetti di “robot” tratti da riviste italiane del settore, dai primi anni ’60 agli anni ’70.

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia della scienza, Scienza

The Digital Einstein Papers: i primi tredici volumi digitalizzati di tutte le opere di Einstein

 

einstein-hero

The Digital Einstein Papers è il sito open access della Princeton University Press che rende disponibile online The Collected Papers of Albert Einstein, l’opera che raccoglie tutti gli scritti di Einstein, per un totale di  30.000 documenti.

Al momento sono scaricabili i primi 13 volumi pubblicati dell’Einstein Papers Project, che contengono gli scritti e la corrispondenza di Albert Einstein (1879-1955) dalla sua giovinezza al 1923. Gli altri volumi saranno disponibili online dopo la pubblicazione in formato cartaceo.

I testi sono presentati nella loro lingua originale con note in lingua inglese. É inoltre possibile fare ricerche avanzate nel testo dei documenti pubblicati.

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Scienza

eBook di filosofia: de Maupertius, Lettere filosofiche e scientifiche; Lettera sul progresso delle scienze

Portrait_M

de Maupertius (a cura di Federico Focher) , Lettere filosofiche e scientifiche ; Lettera sul progresso delle scienze 

“Le Lettres de M. de Maupertuis, qui riproposte nella loro traduzione settecentesca italiana (dal titolo originale: Lettere filosofiche del sig. di Maupertuis, Traduzione dal francese di Orazio Arrighi-Landini, Venezia 1760), furono pubblicate a Dresda nel 1752. L’opera consiste in una raccolta di brevi lettere scientifiche e filosofiche nelle quali l’autore, allora Presidente dell’Accademia delle Scienze di Berlino, presenta criticamente lo stato dell’arte delle scienze fisiche e naturali al volgere della prima metà del Settecento. Nell’ultima lettera, la celebre Lettre sur le progrès des sciences (considerata uno dei testi più interessanti della metà del secolo), Maupertuis propone innovative, e a volta fantasiose linee di ricerca che avrebbero richiesto l’intervento di finanziamenti governativi. Le Lettres suscitarono la miope ironia di Voltaire, forse geloso del successo di Maupertuis alla corte di Potsdam, e la conseguente rottura dei rapporti tra i due francesi. Particolarmente interessanti sono le Lettere di carattere medico-biologico, per la loro modernità e acutezza. Fra queste si trova la spesso citata Lettera sulla generazione degli Animali, nella quale un Maupertuis ‘evoluzionista’ ante litteram, attraverso un pionieristico studio ‘genetico’ condotto su una famiglia di Berlino, rilancerà la teoria epigenetica contro il preformismo allora imperante.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Scienza