Archivi tag: Banche-dati

Système d’Information en Philosophie des Sciences (SIPS): una banca dati bibliografica free di filosofia della scienza

sips

Il Système d’Information en Philosophie des Sciences (SIPS) è la banca dati bibliografica free che mette a disposizione dei ricercatori, ed anche di un pubblico più ampio, l’insieme dei riferimenti bibliografici (singoli volumi, articoli di periodici, saggi raccolti in volumi collettivi, recensioni, tesi di dottorato…) nel campo della Filosofia della scienza dell’Otto-Novecento.

Ideato dal Centre de documentation et de bibliographie philosophiques (CDBP) dell’Università della Franca Contea (Besançon) – una sezione del Laboratoire de recherches philosophiques sur les sciences de l’action (EA 2274) –, il programma è stato posto in opera alla Maison des sciences de l’homme et de l’environnement (MSHE) Claude-Nicolas Ledoux (USR-CNRS 3124).

Il progetto conta anche sulla collaborazione attiva dei seguenti centri di ricerca :

  1. Philosophy Documentation Center (Charlottesville, Virginia, USA) ;
  2. Institut d’Histoire et Philosophie des Sciences et des Techniques (CNRS UMR 8590, Université de Paris 1 Panthéon-Sorbonne, ENS-Ulm) ;
  3. Laboratoire de Philosophie et d’Histoire des Sciences – Archives Henri-Poincaré (CNRS UMR 7117, Université de Nancy 2) ;
  4. Centre d’Épistémologie et d’Ergologie Comparative (CNRS UMR 7034, Université de Provence) ;
  5. Centro de Filosofia das Ciências da Universidade de Lisboa.
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Bibliografie, Filosofia della scienza

Epistolari di René Descartes: bancadati online di diverse edizioni delle lettere di Cartesio

220px-Descartes3

Epistolari di René Descartes è la banca dati online che rende disponibile on line l’edizione dell’epistolario di René Descartes pubblicato nel Seicento da Claude Clerselier (1614-1684), ossia 362 lettere comprendenti 39 lettere latine delle quali viene data anche la versione francese e 19 lettere che non sono di Descartes, insieme a una nuova edizione che comprende le lettere ultimamente ritrovate (in totale 736).

Si tratta, complessivamente, di quattro prodotti (due dei quali sono editati in linguaggio XML e due in formato immagine):

  1. Clerselier I
  2. Clerselier II
  3. Clerselier III
  4. EDeX

“– in XML sono i voll. I, II, III delle Lettres de Monsieur Descartes (Clerselier-XML) che Claude Clerselier aveva dato alle stampe a Parigi tra il 1657 e il 1667 presso l’editore Charles Angot e l’edizione completa delle lettere (Epistolario-EDeX);

– in formato immagine sono gli originali a stampa dell’esemplare (collocazione: n° 14185-14186-14187) custodito presso la Bibliothèque Mazarine (Clerselier I, II, III) e dell’esemplare (Clerselier-Institut I, II, III) custodito presso la Bibliothèque de l’Institut de France (MS 4469-4470-4471). Quest’ultimo corredato di postille manoscritte a margine e di becquets collazionati da Jean-Baptiste Legrand († 1704) e Adrien Baillet (1649-1706) su autografi oggi in gran parte perduti [vedi: Dalle edizioni secentesche alle moderne edizioni].

Clerselier-XML, Clerselier e Clerselier-Institut sono visibili l’uno di fianco all’altro, così da consentire un confronto immediato tra le minute trascritte in Clerselier-XML e stampate in Clerselier da una parte e tra questi due prodotti e gli autografi ricostruiti in Clerselier-Institut dall’altra.

Clerselier-XML riporta in testa a ciascuna lettera l’indicazione delle pp. in cui essa è presente in Clerselier, AT, BLet [vedi: Edizioni di riferimento], Epistolario-EDeX. Di queste stesse edizioni, nel corpo del testo di ciascuna lettera, sono indicati i cambi pagina.

Clerselier-XML è corredato da simboli che consentono la visualizzazione (e l’ingrandimento), mediante una finestra di pop-up, di figure e formule di Clerselier e dei becquets di Clerselier-Institut [vedi: Cosa si può fare].

Clerselier-XML è corredato da due ordini di note: di rinvi infratestuali a Clerselier I, II, III, a Clerselier-Institut e a Epistolario-EdeX; e bio-bibliografiche di informazioni essenziali sui personaggi citati.

L’edizione Clerselier-XML è stata curata da Siegrid Agostini (vol. I e vol. III: pp. 1-21 n.n. e pp. 1-332) e da Francesca Manno (vol. II e vol. III: pp. 332-646). All’edizione hanno collaborato, a vario titolo, Francesca Giuliano, Tania Lovascio, Emanuela Orlando, Alice Ragni, dottorande del dottorato italo-franco-tedesco in Forme e storia dei saperi filosofici. La revisione dei testi francesi è di Véronique Thiebot e Hélène Leblanc.”

In particolare l’Epistolario-EDeX, curato da Chiara Catalano, è una edizione normalizzata secondo la grafia moderna e il cui corpus è stato aggiornato alle più recenti acquisizioni: contiene gli autografi ritrovati da Erik-Jan Bos delle lettere di Descartes a Mersenne (27 maggio 1641) e a Matthias Pasor (26 maggio 1645); sostituisce (lettera n. DCCXXIV) il resoconto della lettera di Descartes a Clerselier del 6 novembre 1649 (Baillet II 387-388) con il testo della lettera (Baillet II 383) non pubblicato né da AT né da BLet. Valentina Pastorelli aveva segnalato nella sua tesi di dottorato (Adrien Baillet: La vie de Monsieur Descartes. L’epistolario cartesiano come trama del testo, Lecce, 5 maggio 2009) la presenza della lettera in Baillet senza precisare che essa non fosse stata mai pubblicata, cosa che, invece, ha fatto Erik-Jan Bos nel corso di una conferenza tenuta ad Uberlandia nel settembre 2013.

Molto utile è Dalle edizioni secentesche alle moderne edizioni, l’introduzione che chiarisce la storia delle edizioni della corrispondenza di Cartesio

 

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Biblioteche digitali, Filosofia moderna, Lettere

Project Agon: bibliografia e banca dati sulle “dispute” di età moderna

AGON

Il Project Agon. La dispute: cas, querelle, controverse and création à l’époque moderne è l’interessante progetto di ricerca online sulle dispute che videro “fronteggiarsi” in età moderna in Francia e in Inghilterra letterati, filosofi e scienziati e sul loro rapporto con la produzione scritta.

All’interno del ricco sito vi segnaliamo:

  • la bibliografia
  • la banca dati AGON che riporta per ogni voce le informazioni sulle dispute (partecipanti, cronologia, bibliografia, documenti…). É possibile fare ricerche per persona, data, tema e scorrere tutte le dispute inserite.

“The major debates of the early modern period probed epistemological, religious and philosophical questions. They divided scholars and intellectuals across the Republic of Letters. These conflicts were both local and had repercussions throughout Europe, were formulated in a variety of genres from treatises to correspondence, periodicals to pamphlets. They grew out of meetings and discussions in salons, clubs, Academies and cafés. It is thus essential to get a sense of the practices and interactions at play in these milieu: the developing literary field in France is characterised by both the world of the salons (a female, mondain space), and that of the academies (a male, scholarly space); but the querelles tended to transcend these two worlds.  In England, the spaces of cultural and literary interaction were different, composed of coffee-houses, clubs, academies and societies. But in both countries, the modus operandi of these spaces encouraged participants to think about their practice, and sometimes, their discipline. Distinctions between areas of knowledge, between ways of thinking and writing were debated, giving rise to new conceptions of genre and discipline.”

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Bibliografie, Filosofia moderna

Lessico delle Passioni: il sito sul dibatttito sulle passioni in età moderna

lessico_passioni

Lessico delle Passioni è il sito e il progetto dell’Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee (ILIESI), diretto da Pina Tortarolo, che è è finalizzato alla memorizzazione e archiviazione di testi filosofici di vari autori, in lingua latina, italiana, francese e inglese, allo scopo di approfondire motivi filosofici, questioni metodologiche e problemi terminologici relativi al dibattito sulle passioni tra XVII e XVIII secolo, con particolare attenzione agli slittamenti semantici prodotti dalle traduzioni in altra lingua.

Il sito permette il confronto terminologico tra le Passiones animi di Descartes, il De l’usage des Passions di Jean François Senault, alcune opere di Hobbes, il Systeme de l’Ame di Marin Cureau de la Chambre e l’Ethica di Spinoza.

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Filosofia moderna

Thesaurus Linguae Graecae (TLG): sezioni free

TLG_grande

Il Thesaurus Linguae Graecae (TLG) è una ricca biblioteca digitale di testi della Grecia antica, frutto del lavoro di studio dello Special Research Program istituito nel 1972 presso l’Università della California a Irvine.

La banca dati offre un accesso gratuito (previa iscrizione) al Canon of Greek Authors and Works e all’abridged version of the TLG (versione ridotta con più di 100 cento autori e mille testi disponibili e ricercabili).

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, eBook di Filosofia, Filosofia antica

Salons: la banca dati dei cataloghi dei Salons francesi (dal 1673 al 1914)

Salons

Salons è la banca dati che rende accessibile e ricercabile il contenuto testuale dei “livrets” dei “Salons” artistici parigini (Salons des Artistes français, Société nationale des Beaux-Arts, Salon d’Automne…), delle regioni e delle principali esposizioni di movimenti artistici (expositions impressionnistes, Rose-Croix…) tra il 1673 e il 1914.

Al momento, nella banca dati sono stati indicizzati più di 200 cataloghi per un totale di 210.000 notizie bibliografiche. Potete fare ricerche testuali o scorrere l’elenco di tutti i “livrets” spogliati.

 

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Cataloghi, Estetica

Thesaurus Musicarum Latinarum: il corpus di teoria musicale dal Medioevo al Rinascimento

TML

Thesaurus Musicarum Latinarum è l’interessante database che contiene l’intero corpus di teoria musicale, scritta in latino, dal Medioevo al Rinascimento. Questa preziosa risorsa è curata dal “Center for the History of Music Theory and Literature” dell’Indiana University di Bloomington.

Al momento, è online una versione beta a causa di un attacco informatico ma è in preparazione la versione definitiva con nuove funzionalità.

Potete fare ricerche libere o scorrere l’elenco cronologico.

1 Commento

Archiviato in Banche-dati, Filosofia della musica

Gnomon Bibliographische Datenbank: la banca dati bibliografica sull’antichità classica

Gnomon

Lo Gnomon Bibliographische Datenbank è la ricca banca dati bibliografica online sull’antichità greco-romana vista in una prospettiva multidisciplinare.

La versione online di Gnomon mette a disposizione i riferimenti bibliografici dell’omonima banca dati a partire dal 1997.

Il punto di riferimento della “Banca dati bibliografica Gnomon” è la rivista Gnomon (»Gnomon. Kritische Zeitschrift für die gesamteklassische Altertumswissenschaft«; da 1, 1925, fino a 80, 2008). Questa banca dati comprende non solo tutte le recensioni, ma anche le sezioni Personalnachrichten e Nachrufe.
“Gnomon” viene aggiornata includendo integralmente i supplementi bibliografici quadrimestrali di»Gnomon« (Bibliographische Beilage) dal 1990. In questo modo, si rende accessibile una parte considerevole delle nuove pubblicazioni scientifiche dei settori della filologia classica, della storia antica e dell’archeologia. L’aggiornamento di »Gnomon« e del supplemento si amplia anche all’inclusione, a ritroso e per alcune parti già completa, di un vasto numero di riviste; l’attuale estensione di questi contenuti può essere consultata con la visualizzazione del Thesaurus cumulativo.
Una parte importante dei dati è costituita da recensioni che conducono direttamente anche al titolo recensito.
La banca dati bibliografica »Gnomon« offre, oltre a includere in modo aggiornato nuove pubblicazioni, molte informazioni a cui non è possibile avere accesso in »Année Philologique«, »Database of Classical Bibliography« o »Dyabola«.

A questo proposito si possono citare le tesi di dottorato tedesche non in commercio, gli abstract di tesi di dottorato inglesi dal 1985 in poi e le nuove acquisizioni relative alle Scienze dell’Antichità della Biblioteca di Stato Bavarese (Bayerische Staatsbibliothek; con riferimento ai Sondersammelgebiet 6, 12: Klassische Altertums-wissenschaft”) e della Biblioteca Universitaria di Eichstätt

Potete fare ricerche libere per parole chiave, per autore, anno di edizione e titolo combinando anche questi campi.É possibile inoltre scorrere le numerose liste presenti in linea (per autori, collana, ISSN, lingua, luogo, tesi online, riviste open access, risorse online e video).
I riferimenti bibliografici sono privi di abstract e non comprendono il testo delle recensioni, per il quale è necessario quindi fare riferimento alla rivista.

1 Commento

Archiviato in Banche-dati, Bibliografie, Filosofia antica, Uncategorized

data.bnf.fr: dati di autori e opere con link a digitalizzazioni della Biblioteca nazionale di Francia

data-bnf-fr_comment-ca-marche

data.bnf.fr è l’interessante progetto online della Biblioteca nazionale di Francia che consente di ottenere in un’unica schermata i dati catalografici di autori e opere tratti dal catalogo della grande biblioteca francese insieme ai link alle versioni digitalizzate di testi, riviste e archivi. In questo modo la biblioteca si propone di facilitare l’accesso alle sue numerosissime risorse.

Nell’aprile del 2015 erano presenti:

890 000 pages about authors (persons and organizations). This includes all the existing organizations described in the main catalogue, and all the authors that have published a document in 2014. Data.bnf.fr therefore contains:

  • 890 000 persons and organizations
  • All the Rameau subject headings
  • All the periodicals, places and performances described at BnF

This new version also provides 17 500 links between themes and places, using a refined algorithm to create them

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Biblioteche digitali, Uncategorized

CWKB knowledge base: il database con i link a più di 5.000 testi classici

libri biblioteca

Il CWKB knowledge base è il database che presenta i link a 5.299 testi di ambito classico, per un totale di 1.550 autori, attingendo a queste banche dati:

  • the Classical Latin Texts of the Packard Humanities Institute (PHI Latin Texts);
  • the Greek and Roman Texts (Perseus Digital Library);
  • the Library of Latin Texts – Series A (LLT-A) di Brepols Publishers [licensed];
  • the Thesaurus Linguae Graecae (TLG) [licensed] e l’Abridged Online TLG.

 

Lascia un commento

Archiviato in Banche-dati, Filosofia antica, Uncategorized