Archivi tag: filosofia della scienza

eBook di filosofia: I. Lakatos, Modern Physics, Modern Society

lakatos-cropped-Wx786-669x272

Imre Lakatos, Modern Physics, Modern Society

“Imre Lakatos’s philosophy of science is rooted in a number of different fields, and not all of them are purely scientific. During his years of education, he was influenced by mathematics and natural sciences as well as by philosophy, but the role of political ideologies cannot be denied. His basic philosophical ideas – such as the rationality of science, the continual growth of knowledge, the social determinism of scientific activities, and the indispensable role of historical attitude in the philosophy of science – are definitely in accordance with his early devotion to Marxism (and Lukacs’s philosophy) both in theory and in practice.

One can easily find clear evidences that Lakatos saw basic connections between the theoretical sciences he studied and the practical principles he followed in politics. This is clearly demonstrated by the early papers he published in different journals, and it must have played an important role in the doctoral dissertation he wrote in 1947. Unfortunately, no copy of this dissertation can be found now. There are several assumptions as to when and why the paper disappeared, but most probably Lakatos himself might have “stolen” it some time before leaving Hungary in 1956. Later he hinted several times that he was rather unsatisfied with it, regarded it as “immature”, and he also said that he would not have minded if nobody had ever seen it. After some failures to find it, we have good reasons to believe that the dissertation is lost for ever.

Fortunately, we are not left without traces of the contents of this work, because it seems that important parts of it were published while it was being written. Sándor Karácsony, one of the most influential of Lakatos’s teachers in the university, the opponent of the dissertation, evaluated it in July 8, 1947 with the following words:

“I got interested in the foregoing scientific activities of this young man, and not least because I read most of them at the moment they were published. Now I see all of Imre Lakatos’s work in unity, and I deem that it comes up to the standard. His dissertation is not a sudden idea, it was matured by two previous publications, both in very serious journals. The first was published in Athenaeum under the title A fizikai idealizmus bírálatai, and the second came out in a thick volume written to teachers: Továbbképzés és demokráciaii, entitled Modern fizika, modern társadalomiii.”

Here we can skip a list of Lakatos’s early publications cited by Karácsony in the evaluation. We continue the quotation, however, with mentioning another important paper, since its topic – education – was extremely important for Lakatos at this time, and formed the subject of a lot of his investigations. Karácsony writes:

“The journal Embernevelésiv also published a paper by Lakatos, which had the title: Demokratikus nevelés és természettudományos világnézetv. Its most essential statement is: democratic education teaches humbleness towards the facts, it teaches the desire to face reality instead of mere views. The original democracy of natural sciences is to be emphasised: their facts and theories can be controlled by anyone, and this control drives them forward.

The foregoing scientific works of Imre Lakatos are based on dialectic Marxism, but in its modern and not orthodox form. And it is only a base, since he himself has original and particular things to say, and more now than earlier. His originality is increasing. The philosophy behind all of his opinions is consistent and systematic.”

Now, if we compare the two papers mentioned by Sándor Karácsony as the preliminaries of the dissertation, we come to see that the essential body of the earlier one (The Criticism of the Physical Idealism) is almost literally identical to a great part of the longer paper (Modern Physics, Modern Society). The small differences are either stylistic or explanatory, since the journal Further Education and Democracy, an ideological collection of writings for supporting teachers (published by the Ministry of Religion and Education), served more popular purposes than the rather scientific Athenaeum, the journal of the Hungarian Academy of Sciences and the Hungarian Philosophical Society. Naturally, it is very likely that this text contains most of young Lakatos’s essential thoughts and ideas concerning the position, the development and the function of science, and it is reasonable to suppose that it formed an important part of the lost dissertation entitled A természettudományos fogalomalkotás szociológiájárólvi.

The Criticism of the Physical Idealism is a critical essay discussing Susan Stebbing’s book Philosophy and the Physicists (London, Pelican, 1943). Lakatos, however, criticises not only Stebbing’s analyses of Eddington’s and Jeans’ idealism, but he also adds his own criticism of the two scientists’ world views that he considers as typical examples of the “bourgeois” science. Instead of focusing on the immanent development of science, he decides to look for explanations outside of science. He emphasises the indispensable role of sociological and economic influences on scientific concept building, and he concludes that the world view of a given scientific age or community is nothing more than a historical category. The whole argumentation appears again in Modern Physics, Modern Society, supplemented by some further ideas and more loose associations: the context becomes broader and the investigations more fundamental. Here we are given a deeper (Marxist and Lukacsian contra Hegelian) analysis of the “dialectical structure” of the modern scientific view determined by social relations and motions. And if we imagine that we go further in this direction, then we must be very close to the text of the lost dissertation.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia della scienza

Transversal. International Journal for the Historiography of Science

logo-transversal

Transversal: International Journal for the Historiography of Science è la giovane rivista online semestrale pubblicata dal “Graduate Program” in “Science and Culture in History” dell’Universidade Federal de Minas Gerais.

La rivista pubblica saggi e articoli di storiografia della scienza vista da diverse prospettive, compresa quella filosofica.

“Although historiography of science is a sub-discipline of History, we construe this subject broadly to include analysis of the historiography of science produced by history of science, philosophy of science and related disciplines. By focusing its analysis on the different historical, social and epistemological implications of science, historiography of science is a transversal knowledge with respect to the production of science, hence the name of this journal.”

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia della scienza, Periodici

eBook di filosofia: C. Motta, L’evoluzione delle capacità mentali e del senso morale nell’uomo e negli altri animali

darwin

Costanza Motta, L’evoluzione delle capacità mentali e del senso morale nell’uomo e negli altri animali. Un percorso di continuità tra David Hume e Charles Darwin 

Tesi di laurea triennale. Relatore: prof. Giulio Giorello

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Etica, Filosofia della scienza, Tesi

eBook di filosofia: C. R. Palmerino J. M. M. H Thijssen, The Reception of the Galilean Science of Motion in Seventeenth-Century Europe

(c) Wellcome Library; Supplied by The Public Catalogue Foundation

Carla Rita Palmerino J. M. M. H Thijssen, The Reception of the Galilean Science of Motion in Seventeenth-Century Europe

1 Commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia della scienza

Argumentos de Razón Técnica: la rivista online sui rapporti scienza-società

argumentos

Argumentos de Razón Técnica. Revista española de ciencia, tecnología y sociedad, y filosofía de la tecnología  è la rivista online bilingue anglo-spagnola interessata alla realazioni e all’impatto delle conoscenze scientifiche sulla società.

“Su objetivo central es integrar perspectivas de investigación tanto sobre problemas epistemológicos, históricos y éticos, como acerca de las dimensiones sociopolíticas, socioeconómicas y socioculturales de la investigación científica y tecnológica. Se pretende por tanto promover el estudio y la reflexión sobre uno de los ejes fundamentales de la cultura y sociedad contemporáneas mediante la convergencia de la “cultura de las humanidades” con la “cultura científica y tecnológica”. Quiere fomentar de ese modo la conjunción de puntos de vista, tanto de científicos y tecnólogos, interesados en un mejor entendimiento de las implicaciones sociales de su trabajo, como de filósofos, historiadores y sociólogos de la Ciencia y de la Tecnología; y asimismo de economistas, juristas, científicos sociales y profesionales que traten algunos de los múltiples aspectos de las relaciones entre Ciencia, Tecnología y Sociedad.”

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia della scienza, Periodici

Edizione nazionale Ruggiero Giuseppe Boscovich: la versione online delle opere di Boscovich

220px-Rudjer_Boskovic

L’Edizione nazionale Ruggiero Giuseppe Boscovich è la biblioteca digitale che riporta online le Opere a stampa e la Corrispondenza dello scienziato gesuita.

“L’Edizione Nazionale boscovichiana intende testimoniare l’attività di Boscovich in tutti i suoi aspetti, svelandone contemporaneamente – attraverso la pubblicazione della Corrispondenza, che conta oltre tremilatrecento lettere – la “rete” di rapporti con i maggiori scienziati e uomini di cultura europei.”

Nel sito vi segnaliamo anche la presenza della Cronologia boscovichiana e di una scelta di biografie.

“R.G. Boscovich nacque nel 1711 a Ragusa in Dalmazia, città allora centro dell’omonima Repubblica marinara, oggi Dubrovnik (Croazia), da padre croato e da madre italiana. Fu inviato quattordicenne a proseguire gli studi a Roma presso il Collegio Romano della Compagnia di Gesù, dove, a meno di trent’anni, divenne uno dei più illustri insegnanti sulla cattedra di matematica e geometria, comprendente allora anche astronomia e parte della fisica. Tra il 1740 ed il 1762 si occupò dei più diversi problemi di matematica, fisica, geodesia ed idraulica, ai quali si interessavano anche i più importanti geometri e fisici europei. Per la sua produzione scientifica, Boscovich si può a ragione ritenere come il maggiore rappresentante dell’enciclopedismo italiano, e tra i principali di quello europeo, assieme per esempio a Clairaut, Eulero, d’Alembert. Inoltre, assunse importanti incarichi diplomatici che lo introdussero e resero noto in molti ambienti culturali e diplomatici europei. Morì nel 1787 a Milano.

Le sue originali ricerche matematico-geometriche (per primo dettò le formule di trigonometria differenziale), e meccanico-astronomiche, prima e dopo la scoperta di Urano, ebbero all’epoca notevole risonanza, ma non furono in seguito giustamente valorizzate, come pure le sue ricerche nel campo della filosofia naturale, con la geniale sintesi del pensiero newtoniano e leibniziano, ed il tentativo di unificazione di tutte le forze fisiche allora note, comprese quelle nuove relative ai fenomeni elettrici e magnetici. Boscovich è il fondatore della moderna rifrattometria e della sferometria ottica, ma le sue ricerche di ottica solo di recente hanno trovato una giusta e parziale valorizzazione. Tra i motivi, e forse il maggiore, che impedirono di vedere apprezzate le sue intuizioni e i suoi studi fu il suo dover far fronte alle numerose difficoltà derivanti, essendo egli gesuita, dalla mancanza di una difesa istituzionale e culturale, di cui godettero invece molti scienziati in Francia ed in Gran Bretagna.

Dal lavoro in corso di svolgimento da parte della Commissione Scientifica dell’Edizione Nazionale diventa sempre più evidente come Boscovich sia stato uno scienziato tra i primi in Europa, fondatore di nuove scienze e tecniche che altri hanno poi seguito e sviluppato, pensatore che ha influenzato in modo sostanziale il successivo dibattito scientifico-filosofico europeo, cosa forse un po’ più nota all’estero che in Italia. Come scrive J. Barrow, “egli fu il primo a concepire, a ricercare e a proporre una teoria matematica unitaria di tutte le forze di natura: la sua legge continua della forza fu la prima teoria del tutto avente carattere scientifico. Forse, nel diciottesimo secolo, soltanto un uomo versatile come Boscovich, capace di unire con successo attività intellettuali e amministrative in ogni area del pensiero e della vita pratica, poteva concepire l’idea che la natura stessa fosse altrettanto multiculturale” (J.D. Barrow, Teorie del tutto, Adelphi 1991).”

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Cronologia, eBook di Filosofia, Filosofia della scienza, Lettere, Scienza

eBook di filosofia: G. Bachelard, The Formation of the Scientific Mind

Bachelard

Gaston Bachelard, The Formation of the Scientific Mind

” La sua riflessione sulla scienza muove dall’inadeguatezza sia dell’idealismo sia dell’epistemologia positivistica dopo la rivoluzione nella fisica contemporanea. Contro la concezione razionalista di un sapere scientifico defi-nitivo, unitario e continuamente in aumento Bachelard sostiene un’interpretazione storica della scienza in cui si riconosce la presenza di rotture radicali, l’importanza degli errori e il ruolo centrale di una ragione applica-ta da cui derivano le nuove ipotesi (Le pluralisme coherent de la chimie moderne, 1932; Le nouvel esprit scientifique, 1934, trad. it. Il nuovo spirito scientifico; La dialectique de la duree, 1936; L’experience de l’espace dans la physique contemporaine, 1937; La formation de l’esprit scientifique: contribution a une psychanalyse de la connaissance objective, 1938; La philosophie du non, 1940, trad. it. La filosofia del non; Le rationalisme applique, 1949, trad. it. Il razionali-smo applicato; L’activite rationaliste de la physique contemporaine, 1951; Le materialisme rationnel, 1953). Differenziandosi dalle posizioni del positivismo e del neopositivismo, Bachelard considera inerente alle scoperte scientifiche, la cui genesi non gli si mostra riducibile alla sola razionalità, l’attività dell’immagi-nazione. Questa è però anche all’origine degli «ostacoli epistemologici» che egli vede contrapporsi al procedere della razionalità scientifica stessa. Al fine di giustificare tale contraddittorietà interna allo sviluppo scientifico, Bachelard allarga il suo campo di indagine allo studio dell’attività dell’immaginazio-ne nel suo complesso: cioè quale si esprime non solo nella scienza, ma anche nella poesia e, in genera-le, nell’animo umano. L’interpretazione di tali am-biti dell’immaginario è infatti complementare alla critica dell’indebito inserirsi dell’immaginazione nella razio-nalità scientifica. Un’ampia parte della pro-duzione di B. è poi dedicata a ricostruire la genesi della poesia con un’impostazione che applica alla creazione fantastica alcuni suggerimenti della psica-nalisi freudiana” (tratto da Treccani.it)

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia della scienza

Philosophia Scientiæ: la rivista online dedicata alla filosofia delle scienze

esquisse_poincare

Philosophia Scientiæ. Travaux d’histoire et de philosophie des sciences è la rivista con comitato di redazione che pubblica articoli e saggi di epistemologia, storia delle scienze, filosofia delle scienze e filosofia analitica.

La rivista accoglie studi che riguardano la matematica, la fisica e la logica ma è aperta anche ad altri ambiti disciplinari. Uno dei temi “forti” della rivista è senza dubbio il contributo franco-tedesco all’epistemologia e in generale alla storia delle scienze.

Trovate online i numeri di tutte le annate esclusi i numeri degli ultimi tre anni.

Lascia un commento

Archiviato in Filosofia della scienza, Periodici, Uncategorized

eBook di filosofia: L. Vercelloni, Filosofia delle strutture

matematica-1

Luca Vercelloni, Filosofia delle strutture, Firenze, La Nuova Italia, 1989

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Uncategorized

eBook di filosofia: Hugo Dingler, Method instead of Epistemology and Philosophy of Science

DinglerHugo_1

Hugo Dingler, Method  instead  of  Epistemology  and  Philosophy  of  Science, in  “Science  in  Context” 2, no. 2(1988) pp.  369–408 [pubblicato originariamente in “Kant-­Studien  41(1936), pp. 346–379]. Tradotto da Peter  McLaughlin

Professore alla Technische Hochschule di Darmstadt (1932-34), si occupò soprattutto di logica e metodologia delle scienze, tendendo ad avvicinare il convenzionalismo scientifico al kantismo. Uno dei maggiori esponenti dell’«operazionismo europeo», ne accolse l’assunto di fondo secondo cui il significato di un concetto coincide con l’insieme di operazioni mediante il quale è applicato, per arrivare a una definizione operativa univoca degli oggetti della fisica e della matematica. Alla base delle scienze fisico-matematiche vi sarebbe, secondo D., un sistema di principi metodologici che costituiscono i presupposti logici ed epistemologici della sperimentazione scientifica, configurandosi come una sorta di a priori che trascende la verificazione empirica. La gnoseologia pragmatico-operazionista di D. approda quindi a una «metafisica» il cui nucleo volontaristico – una filosofia della vita e dell’azione – verrà sistematicamente esteso a riflessioni etiche, ontologiche e filosofico-religiose (Metaphysik als Wissenschaft vom Letzten, 1929). Alcuni elementi delle teorie filosofiche di D. verranno ripresi e sviluppati dalla scuola costruttivista di Erlangen fondata da Paul Lorenzen. Tra le altre opere: Geschichte der Naturphilosophie (1932; trad. it. Storia filosofica della scienza); Die Methode der Physik (1938; trad. it. Il metodo della fisica); Über die Geschichte und das Wesen des Experimentes (1952).”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Epistemologia, Filosofia della scienza