Archivi categoria: Filosofia moderna

Cambridge Platonism Sourcebook: opere online dei “Platonici di Cambridge”

H. Moore

Cambridge Platonism Sourcebook è l’omonimo portale che rende disponibili in rete le opere dei “Cambridge Platonists“:  Anne Conway (1631-1679), Ralph Cudworth (1617-1688), Henry More (1614-1687), John Smith (1618-1652) e Benjamin Whichcote (1609-1683)

“The Sourcebook contains the full text of Conway’s Principia (1690) and its 1692 English translation, as well as extensive excerpts from the British Library Cudworth manuscripts, including a draft version of the introduction to the unpublished second part of Cudworth’s True Intellectual System of the Universe (a draft probably written c. 1671). It contains the Latin texts and first complete English translation of Henry More’s letter correspondence with Descartes, together with other important but previously untranslated works by More, including More’s critique of Jacob Boehme in his Philosophiae Teutonicae censura (1679). The Sourcebook also contains John Smith’s complete Select Discourses (1660) and the complete text of an influential set of letters between Whichcote and Antony Tuckney (written 1651; published 1753). 

Nel portale trovate i testi trascritti (molti inediti) insieme a introduzioni sui singoli pensatori.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna

eBook di filosofia: Una Lampada nella notte [:] L’Ars inventiva per triginta statuas di Giordano Bruno

bruno

Lucia Vianello, Una Lampada nella notte [:] L’Ars inventiva per triginta statuas di Giordano Bruno

Tesi di dottorato discussa presso l’Università di Padova (2014)

Il trattato noto come ‘Lampas triginta statuarum’ di Giordano Bruno, oggetto della mia dissertazione, è uno scritto rimasto inedito e pubblicato solo nel 1891 da Felice Tocco e Girolamo Vitelli nel terzo volume degli Opera latine conscripta.
La sua composizione risale al periodo trascorso da Bruno a Wittemberg (1586-88). Nell’Accademia della città tedesca egli insegnò come docente privato, leggendo l’Organon di Aristotele. In quegli anni diede alle stampe altre due ‘Lampadi’ oltre a questa: il De Lampade combinatoria Lulliana (un commento dell’Ars Magna di Lullo) e il De progressu et Lampade venatoria logicorum (un compendio dei Topici). Con la sua Lampas triginta statuarum, che completa la trilogia, egli intendeva perfezionare gli strumenti logici tradizionali, sia di matrice aristotelica e “Porfiriana” che di derivazione lulliana.
Il trattato è trasmesso nella sua prima redazione dal Codice di Augusta (A), insieme al testo a stampa del De Lampade combinatoria Lulliana e al manoscritto delle Animadversiones circa Lampadem Lullianam, redatto sulla stessa carta e con lo stesso inchiostro della Lampas da un ignoto copista, un allievo tedesco di Bruno. Il Codice A, conservato nella Biblioteca di Augsburg, apparteneva probabilmente ad Heinrich Heinzel, al quale Bruno dedicò l’ultima opera da lui pubblicata, il De imaginum, signorum, et idearum compositione (Francoforte, 1591) che, benché più tarda, è per molti aspetti legata alla Lampas
Lasciata Wittemberg nel 1588, ad Helmstedt (1589-90) il filosofo si dedicò alla composizione di alcuni testi (De magia e Theses de magia, De rerum principiis et elementis et causis, Medicina Lulliana, De magia Mathematica) rimasti inediti e raccolti nel Codice di Mosca (M), insieme ad una seconda redazione della Lampas triginta statuarum e al De Vinculis in genere. Il Codice di Mosca, o Codice Norov, dal nome del nobile russo Avraam Sergeevic Norov che lo acquistò per la sua collezione dal libraio Edwin Tross nell’Ottocento, contiene alcune pagine autografe, ma per la maggior parte è di mano di Hyeronimus Besler.
Nell’autunno del 1591, durante il soggiorno patavino di Bruno, Besler trascrisse il De Vinculis, abbozzato a Francoforte, e copiò il trattato di ‘ars inventiva per triginta statuas’. In quest’opera il filosofo Nolano abbandona i toni aspri della polemica diretta contro gli aristotelici del suo tempo per aprirsi ad un dialogo e un confronto serrato con la tradizione, in special modo aristotelico-scolastica, che viene condotto attraverso l’analisi in profondità di trenta concetti in uso nell’esercizio del filosofare, simboleggiati da trenta possenti statue di figure mitologiche
Sotto questo profilo l’opera presenta la struttura di un dizionario di termini filosofici (per il quale Bruno sembra ispirarsi al V libro della Metafisica di Aristotele) e mostra affinità con un altro testo, composto più tardi a Zurigo e rimasto inedito (venne pubblicato postumo dal suo allievo Raphael Egli in due edizioni, nel 1595 e poi nel 1609 con la sezione Praxis descensus seu applicatio entis): la Summa terminorum metaphysicorum, un “trattato di nomenclatura filosofica” (secondo l’espressione di Erminio Troilo) nel quale vengono esaminati cinquantadue categorie concettuali appartenenti al lessico aristotelico-scolastico.
Nei Centum et viginti articuli de natura et mundo adversus Peripateticos (l’opuscolo programmatico della disputa di Cambrai che ebbe luogo a Parigi nel 1586) il cui testo viene ripreso nell’Acrotismus (edito a Praga nel 1588) la critica alla filosofia naturale di Aristotele è svolta attraverso tesi, che riguardano nozioni fondamentali come natura, movimento, tempo, luogo, e così via.
Nella Lampas Bruno prosegue tale opera di ridefinizione dei termini filosofici, iniziata già nel De la causa, principio et uno: egli traduce le sue rivoluzionarie concezioni filosofiche nel linguaggio della tradizione e nel far questo piega i significati e li trasforma, collegandoli in una nuova trama.
Nel “trattato delle trenta statue” il filosofo appare mosso da un forte intento sistematico: ossia dall’esigenza di procedere in modo scientifico nell’esposizione dei capisaldi della ‘nova filosofia’. L’architettura del sapere entro cui vengono disposti i contenuti speculativi è un museo immaginario di statue/concetti: Apollo (unitas), Saturno (principium), Prometeo (agens), Vulcano (forma), Teti (causa materialis), Sagittario (causa finalis) and Monte Olimpo (finis)…e cosi via.
Nel plasmare le statue, attingendo al vastissimo repertorio della mitologia, Bruno impiega il “sigillo di Fidia” (Explicatio triginta sigillorum), come per prima intuì Frances Amelia Yates (The Art of Memory, 1966).
Il mio lavoro si prefigge di mettere a fuoco i caratteri originali dell’ars memoriae bruniana e le forme in cui l”arte dei sigilli’ è utilizzata nella Lampas, sviluppando l’indicazione della Yates.
Una figura per molti aspetti centrale si è rivelata quella di Prometeo, l’architetto della fantasia, lo scultore che per primo foggiò statue di argilla infondendovi lo “spiritus”. Negli scritti bruniani, in particolare nella Lampas e nel De Imaginum, tale figura diviene l’archetipo dell’attività fantastica, l’immagine simbolo della prassi dell’artista della memoria. Nel mio lavoro ho dedicato una particolare attenzione alle modalità con cui Bruno componeva le immagini (che consistono in descrizioni verbali estremamente dettagliate) attraverso la ricerca delle fonti letterarie e iconologiche (da Boccaccio ad Ovidio ai mitografi rinascimentali Vincenzo Cartari e Natale Conti).
L’opera è stata presa in considerazione soprattutto alla luce dell’intento didattico che la percorre e la anima: la figurazione delle nozioni più astratte mediante statue sensibili, che si rendono presenti all’esplorazione della vista e dell’intelletto. L”ars inventiva per triginta statuas’ vuol essere in primo luogo un nuovo modus docendi, un “pensare per immagini” che è nel medesimo tempo un “pensare per concetti”. La “discursiva architectura” che ospita le statue non va pensata statica ed immobile, come accade per gli edifici fisici: le statue infatti possono essere mutate di sede e collegate tra loro in modi diversi, così come suggerisce il personale ingegno di ciascuno.
Le immagini bruniane sono imagini agentes, ossia di particolare efficacia sul piano emotivo, capaci di attivare i processi cognitivi.
Attraverso l’analisi dei testi e l’esame delle fonti ho cercato di delineare via via la fisionomia dell’opera, la struttura e il funzionamento della Lampada, i caratteri e gli scopi del complesso apparato logico linguistico ideato da Bruno.
Nel primo capitolo: “La struttura profonda della Lampas”, ho presentato la grande cornice che racchiude la galleria di statue: le due triadi degli infigurabilia, che costituiscono insieme le fondamenta dell’architettura bruniana e le basi metafisiche dell’ars inventiva che qui trova applicazione.
Nel secondo capitolo: “Statue e alberi”, si viene introdotti all’uso bruniano dell’artificio mnemonico della “statua”. Tramite la prima serie di statue (Apollo, Saturno, Prometeo, Vulcano Teti, Sagittario e Monte Olimpo) viene illustrato il processo della creazione, naturale e umana.
Si è cercato di ripercorrere la trama dei riferimenti lessicali, in particolare al V libro della Metafisica di Aristotele. L’immagine dell'”albero” negli scritti bruniani e l’impiego di “alberi” nella sezione dedicata da Bruno alla logica nella Lampas vengono esaminati nei rapporti sia con la tradizione lulliana sia con quella di matrice aristotelico-scolastica.
L’attività creativa è simboleggiata dalla figura di Prometeo, lo scultore di statue vive, l’artefice delle cose naturali e delle cose artificiali. Nel terzo capitolo: “Il mito di Prometeo nella Lampas triginta statuarum” si conduce un’approfondita analisi della Statua dedicata da Bruno al Titano, al fine di metterne in luce la particolare rilevanza nel quadro dell’opera.
Nelle due statue dedicate a Minerva (De campo Minervae, seu de noticia e De schala Minervae, seu de habitibus cognitionis) Bruno non ci offre l’immagine della dea. Al ritratto di Minerva tratteggiato da Bruno nell’Oratio Valedictoria è dedicata l’ultima sezione (“Minerva in ombra di luce”).
Nella Lampas Bruno mette in pratica la sua arte della memoria che affonda le sue radici nell’arte vivente della natura e rappresenta una nuova “methodus”, adeguata alle strutture cognitive della mente umana. Il problema dei rapporti tra arte della memoria, teoria della conoscenza e dottrina dell’anima è un tema di cui ho rilevato gli aspetti salienti e che a mio avviso merita di essere ulteriormente approfondito, cosa che mi auguro di poter fare
Accanto alla figura dell’ingegnoso architetto e del coltivatore del “campus” fantastico, nel mio lavoro emerge l’immagine di un Bruno “filosofo”, un pensatore sistematico e rigoroso, profondo conoscitore delle dottrine aristoteliche da lui a lungo combattute.

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Logica, Tesi

eBook di filosofia: M. Reale, Le ragioni della politica. J. J. Rousseau dal “Discorso sull’ineguaglianza” al “Contratto”

mario reale

Mario Reale, Le ragioni della politica. J. J. Rousseau dal “Discorso sull’ineguaglianza” al “Contratto”

“Il saggio riprende la difficile discussione su tema, ineliminabile per la comprensione dell’intero Rousseau politico, che è il suo giusnaturalismo; l’analisi è accompagnata da una disamina critico-filologica della celebre e singolare posizione di Ulpiano, e quindi, tra molti altri testi, degli autori più o meno vicini all’analisi di Rousseau: Montaigne, Pascal, Spinoza, Montesquieu, Diderot. La conclusione accerta insieme l’ardua problematicità e l’originalità della riflessione roussoiana sulla legge di natura. “

Grazie ai progetti di Alternanza Scuola Lavoro e “Esercitare il pensiero”, a cura di Antonio Coratti, è possibile fruire dell’opera digitalizzata Le ragioni della politica di Mario Reale nel portale “Filosofia in movimento“.

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna, Filosofia politica

Diciottesimo Secolo. Rivista della Società Italiana di Studi sul Secolo XVIII: una rivista online sul Settecento

Diciottesimo secolo

Diciottesimo Secolo è la rivista della Società Italiana di Studi sul Secolo XVIII (SISSD) che pubblica articoli e saggi sul Settecento in una prospettiva multidisciplinare.

“It is committed to hosting critical debates covering a full range of eighteenth century subjects: from literature to history, from law to religion, from philosophy to science, from anthropology to the fine arts, from linguistics to ethics, from theatre to music. It is also intended as an instrument for providing updated information about current Italian research in eighteenth-century studies.”

1 Commento

Archiviato in Filosofia moderna, Periodici

eBook di filosofia: B. Mandeville , Un traité sur les passions hypocondriaques et hystériques

Maldeville

Bernard Mandeville , Un traité sur les passions hypocondriaques et hystériques

A cura di Sylvie Kleiman-Lafon; Traduttore: Sylvie Kleiman-Lafon

“De l’œuvre très riche de Bernard Mandeville, la postérité n’a guère retenu que la très controversée Fable des abeilles, qui lui vaut encore aujourd’hui de passer pour l’apôtre du libéralisme le plus cynique. Son Traité des passions hypocondriaques et hystériques, seul ouvrage médical de ce médecin philosophe, fait partie de ses œuvres les moins connues en Grande-Bretagne comme en France.
Il mérite cependant d’être lu à plus d’un titre, car Mandeville y fait entendre un discours pragmatique étonnamment moderne sur la relation entre le malade et le patient. La parole et le récit de soi sont au centre du processus de guérison, et annoncent la cure par la parole théorisée par la psychanalyse. La forme du dialogue n’y est pas une simple stratégie didactique, elle est le véhicule de la cure et la cure elle-même.
Le Traité de Mandeville s’inscrit également dans une tradition de réflexion sur la mélancolie qui remonte à l’antiquité mais qui affirme son actualité au xviie siècle avec la parution de l’œuvre majeure de Robert Burton (The Anatomy of Melancholy) en 1621, et devient ce « mal anglais » que décrira George Cheyne un siècle plus tard (The English Malady), en 1733, soit trois ans seulement après la seconde édition révisée et augmentée du Traité de Mandeville.”

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia della medicina, Filosofia moderna, Storia e Filosofia della Scienza

Les essentiels de la philosophie française: i classici online della filosofia francese

BNF biblioteca essenziale filosofia

In Gallica, la ricchissima biblioteca digitale della Biblioteca nazionale di Francia, potete trovare “Les essentiels de la philosophie française“.

Il portale presenta una selezione online delle edizioni originali dei classici della filosofia francese dal 1500 al secolo scorso.

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Filosofia contemporanea, Filosofia moderna

S I E F A R – Dictionnaire des femmes de l’Ancienne France: dizionario online delle donne francesi

Christine_de_France

S I E F A R – Dictionnaire des femmes de l’Ancienne France è il dizionario online che si propone di colmare l’assenza di figure femminili (poetesse, filosofe, intellettuali…) nella maggior parte dei dizionari presenti. Sono presenti nel dizionario donne che hanno scritto in lingua francese e/o che hanno avuti contatti con l’ambiente culturale francese.

Ogni voce contiene:

  • biografia
  • elenco delle opere
  • bibliografia sintentica
  • scelta iconografica
  • linkografia
  • notizie sulla “fortuna” del personaggio analizzato.

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Bibliografie, Dizionari, Filosofia medievale, Filosofia moderna, Uncategorized

La biblioteca di Leonardo: la mostra online con la ricostruzione digitale dei testi

biblioteca di leonardo

La biblioteca di Leonardo è la mostra online curata dal Museo Galileo in collaborazione con l’Edizione Nazionale dei Manoscritti e dei Disegni di Leonardo da Vinci, l’Accademia Nazionale dei Lincei e la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, realizzata nel quadro del progetto di ricerca FISR «Scienza, storia, società in Italia. Da Leonardo a Galileo alle “case” dell’innovazione», promosso e sostenuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

La mostra è la ricostruzione virtuale della biblioteca di Leonardo che è uno degli aspetti meno conosciuti del suo laboratorio vinciano, perché si tratta di una biblioteca “perduta”. Un solo libro è stato finora identificato, il celebre trattato di architettura e ingegneria di Francesco di Giorgio Martini (nel manoscritto della biblioteca Laurenziana, postillato da Leonardo). Di tutti gli altri libri è possibile però ricostruire la fisionomia analizzando le molte indicazioni presenti nei codici vinciani (nomi di autori, titoli di opere, liste di libri, citazioni). La biblioteca online raccoglie le digitalizzazioni di tutti i libri, selezionati nell’esemplare a stampa o manoscritto più vicino a quello citato, posseduto o utilizzato da Leonardo, e consente di consultarli in un unico ambiente di ricerca. Gli autori e i testi sono introdotti da schede descrittive elaborate da un’équipe internazionale di specialisti dell’opera di Leonardo e degli autori presenti nella biblioteca. Tutti i contenuti della biblioteca sono interrogabili con modalità di ricerca semplice ed avanzata, e collegati direttamente alle pagine dei codici vinciani.

“Dopo l’iniziale formazione fiorentina, legata alla cultura popolare dei mercanti e delle botteghe di artisti, artigiani e ingegneri, Leonardo si era avvicinato con crescente interesse al mondo dei libri e della parola scritta, diventando un appassionato lettore. Alla fine della sua vita, arrivò a possedere quasi duecento volumi: un numero straordinario, un numero straordinario per un artista-ingegnere del Quattrocento: testi tecnici, scientifici, filosofici, ma anche letterari e religiosi, testimonianza di un ininterrotto dialogo con gli autori antichi e moderni (o, come li chiamava lui, gli «altori»). Cosa leggeva Leonardo? Da ragazzo e da giovane, figlio di notaio (ser Piero) e nipote di mercante (nonno Antonio) si era formato in un ambiente in cui i libri e la scrittura erano del tutto familiari. Tra le sue prime letture, Dante e la Bibbia, e poi la poesia epico-cavalleresca (il Morgante di Pulci), la poesia lirica (Petrarca) e quella giocosa (Burchiello), le novelle, le facezie, le favole, le cronache e le storie. Isuoi primi libri sul mondo e sulla natura sono la Storia naturale di Plinio il Vecchio e le Metamorfosi di Ovidio: grandi opere aperte alle notizie del fantastico, del meraviglioso e del mito. Sono quasi tutti libri in volgare: Leonardo non conosceva il latino, e avrebbe tentato di impararlo da solo dopo i quarant’anni, raccogliendo un po’ di testi di grammatica e retorica, e di vocabolari, per migliorare la lingua e lo stile.Nel giro di pochi anni, però, lo scaffale scientifico e tecnologico si arricchisce di testi di medicina e chirurgia, filosofia, fisica, meccanica, ottica, matematica, geometria.  Alcuni «altori» fondamentali sono avvicinati anche con l’aiuto di maestri come Francesco di Giorgio e Luca Pacioli, che traducono e spiegano all’amico artista i testi più difficili. La lettura di Vitruvio ispira il celebre disegno dell’Uomo vitruviano (oggi a Venezia), che nasce come contributo visivo al dibattito sulle proporzioni ideali dell’uomo esposte nel De architectura. Euclide e Archimede sono avvicinati nel tentativo di rifondare la prospettiva e la scienza della pittura su basi matematiche, e di individuare i princìpi unificanti di tutta la ricerca scientifica (l’ottica, la prospettiva, l’astronomia, la meccanica). Tra i moderni, l’autore più amatoè Leon Battista Alberti, di cui Leonardo conosce gran parte delle opere tecniche e artistiche: il De pictura, il De statua, il De re aedificatoria, i Ludi matematici, il De nave.

Leonardo entra in contatto diretto con la nuova rivoluzionaria tecnologia di diffusione dei testi e della cultura, l’invenzione della stampa a caratteri mobili, avviata da Gutenberg in Germania alla metà del Quattrocento e subito diffusa in tutta Europa. Gran parte dei suoi libri è a stampa: incunaboli di formati e tipologie diverse, dalle piccole edizioni popolari, in quarto o in ottavo, di pochi fogli, ai grandi volumi in folio. Tra essi, alcuni dei più belli libri illustrati del Rinascimento: il trattato del Valturio, con le immagini delle macchine belliche; il Fasciculo de medicina con le prime illustrazioni scientifiche del corpo umano; la Cosmografia di Tolomeo, il primo libro moderno di geografia con la rappresentazione visiva del planisfero e delle regioni del mondo (non a caso, nel proemio al trattato di anatomia, Leonardo avrebbe paragonato le tavole anatomiche del corpo umano, chiamato «mondo minore» e cioè microcosmo, alle carte geografiche di Tolomeo).  In molti libri è fondamentale il rapporto tra parola e immagine,ereditatodallatradizione manoscritta alla fine del Medioevo, e già ben familiare a Leonardo (negli zibaldoni di artisti e ingegneri del Quattrocento come Francesco di Giorgio, Taccola, Ghiberti). I loro apparati di immagini, a loro volta, erano fonte di ispirazione, e anche una sfida ad andare oltre, a migliorarnela rappresentazione visiva con nuoveinvenzioni e scoperte (si pensiai mirabili disegni vinciani di macchine o di parti del corpo umano). L’unità dei linguaggi è al centro del metodo di Leonardo, sintetizzato dall’espressione «figurare e descrivere».

 

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, Filosofia moderna, Mostre on-line

Querelle: il sito che raccoglie le opere della “querelle des femmes”

marie-de-gournay_header_1300_300

Querelle è l’interessante sito canadese che raccoglie le opere degli autori che intervennero nella querelle des femmes. Più precisamente sono presenti i testi scritti in lingua inglese, francese, italiana e latina, prodotti tra il 1487 (quando Goggio scrisse il De Mulieribus) e il 1693 (data di pubblicazione da parte di Gabrielle Suchon del Traité de la morale et de la politique). Querelle è parte del progetto “Equality and Superiority in Renaissance and Early Modern Pro-Woman Treatises” (“Equality Project”), diretto dalla prof.ssa Marguerite Deslauriers del Dipartimento di Filosofia della McGill University.

“The querelle was a debate about the nature and worth of women that unfolded in Europe from the medieval to the early modern period. Our research focuses primarily on the 16th and 17th centuries, and on authors in Italy and France — both women and men — who circulated some of the earliest feminist arguments.

Nel sito trovate anche una timeline e una sezione dedicata agli autori (Authors page), mentre sono in fase di implementazione altre sezioni orientate all’analisi testuale e alla ricaduta didattica della tematica.

Lascia un commento

Archiviato in Biblioteche digitali, eBook di Filosofia, Filosofia moderna

eBook di filosofia: J.-C. Goddard e M. Maesschalck (a cura di), Fichte : la philosophie de la maturité

Johann_Gottlieb_Fichte_2

Jean-Christophe Goddard e Marc Maesschalck (a cura di), Fichte : la philosophie de la maturité (in 3 tomi)

Tome I: Les derniers exposés de la Doctrine de la science

Tome II: Philosophie appliquée

Tomo III: Confrontations et interprétations

“Les trois tomes de « Fichte : la philosophie de la maturité » regroupent les contributions faites en 2002 par les membres du Groupe d’Études Fichtéennes de Langue Française (GEFLF) lors des colloques de Louvain-la-Neuve et d’Aix-en-Provence.Dans le troisième tome ont été rassemblés des textes qui articulent et confrontent la démarche spéculative et phénoménologique du dernier Fichte aux traditions philosophiques contemporaines – l’hégélianisme, le perspectivisme nietzschéen, la phénoménologie husserlienne, le cognitivisme.”

 

Lascia un commento

Archiviato in eBook di Filosofia, Filosofia moderna